IMG
IMG
Eventi

Convegno Valle dell’Ofanto, a lavoro per uno sviluppo sostenibile

Il Presidente Marino ha premiato a Barletta il piccolo Potito per la sensibilità dimostrata ai temi ambientali

"Creare sviluppo sostenibile come antidoto allo spopolamento giovanile dei centri urbani della Valle dell'Ofanto" questo il tema al centro del convegno di studi organizzato dal Presidente del Consorzio "Pro Ofanto", Michele Marino, che al termine della manifestazione ha consegnato il Premio "Sviluppo sostenibile 2019" al piccolo Potito Ruggiero Ciccone di Stornarella.

Il Consorzio "Pro Ofanto" nasce otto anni fa quando il concetto di economia sostenibile non era ancora in voga. Dal momento della sua costituzione ha cercato di costruire un piano di promozione d'immagine e brand identity per la Valle dell'Ofanto. Al fine di fissare i punti d'azione a favore della valorizzazione di quest'ultima, il convegno ha chiamato in campo professionisti del settore, docenti, architetti e figure politiche. Il percorso del fiume Ofanto ha una grande rilevanza non solo idro-geografica e naturalistica, bensì storica e
culturale. Un enorme potenziale che tuttavia non riesce ad emergere a causa delle difficoltà di avvicinamento delle tre regioni che ospitano il letto dell'Ofanto. «Dal 2014, la provincia è stata delegata dalla Regione Puglia di occuparsi della gestione e dell'iter di attuazione del parco. Nonostante le difficoltà, la provincia ha processato un atto di indirizzo per procedere all'elaborazione del progetto, perché se non c'è una regolamentazione legislativa, nulla può essere istituito. Il mio auspicio è che si possa pervenire quanto prima alla sua progettazione – ha così affermato l'avvocato Pierpaolo Pedone della Provincia Bat», Segue l'intervento del consigliere regionale Ruggiero Mennea, delegato dal Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano: «È giunto il momento di attuare la messa in sicurezza di un fiume trasformato da anni in discarica. Creare un piano strategico al fine di individuare le forze attrattive del parco e per far questo occorre chiamare tutti i soggetti portatori di interesse. Il nostro obiettivo non dovrà solo tutelare e valorizzare il paesaggio, ma produrre un'economia ecosostenibile. È una sfida ma la Regione Puglia è pronta ad accettarla».

«Ritengo importante questa giornata di approfondimento in quanto spesso nella costituzione di un progetto si tralascia l'approccio scientifico». Ricollegandosi all'idea proposta dal prof Valerio Presidente AICCRE, Federazione della Puglia, di creare una macro regione del mediterraneo al fine di intessere un dialogo con l'Europa, la senatrice Assuntela Messina afferma: «Prima di questo passaggio, dovremo individuare le nostre migliori figure professionali. Al primo posto la competenza. Infine, cambieremo il nostro concetto di tempo libero: dovrà trasformarsi in produttività e noi abbiamo tutte le carte per poterlo fare». Anche il senatore Dario Damiani era presente al convegno. «In questi anni non si è stati capaci di riunire le figure coinvolte attorno a un tavolo interregionale. Adesso ci impegneremo a portare avanti un disegno legislativo che si proporrà come fine quello di adunare gli enti interessati e portare a casa una nuova strategia per la nostra Valle dell'Ofanto».

Le tre sessioni hanno riguardato: la tutela ambientale e della biodiversità, il turismo sostenibile o responsabile e il progetto del Marchio identitario. Al termine, Il Presidente del Consorzio ha consegnato al piccolo Potito di undici anni un premio simbolico per la sensibilità dimostrata ai temi ambientali, manifestando in piena solitudine in occasione della mobilitazione mondiale Friday Future. «I valori trasmessi con il suo gesto sono molteplici: dignità, coraggio nell'affermazione delle proprie idee, creatività e consapevolezza dell'importanza della rivoluzione green. Non può che rappresentare per noi un piccolo grande modello di rifermento - conclude Michele Marino».
8 fotoValle dell’Ofanto, un convegno a Barletta
IMGIMGIMGIMGIMGIMGIMGIMG
  • Fiume Ofanto
Altri contenuti a tema
La Valle dell’Ofanto e il suo potenziale al centro del convegno a Barletta La Valle dell’Ofanto e il suo potenziale al centro del convegno a Barletta Il Presidente del Consorzio "Pro Ofanto" Marino consegnerà un premio al piccolo Potito di Stornarella
1 Inquinamento del fiume Ofanto, interviene il senatore Quarto Inquinamento del fiume Ofanto, interviene il senatore Quarto «Siamo molto preoccupati per lo stato di salute del fiume e chiediamo di potenziare il monitoraggio»
1 Preoccupazione per l'Ofanto, rilevato un alto livello di inquinamento da mercurio Preoccupazione per l'Ofanto, rilevato un alto livello di inquinamento da mercurio La lettera del Nucleo di Vigilanza ittico-faunistica, ambientale ed ecologica
Zone umide, aderisce anche il circolo Legambiente di Barletta Zone umide, aderisce anche il circolo Legambiente di Barletta Iniziative previste in tutta la Puglia: passeggiate, visite guidate e birdwatching
Fiume Ofanto, la Polizia municipale di Barletta prosegue il monitoraggio Fiume Ofanto, la Polizia municipale di Barletta prosegue il monitoraggio Questa mattina il fiume ha raggiunto il livello di metri 5,70
Esondato il fiume Ofanto, acqua e fango nelle campagne Esondato il fiume Ofanto, acqua e fango nelle campagne Non c'è pericolo per le città: sul posto anche i Vigili del Fuoco di Barletta
1 Parco del fiume Ofanto, il senatore Quarto chiede un immediato intervento Parco del fiume Ofanto, il senatore Quarto chiede un immediato intervento «È stato fatto poco o nulla per tutelare un territorio che racchiude bellezze paesaggistiche e patrimonio storico»
1 Ancora uno sfregio per il Parco Regionale del fiume Ofanto Ancora uno sfregio per il Parco Regionale del fiume Ofanto Il professor Ruggiero Maria Dellisanti commenta la denuncia del nucleo di vigilanza IFAE
© 2001-2019 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.