Bilancio
Bilancio
Scuola e Lavoro

Soldani: «La pressione fiscale italiana ai vertici d’Europa. Imprese del Sud le più sfavorite»

Il Presidente dell’Ordine dei Commercialisti e degli Esperti Contabili di Trani commenta lo studio della Fondazione Nazionale dei Commercialisti Italiani

«Mentre in queste ore il Fisco italiano comincia a far ripartire 9 milioni di cartelle esattoriali nei confronti di cittadini e imprese, dopo la moratoria da pandemia, uno studio della Fondazione Nazionale dei Commercialisti mostra che l'Italia è uno dei Paesi europei con la maggiore pressione fiscale. Una tassazione che blocca ogni velleità di rilancio competitivo dell'Italia sullo scacchiere mondiale. Una tassazione che penalizza proprio le imprese meridionali. Già alle prese con la stretta creditizia che rende difficoltoso il rapporto con gli istituti di credito».

È il monito lanciato dal Presidente dell'Ordine dei Commercialisti ed Esperti Contabili di Trani, Antonello Soldani che parte proprio dai dati contenuti nello studio della Fondazione Nazionale dei Commercialisti "Analisi della pressione fiscale in Italia, in Europa e nel mondo. Struttura ed evoluzione dei principali indicatori di politica sociale": dopo cinque anni di ininterrotto calo della pressione fiscale in Italia, nel 2019 si è verificato un brusco incremento di 0,7 punti che ha riportato il suo livello complessivo indietro di quattro anni. Ma al netto del sommerso e dell'economia illegale, pari al 12% del Pil, ovvero 215 miliardi di euro, raggiunge il 48,2% (+5,8% rispetto a quella ufficiale), la posizione più alta fra i paesi europei.

Nonostante gli interventi sul cuneo fiscale degli ultimi anni, l'indicatore Ocse che misura il cuneo pone l'Italia ai primi posti in Europa: terzo posto per dipendente single con il 48% e primo posto per dipendente sposato con due figli con il 39,2%. La pressione fiscale sulle famiglie invece – secondo i commercialisti -, è risultata nel 2019 pari al 18,0%, in crescita di 0,3 punti rispetto al 2018.

Nel confronto internazionale, la pressione fiscale si mostra sbilanciata dal lato del lavoro rispetto al consumo. Infatti, nell'ultimo anno con dati disponibili per un confronto, il 2018, l'Italia si pone al 7° posto nel primo caso e al 21° posto nel secondo. In particolare, per il gettito Iva in rapporto al Pil, l'Italia si colloca al 26° posto nella graduatoria EU27, mentre per il gettito dell'imposta personale sul reddito, l'Italia si colloca al 5° posto.

«L'obiettivo di questo studio – conclude Antonello Soldani – è quello di scattare una fotografia reale della pressione fiscale in Italia per consentire a chi ha la responsabilità di Governo di decidere con cognizione di causa, senza condizionamenti ideologici. I Commercialisti e gli Esperti contabili, ancora una volta, sono al fianco delle imprese e dei cittadini e ricordano che una fiscalità equa è il primo passo verso l'emersione del sommerso che sottrae Pil e risorse al Paese».
  • Lavoro
  • Impresa
Altri contenuti a tema
Rinnovato il contratto collettivo per i dipendenti dei consorzi di vigilanza campestre di Bari e Bat Rinnovato il contratto collettivo per i dipendenti dei consorzi di vigilanza campestre di Bari e Bat FAI FLAI UILA: «Importante rinnovo per le guardie campestri»
Formazione e educazione linguistica, anche nella Bat nasce Federlingue Confcommercio Formazione e educazione linguistica, anche nella Bat nasce Federlingue Confcommercio L'associazione riunisce le imprese operanti nel settore dei servizi linguistici
1 Dalla Puglia altri 10 milioni di euro per la ripartenza del settore della cultura Dalla Puglia altri 10 milioni di euro per la ripartenza del settore della cultura L'assessore regionale Bray: «Facciamo lavorare gli operatori, le imprese e i lavoratori del comparto»
Anche Barletta oggi ricorda le persone morte sul lavoro Anche Barletta oggi ricorda le persone morte sul lavoro L'omaggio dell'Amministrazione comunale
Puglia: seconda regione in Italia per le politiche di occupazione femminile Puglia: seconda regione in Italia per le politiche di occupazione femminile Dopo il Lazio, la Puglia approva il gender procurement per sanare le differenze di genere sul lavoro
Licenziata dopo il Covid, Alessandra torna a Barletta per ricominciare Licenziata dopo il Covid, Alessandra torna a Barletta per ricominciare La storia di un ritorno e di un nuovo progetto di vita
PON Inclusione: consegnati gli attestati ai partecipanti dei corsi di formazione PON Inclusione: consegnati gli attestati ai partecipanti dei corsi di formazione La cerimonia al Castello di Barletta questa mattina
Il lavoro femminile dopo il Covid, raccontaci la tua storia Il lavoro femminile dopo il Covid, raccontaci la tua storia Vogliamo raccogliere le storie delle donne della nostra terra
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.