Ginevra Speciale Disfida
Ginevra Speciale Disfida
La città

Speciale Disfida di Barletta: Ginevra di Monreale

Dalla fanciullezza al “matrimonio” con Grajano

Prima di partire con il nostro racconto riguardante Ginevra di Monreale, la principale figura femminile del romanzo "Ettore Fieramosca", è necessaria una premessa: poco o nulla si sa di quella che fu la vita privata di Ettore Fieramosca, soprattutto di quelli che furono i suoi amori al di fuori di quello tormentoso e tormentato per Ginevra raccontato nel romanzo di Massimo D'Azeglio.

Dopo questa doverosa precisazione che dedichiamo ai più solerti tra i nostri lettori, è giunto il momento di raccontare le vicende di Ginevra.

Figlia del Conte Bosio di Monreale, un nobile della città di Capua molto amico di Rinaldo Fieramosca, padre di Ettore, Ginevra di Monreale è il grande e tormentatissimo amore di Ettore Fieramosca. Un qualcosa a metà strada tra Elena di Troia e Lucia Mondella.

Ettore e Ginevra si conoscono sin da ragazzini, quando Fieramosca, tramite suo padre Rinaldo, frequenta la residenza del Conte Bosio. Tra i due nasce ben presto un amore che, causa la vita militare intrapresa dal Fieramosca e le rocambolesche vicissitudini che senza soluzione di continuità segneranno la vita di Ginevra, non vedrà mai il lieto fine.

Ettore parte giovanissimo in Lombardia al servizio di Ludovico il Moro (vicenda narrata all'interno del romanzo sulla quale al momento non vi sono riscontri storici, detto per i più precisini) accompagnato dalle lacrime di Ginevra, che gli regalerà quella celebre "fascia azzurra" che da quel momento diventerà l'inconfondibile segno distintivo del cavaliere capuano.

Al suo ritorno a Capua dalla Lombardia, descrive Ginevra come ormai "la più bella giovine del Reame". Fieramosca, seppur ancora molto giovane, è diventato uno dei più famosi ed apprezzati soldati italiani in circolazione, il che, se possibile, lo rende ancora più attraente agli occhi di Ginevra, ed è qui che Ettore commette quello che a posteriori si rivelerà, in tema d'amore, forse il più esiziale dei suoi sbagli, iniziando, come diremmo oggi, a "tirarsela" un po troppo nei confronti della sua amata. Ginevra non la prende affatto bene e quando Ettore una sera si decide finalmente a dichiarare apertamente i suoi sentimenti, la bella erede del Conte Bosio, quasi infastidita da tanta audacia, arrossisce in volto e scappa senza proferir parola, lasciando Fieramosca letteralmente di sasso.

Sconfortato dal rifiuto di Ginevra, Ettore, letteralmente con la morte nel cuore (e non solo in quello) decide di partire per unirsi alle truppe fedeli a Ferrante d'Aragona nella resistenza all'avanzata delle truppe francesi di Re Carlo VIII. Durante i combattimenti rimane seriamente ferito alla testa, a tal punto da essere costretto a un periodo di convalescenza lungo circa due mesi.

Intanto i francesi avanzano fino a penetrare nei territori del Regno di Napoli. Ai loro ordini combatte un valente cavaliere italiano: Claudio Grajano d'Asti. Quando i soldati gigliati (francesi) entrano in Capua assediano la residenza del Conte Bosio da Monreale riducendolo in fin di vita, e quando Grajano d'Asti penetra nella fortezza determinato a porre fine all'agonia del conte, Ginevra, disperata, gli si getta letteralmente ai piedi implorando pietà per se e per suo padre morente offrendosi come sposa al soldato piemontese.

