Maria Campese, consigliere comunale. <span>Foto Tommaso Francavilla</span>
Maria Campese, consigliere comunale. Foto Tommaso Francavilla
Politica

Socialisti in maggioranza, per Maria Campese è un «ribaltone»

«Il centrosinistra che ha vinto le elezioni non esiste più»

Parlano di «ribaltone» il consigliere comunale Maria Campese e il portavoce Giuseppe Defazio a poche ore dalla diffusione di quanto è stato dibattuto in un'ultima riunione di maggioranza. Un dibattito che ha travolto il suo partito di riferimento - Sinistra Unita - e la compagine dei socialisti che sono passati a rinforzo del sindaco Cascella. «A Barletta il centro sinistra che aveva vinto le elezioni amministrative del 2013, e consentito a Pasquale Cascella di diventare sindaco, non esiste più. Il Partito Democratico, con Scelta Civica, Buona Politica, Centro Democratico ed alcuni transfughi ricompongono lo stesso quadro politico rimettendo insieme i pezzi che mandarono a casa Maffei. Dopo l'intervento del 27 dicembre 2015, in cui chiedevamo chiarimenti alla nostra coalizione dell'immobilismo decisionale, nonostante fosse stato fatto un importante percorso di condivisione degli obiettivi da raggiungere e degli strumenti di cui ci si voleva dotare per raggiungere gli stessi, con la sottoscrizione di un documento da parte di tutti i partiti della coalizione che si era presentata insieme alle amministrative del 2013, Sinistra Unita riceveva un invito a partecipare ad un tavolo politico che vedeva la presenza del PSI senza una condivisione preventiva. A tale incontro ci veniva sottoposto un documento che di fatto contraddiceva tutto quanto affermato nel documento precedentemente sottoscritto da tutti. Abbiamo richiesto di emendare il documento, soprattutto nella parte che disconosceva la nostra esistenza: abbiamo chiesto di aggiungere alle culture "riformista, cattolica e civica" presenti nella coalizione, anche la nostra di cultura: quella di sinistra, ma ci è stato negato. Di fatto è stato sancito che non potevamo più far parte di questa "nuova" coalizione che puzza già di vecchio».

«Siamo stati forse troppo netti nel porre la necessità di sanare il familismo presente in giunta, e per questo siamo risultati indigesti al sindaco? Il PD e il sindaco decidono di rompere il patto con gli elettori e di dare vita ad un vero e proprio ribaltone ispirandosi al "Partito della Nazione": fanno quadrare i conti dando vita ad una nuova coalizione con il PSI (che si è presentato con altra coalizione alle amministrative del 2013) e tenendo fuori la Sinistra. Paghiamo così la nostra schiettezza con un atto di epurazione suggellato da un cambio di maggioranza, un ribaltone, proposto dal sindaco e dal PD che vede l'ingresso dei socialisti in coalizione. E le altre forze politiche della coalizione cosa hanno da dire? Firmano documenti che diventano carta straccia nello stesso momento della sottoscrizione? Sono completamente piegati ai voleri del Partito Democratico e del sindaco (iscritto PD) per avere una poltrona/strapuntino su cui sedersi? È questa la dignità e la coerenza della politica? Per noi è altro!».

«Avremmo potuto firmare e avere la nostra postazione in giunta, ma non è il poltronismo che muove le nostre azioni, bensì la coerenza al mandato elettorale. Non è quindi Sinistra Unita che esce dalla coalizione che ha vinto le elezioni, sono invece Partito Democratico, Scelta Civica, Buona Politica, Centro Democratico e sindaco che con quest'atto miope e dannoso tradiscono il mandato ricevuto dagli elettori ed escono dalla maggioranza che ha vinto le elezioni, alleandosi per ora con l'opposizione socialista e formando una nuova maggioranza. Siamo preoccupati per questa città perchè chi doveva rappresentare garanzie morali e politiche per rilanciare il centro-sinistra barlettano è diventato insieme al PD l'esponente più alto della deriva politica e morale della stessa. Abbiamo pagato la denuncia politica di familismo tra giunta e dirigenti, abbiamo pagato il voto contrario al PUTT-P, abbiamo pagato la nostra schiettezza, abbiamo pagato il nostro essere di Sinistra con la S maiuscola. Siamo quindi al punto di partenza, la cordata che ha mandato via il sindaco Maffei si ripropone con la solita arroganza che i cittadini conoscono bene. Per quel che ci riguarda continueremo a rispettare il vincolo di mandato con gli elettori e con le linee programmatiche con cui ci siamo presentati alle elezioni: è questa la nostra stella polare».

  • Nota politica
  • Centro-sinistra
  • Maria Campese
Altri contenuti a tema
1 Dagli anni d’oro di Salerno alla debàcle del 26 giugno Dagli anni d’oro di Salerno alla debàcle del 26 giugno Come il centrosinistra di Barletta è riuscito nel tempo a dilapidare un patrimonio di consensi
34 Il nuovo invito del Pd per un centrosinistra unito intorno alla candidata Scommegna Il nuovo invito del Pd per un centrosinistra unito intorno alla candidata Scommegna «Rinnoviamo il nostro invito a Sinistra Italiana, Coalizione Civica, Articolo 1, Movimento 5 Stelle, Costituente Democratica e Un’altra Italia è possibile»
Amministrative, Grazia Desario: «Lavoriamo ad un vero polo di centrosinistra» Amministrative, Grazia Desario: «Lavoriamo ad un vero polo di centrosinistra» Della coalizione farebbero parte Italia in Comune, Coalizione civica, M5s, Articolo 1 e Costituente democratica
4 Il centrodestra con Cannito e il centrosinistra diviso in due coalizioni Il centrodestra con Cannito e il centrosinistra diviso in due coalizioni Dopo il tentativo di accordo con il Pd, Coalizione civica e M5s lavorano a una nuova alleanza
29 «Barletta è stufa», si mobilita il partito Azione «Barletta è stufa», si mobilita il partito Azione «Avviata la costituzione di un gruppo di rinnovamento, chiuso a eventuali transfughi dell’ultima ora»
31 Dopo la crisi politica, la lista Barletta Attiva già pronta alle nuove sfide elettorali Dopo la crisi politica, la lista Barletta Attiva già pronta alle nuove sfide elettorali La nota del movimento: «Daremo il nostro contributo per il rilancio della città»
Azione, a Barletta nasce la sezione il movimento politico di Carlo Calenda Azione, a Barletta nasce la sezione il movimento politico di Carlo Calenda «Conosciamo bene il pantano in cui tergiversa oggi Barletta e dal quale nessuno sembra in grado di farla uscire»
3 «Partito Democratico - Cannito: accordo fatto» «Partito Democratico - Cannito: accordo fatto» La nota critica a firma delle segreterie provinciali di Forza Italia e Lega per Salvini Premier
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.