Estate
Estate
Associazioni

Spiaggia libera gestita dai beneficiari del Reddito di cittadinanza, la proposta

Damato, portavoce Movimento Amico: «L'Amministrazione Comunale non è ancora in grado di produrre un piano speciale»

«Vengo anch'io? No tu no. Come con un colpo di spugna da Ponente a Levante non tutti andranno al mare. Al nastro di partenza c'è una situazione di profonda incertezza e pare, ma lo chiediamo ai diretti interessati, che l'Amministrazione Comunale non sia ancora in grado di produrre un piano speciale per la gestione delle spiagge pubbliche in modo da renderle fruibili e sicure. Quali le modalità di accesso?» scrive Gaetano Damato, portavoce di Movimento AMICO.

«Persiste lo stato di emergenza nazionale e in tale clima non si possono - evidentemente - elaborare prescrizioni e cartelli informativi affidando la mancata diffusione del contagio al Buon Dio o alla lotteria del buon senso individuale. L' Amministrazione promulghi per tempo - ormai scarso - le norme di comportamento e i suoi punti chiave: distanziamento, igiene, utilizzo delle mascherine, flussi, spazi, disciplina, servizi igienici, punti doccia, sanificazione costante dei luoghi.... RISPETTO DELLE REGOLE.
Mi chiedo... Chi sorveglia? Chi controlla Chi? "AMICO" ritiene fattibile il coinvolgimento nel progetto spiagge libere dei beneficiari del Reddito di Cittadinanza sia pure con azione di supporto e secondo il proprio profilo. Per essere più espliciti compete all'Amministrazione Comunale la titolarità de progetto e delle procedure a sostegno della collettività attraverso il coordinamento della Protezione Civile. È obbligo dei beneficiari del sussidio diventare proficue risorse per la comunità ripagando l'investimento che lo Stato ha fatto nei loro confronti con la concessione del reddito impegnando un numero di ore settimanali da 8 a 16.

Così facendo "AMICO" ritiene possibile un triplice effetto :
- Non rimestare nella piaga delle difficoltà economiche e delle situazioni precarie
- Restituire una accettabile forma d dignità a chi si era rivolto al Reddito per necessità ma con la speranza di un lavoro
- Non smarrire la funzione sociale, fondamentale per il nostro territorio, in un replay di un replay già visto in campagna elettorale e soprattutto non defraudare i cittadini del loro diritto assoluto e inviolabile - costituzionalmente garantito- di poter accedere liberamente al mare.

Perché "AMICO" ritiene che si può cambiare la disciplina ma il diritto no. Il diritto non può essere eliminato. Come con un colpo di spugna».
  • Mare
Speciale Coronavirus

Speciale Coronavirus

Tutti gli aggiornamenti sull'emergenza che ha cambiato il mondo

1310 contenuti
Altri contenuti a tema
Covid-19, in Puglia altri 908 nuovi positivi in 24 ore Covid-19, in Puglia altri 908 nuovi positivi in 24 ore Nella giornata di oggi sono stati processati 7.572 tamponi
3 Vaccino anti-Covid, a Bari la seconda dose anche per la barlettana Lucilla Crudele Vaccino anti-Covid, a Bari la seconda dose anche per la barlettana Lucilla Crudele Al via i richiami per la vaccinazione a distanza di 21 giorni dalla prima somministrazione
Da oggi la Puglia torna in zona arancione. Cosa si può fare e cosa no Da oggi la Puglia torna in zona arancione. Cosa si può fare e cosa no Le restrizioni in vigore dal 17 gennaio. Prorogato al 30 aprile lo stato d'emergenza
Covid-19, 100 nuovi contagi nella Bat e 2 decessi Covid-19, 100 nuovi contagi nella Bat e 2 decessi Oltre 10mila i tamponi processati nelle ultime 24 ore
1 Barletta stringe le misure anti Covid-19 fino al 5 marzo, tutti i dettagli Barletta stringe le misure anti Covid-19 fino al 5 marzo, tutti i dettagli Tre ordinanze del sindaco Cannito: divieto d'accesso al lungomare Mennea nei giorni festivi
Insolito sabato "giallo" a Barletta, da domani scatta la zona arancione Insolito sabato "giallo" a Barletta, da domani scatta la zona arancione Ancora oggi l'occasione per un pranzo al ristorante o per un caffè al bar
Le nuove disposizioni ufficiali per la scuola fino al 23 gennaio Le nuove disposizioni ufficiali per la scuola fino al 23 gennaio Ecco il testo dell'ordinanza firmata da Michele Emiliano
Scuola, Emiliano: «Didattica digitale integrata al 100% per le superiori» Scuola, Emiliano: «Didattica digitale integrata al 100% per le superiori» Per la primaria e la secondaria di primo grado resta la scelta tra presenza e didattica a distanza
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.