Fieramosca, che aveva avvistato Ginevra mentre quest'ultima è al seguito di alcuni soldati francesi e di un generale ferito, viene al corrente di quanto accaduto nel feudo dei Monreale mentre si trova a Roma presso casa del suo amico Franciotto. A questo punto decide di raggiungere con uno stratagemma la sua amata presso la sua residenza romana. Alla vista di Ettore Ginevra sviene per l'emozione, ma una volta riavutasi racconta per filo e per segno quanto accaduto a lei e a suo padre nelle fortezza di Capua. Grajano, nel frattempo, è a letto al piano di sopra, alle prese con una ferita alla testa che fatica a rimarginarsi. Una volta rimessosi, Grajano si accorda col Valentino (Cesare Borgia) per recarsi a combattere in Romagna e nelle Marche nella guerra ai signori del luogo volta a restituire questi territori al Papato. Quale sia stato il prezzo dell'accordo tra Grajano d'Asti e il Valentino non è dato saperlo. Fatto sta che da quel momento quest'ultimo posa gli occhi sulla bella Ginevra architettando un piano che a definirlo diabolico non si va tanto lontani dal vero. Durante la cena che sancisce l'accordo tra il Borgia e Grajano, dopo aver bevuto del vino, Ginevra inizia a sentirsi stanca e affaticata. Questa sua condizione durerà qualche giorno, fino a quando una sera, davanti al Fieramosca, Ginevra viene colta da un improvviso malore. Una volta ripresasi, viene portata a letto per riposarsi. La mattina seguente lo stato di salute di Ginevra sembrò tutt'altro che migliorato, e fu a questo punto che si decise di farla visitare da tal maestro Jacopo da Montebuono. Quest'ultimo dopo qualche ora diede Ginevra ormai per spacciata, al punto di mandare a chiamare un prete per impartirle l'ultimo e il più triste tra i sacramenti.

Al calar della sera, tra lo scoramento della sua famiglia, Ginevra viene dichiarata morta.

Fonti bibliografiche:
  • "Il romanzo della Disfida. Ettore Fieramosca o La disfida di Barletta di Massimo d'Azeglio in lingua corrente" di Ruggiero Doronzo (Edizioni L'Aurora Serafica)
  • "Storia d'Italia. L'Italia della Controriforma (1492-1600) (Vol. 4) di Indro Montanelli, Roberto Gervaso
  • Enciclopedia online www.treccani.it
  • Disfida di Barletta
Altri contenuti a tema
Istituita con legge regionale n. 3/2024 la Fondazione Disfida di Barletta Istituita con legge regionale n. 3/2024 la Fondazione Disfida di Barletta Emiliano: «L’istituzione della Fondazione della Disfida di Barletta darà un rinnovato impulso alle attività della Rievocazione Storica»
Domenica 18 febbraio il corteo per il 521° anniversario della Disfida di Barletta Domenica 18 febbraio il corteo per il 521° anniversario della Disfida di Barletta Tutti i divieti temporanei per consentire il passaggio dei figuranti
La Disfida di Barletta e la storia del suo monumento La Disfida di Barletta e la storia del suo monumento Il racconto dell'archivista di Stato Michele Grimaldi
5 Omaggio alla Disfida con una camminata all'Epitaffio in contrada Sant'Elia Omaggio alla Disfida con una camminata all'Epitaffio in contrada Sant'Elia Successo (nonostante il tempo incerto) per l'iniziativa promossa dagli "Amici del Cammino"
Disfida di Barletta, gli eventi in programma per il 521° anniversario Disfida di Barletta, gli eventi in programma per il 521° anniversario Gli eventi promossi dall'amministrazione comunale
"Il Cammino dei Cavalieri", l'11 febbraio raduno all'Epitaffio della Disfida "Il Cammino dei Cavalieri", l'11 febbraio raduno all'Epitaffio della Disfida L'iniziativa promossa dagli "Amici del Cammino" per l'anniversario della sfida
Istituita la Fondazione della Disfida di Barletta Istituita la Fondazione della Disfida di Barletta Via libera del consiglio regionale, la nota del capogruppo di "CON" Giuseppe Tupputi
Con l'amore per la Disfida di Barletta: è scomparso Gino Vitrani Con l'amore per la Disfida di Barletta: è scomparso Gino Vitrani Aveva animato tante iniziative legate alla rievocazione. Oggi i funerali
© 2001-2024 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.