Bimba triste
Bimba triste
Servizi sociali

Talidomide, dopo 50 anni arrivano le scuse del gruppo Gruenenthal

Lo scandalo dei bimbi focomelici, interviene anche il presidente dell'Associazione Thalidomidici Italiani. Il farmaco fu venduto negli anni cinquanta e sessanta come sedativo, anti-nausea e ipnotico

Il produttore tedesco di un noto farmaco che ha causato la nascita di migliaia di bambini con le braccia e le gambe più corte, o non di tutti gli arti, Venerdì 31 agosto ha pubblicato per la prima volta le scuse 50 anni dopo avere ritirato il farmaco dal mercato. L'Amministratore delegato del Gruppo Gruenenthal ha dichiarato che la società si è voluta scusare con le madri che hanno assunto il farmaco nel corso degli anni dal 1950 al 1960 e che hanno subito difetti congeniti alla nascita come risultato per i loro figli.

"Per 50 anni non siamo riusciti a parlare con le vittime e le loro madri. Invece siamo rimasti in silenzio, e ci dispiace molto per questo. Il talidomide sarà sempre parte della storia della nostra compagnia". A parlare è Harald Stock, amministratore delegato della Gruenenthal, azienda che ha prodotto il farmaco prescritto per disturbi in gravidanza e causa di malformazioni agli arti per 20mila bambini. Le scuse ufficiali sono arrivate con l'inaugurazione di un memoriale dedicato alle vittime a Stolberg, la città tedesca sede dell'azienda, ma probabilmente non basterà la statua dell'artista tedesco Bonifatius Stirnberg, costata 5mila euro, a placare la rabbia delle vittime.

Il talidomide è un farmaco che fu venduto negli anni cinquanta e sessanta come sedativo, anti-nausea e ipnotico, rivolto in particolar modo alle donne in gravidanza. Si trattava di un farmaco che aveva un bilancio rischi/benefici estremamente favorevole rispetto agli altri medicinali disponibili all'epoca per lo stesso scopo (i barbiturici). Venne ritirato dal commercio alla fine del 1961, dopo essere stato diffuso in 50 paesi sotto quaranta nomi commerciali diversi, fra cui il Contergan. Prodotto in forma di racemo, fu ritirato dal commercio in seguito alla scoperta della teratogenicità di uno dei suoi enantiomeri: le donne trattate con talidomide davano alla luce neonati con gravi alterazioni congenite dello sviluppo degli arti, ovvero amelia (assenza degli arti) o vari gradi di focomelia (riduzione delle ossa lunghe degli arti), generalmente più a carico degli arti superiori che quelli inferiori, e quasi sempre bilateralmente, pur con gradi differenti.

"In Italia solo da pochi anni abbiamo visto riconosciuto un indennizzo da parte dello Stato - sottolinea Vincenzo Tomasso, presidente dell'Associazione Thalidomidici Italiani - anche se problemi burocratici stanno mettendo ostacoli per alcuni nostri associati. Dalla Grunenthal invece per 50 anni abbiamo visto solo un muro di gomma". "Per noi svedesi le scuse servono a ben poco", ha detto Bjorn Hakansson, presidente della svedese Società Talidomide, che ha spiegato: "Oggi 99 vittime svedesi del farmaco sono ancora vive e non hanno mai ricevuto niente dalla Gruenenthal". Stessa reazione dalle associazioni britanniche e australiani: "Le scuse presentate dalla Gruenenthal, la compagnia farmaceutica tedesca produttrice del Talidomide, sono "insufficienti" e "piene di inganni". Martin Johnson, direttore dell'associazione delle vittime del Talidomide in Gran Bretagna, ha dichiarato alla Bbc che, nonostante la positiva ammissione di responsabilità, la Gruenenthal perpetua il mito secondo cui i danni provocati dal farmaco fossero in realtà imprevedibili. La talidomide oggi è ancora in vendita, ma come trattamento per il mieloma multiplo, un tumore del midollo osseo e la lebbra. E' inoltre in fase di studio per vedere se può essere utile per le altre condizioni tra cui l'AIDS, l'artrite e altri tipi di cancro

Giovanni D'Agata, fondatore dello "Sportello dei Diritti" sottolinea notizie del genere giungano con troppo ritardo anche perché chi ripagherà la vita difficile di bambini oggi uomini adulti e si augura che ora in poi la sperimentazione di tutti i farmaci sia in grado di farci conoscere preventivamente ogni tipo di effetto collaterale per evitare che si verifichino in futuro casi di massa come quello che per stessa ammissione della casa farmaceutica tedesca.. Alla luce dell'ammissione degli eventi lo staff legale dello "Sportello dei Diritti" valuterà la possibilità di avviare una class action nei confronti dei soggetti responsabili.
  • Malasanità
  • Medicina
  • Malattie rare
Altri contenuti a tema
1 Da Barletta a Chicago: l'oncologa Angela Damato e la ricerca Nivacor Da Barletta a Chicago: l'oncologa Angela Damato e la ricerca Nivacor Nella sua ricerca sono stati presi in considerazione pazienti affetti da tumore del colon-retto metastatico
A Barletta l'incontro “Sordità e isolamento sociale nel paziente con demenza”. A Barletta l'incontro “Sordità e isolamento sociale nel paziente con demenza”. Approfondimento scientifico su un disturbo a cui si associa anche un deterioramento cognitivo
1 Malasanità in Puglia: 11 persone indagate, le dichiarazioni di Forza Italia Malasanità in Puglia: 11 persone indagate, le dichiarazioni di Forza Italia «Le condotte delineate si sarebbero sostanziate nella promessa di posti di lavoro da parte di alcuni pubblici ufficiali, in cambio di plurime utilità (anche sessuali)»
Giornata mondiale delle malattie rare, il castello di Barletta si illumina di azzurro Giornata mondiale delle malattie rare, il castello di Barletta si illumina di azzurro Il maniero sarà illuminato da oggi al 28 febbraio
“La Mela di AISM”: l'iniziativa torna a Barletta per la lotta alla sclerosi “La Mela di AISM”: l'iniziativa torna a Barletta per la lotta alla sclerosi I volontari presenti al centro commerciale, all'ospedale, in corso Vittorio Emanuele, parrocchie e alle spalle della Cattedrale
Prelievi di cornee a cuore fermo: il primo nella Asl Bt Prelievi di cornee a cuore fermo: il primo nella Asl Bt L'equipe, guidata dalla dottoressa Antonietta Paccione, mentre il prelievo è stato effettuato dal dottor Pasquale Attimonelli
Farmaci, Codacons diffida anche l'ordine dei medici di Barletta Farmaci, Codacons diffida anche l'ordine dei medici di Barletta Obbligatorio informare i pazienti sui rapporti con le aziende farmaceutiche
Giornate mondiali sul tumore al pancreas e del diabete, il Castello si colora Giornate mondiali sul tumore al pancreas e del diabete, il Castello si colora Il castello, luogo simbolico per ricordare le due celebrazioni, sarà illuminato di viola e blu
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.