Convegno su agrosoccorso
Convegno su agrosoccorso
Scuola e Lavoro

Sicurezza in agricoltura, incontro di sensibilizzazione a Barletta

Un uso scorretto di prodotti - spesso senza etichertta - può causare gravi incidenti

Gli agricoltori devono, per legge, conoscere i prodotti che impiegano nei trattamenti delle colture e farne un uso sostenibile. L'Unione europea e la legge italiana prevedono disposizioni severe e lo fanno a tutela degli stessi agricoltori – produttori, dei consumatori e dell'ambiente. Un uso scorretto dei prodotti che si utilizzano in agricoltura, è spesso causa di incidenti anche gravi, che a volte portano anche alla morte.

Di questo e di come evitarli si è parlato venerdì in un incontro promosso dalla Cantina sociale di Barletta e dalla ditta Racanati, dal titolo "Agro soccorso e sicurezza in agricoltura". La normativa vigente, i rischi per l'ambiente e anche per le colture stesse, legati a un uso scorretto di taluni prodotti, sono stati illustrati dall'agronomo Piero Preziosa. Il presidente della Cantina sociale Giuseppe Cafagna, ha invece spiegato quanto sia impegnativo, nonché giusto, rispettare le regole ed essere in grado di offrire prodotti di qualità riconosciuta.

Sulla parte legata ai rischi e agli incidenti è intervenuto il primario del pronto soccorso di Barletta, Mino Cannito. Cannito ha spiegato come l'incidenza delle intossicazioni abbia un calendario ben preciso, legato alla stagionalità delle colture e dei prodotti usati. "Gli agricoltori hanno imparato a conoscere i prodotti che maneggiano – ha detto – e a essere più prudenti di una volta, ma casi di intossicazioni, anche severe, ne vediamo ancora e a volte è difficile intervenire, soprattutto quando non abbiamo l'etichetta dei prodotti utilizzati". La prima raccomandazione, dunque, è stata proprio quella, in caso di malore, di portare con sé l'etichetta del prodotto usato ma, prima ancora, di usare tutti i dispositivi di sicurezza previsti. "Fondamentale è levarsi di dosso gli abiti e lavarsi con abbondante acqua fresca", ha aggiunto Cannito.

Un problema di ordine pratico è farsi soccorrere nelle campagne, perché il sistema di 118 non riesce a geolocalizzare le zone. E' importante chiamare i carabinieri per farsi localizzare e attivare i soccorsi nella maniera più celere.
  • Agricoltura
  • Cosimo Cannito
Altri contenuti a tema
1 Ripristinata la panchina divelta nel parco "Pietro Mennea" di Barletta Ripristinata la panchina divelta nel parco "Pietro Mennea" di Barletta Tornano a funzionare anche le fontane e i giochi d'acqua dell'area spesso vandalizzata
Auguri del sindaco Cannito a Domenica Seccia, sostituto procuratore della Cassazione Auguri del sindaco Cannito a Domenica Seccia, sostituto procuratore della Cassazione «Incarico che premia un lavoro coraggioso svolto con elevata professionalità»
Quasi ultimati i lavori presso la scuola dell'infanzia "Collodi" Quasi ultimati i lavori presso la scuola dell'infanzia "Collodi" Ad annunciarlo alla città il sindaco Cannito e l'assessore Ricatti
3 «Basta lotte di quartiere»: la parola al consigliere di Barletta Riccardo Memeo «Basta lotte di quartiere»: la parola al consigliere di Barletta Riccardo Memeo «Le tensioni all’interno del PD si sono riversate sull’amministrazione comunale»
7 Dimissioni del sindaco Cannito, 20 giorni per trovare un'intesa Dimissioni del sindaco Cannito, 20 giorni per trovare un'intesa «Qualora non si dovesse trovare un accordo entro 20 giorni è giusto che si vada tutti a casa»
6 «Non sono ostaggio di nessuno», il sindaco Cannito si dimette «Non sono ostaggio di nessuno», il sindaco Cannito si dimette Pesanti screzi in aula con il consigliere Antonello Damato
3 Seconda convocazione del consiglio comunale, le decisioni del sindaco Cannito Seconda convocazione del consiglio comunale, le decisioni del sindaco Cannito Cosimo Cannito: «Comunicherò la mia decisione circa le dimissioni al termine delle votazioni del presidente del consiglio»
1 Cannito, cinema e dimissioni: "Smetto quando voglio" Cannito, cinema e dimissioni: "Smetto quando voglio" Come in un film già visto, le ostilità interne alla maggioranza gravano sulla città
© 2001-2018 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.