Sciopero dei migranti a Foggia
Sciopero dei migranti a Foggia
Politica

Sciopero dei migranti, da Barletta la solidarietà con "Potere al popolo"

Luigi Filannino: «Le chiavi della nuova società agli oppressi e agli sfruttati»

«Siamo stati a Foggia, abbiamo portato solidarietà alle lotte per una vita migliore, abbiamo fatto parte di uno sciopero che non è una delle cerimonie fatte dai soliti sindacati ma la messa in questione dei fondamenti dell'attuale società. Là dove la società del benessere crea illusioni da difendere abbiamo manifestato invece le sue piaghe reali da cui dobbiamo redimerci». Sono le parole di Luigi Filannino per Potere al Popolo di Barletta.

«Ci chiedono di difendere una ipotetica civiltà ma di cosa parliamo? Di quale immagine di civiltà parliamo? Quella della precarietà e dello sfruttamento, quella del lavoro povero e mortificato, delle morti sul lavoro, della negazione all'accesso alla sanità, della repressione a chi si ribella a opere inutili, corrotte e dannose come Tap e Tav o quella di un'istruzione ormai divisa dal suo intento emancipatorio e ridotta a merce del mercato? Questa è la civiltà che dobbiamo difendere? Il progresso può avvenire soltanto creando le condizioni reali che contraddicono quelle attuali. E ancora una volta diventa palese che la nuova società non potrà realizzarsi con chi è stato capace di passare come buonista o radical chic, ma dovrà realizzarsi attraverso le persone che vivono le sofferenze reali, oppressi e sfruttati, chi vive la necessità di un mondo nuovo. A loro bisogna dare le chiavi della nuova società, alla parte di mondo che subisce i dolori universali.

Potere al Popolo guarda molto più lontano. Non ci sta a chiedere l'elemosina per stare poco meglio, non ci sta a trovare il compromesso con uno stato di cose che ovviamente non vuole cambiare. Come in cuor suo non accetta il compromesso fatto negli anni '70 dalla sinistra così oggi ha chiaro nei suoi progetti che c'è la necessità di una trasformazione radicale alla base e non di un "governo del cambiamento" delle parole. Potere al Popolo non può prendere un'altra via perché vuole il popolo al potere, non uno qualsiasi, ma quello che patisce tutte le torture di questa realtà».
  • Immigrazione
Altri contenuti a tema
Contro il decreto sicurezza la posizione di gruppi e associazioni di Barletta Contro il decreto sicurezza la posizione di gruppi e associazioni di Barletta Si allarga l’adesione al coordinamento per i diritti umani
4 No al decreto sicurezza di Matteo Salvini nella Bat No al decreto sicurezza di Matteo Salvini nella Bat Dalla sede della Cgil Bat l'appello ai sindaci: «Rispettate la Costituzione»
5 Decreto sicurezza: l'appello della Comunità Oasi2, gestore SPRAR di Barletta Decreto sicurezza: l'appello della Comunità Oasi2, gestore SPRAR di Barletta «L’applicazione pedissequa del decreto rischia di danneggiare decine e decine di persone»
No al “Decreto sicurezza”, nella Bat nasce un coordinamento per i diritti umani No al “Decreto sicurezza”, nella Bat nasce un coordinamento per i diritti umani Oggi ad Andria la presentazione del documento-appello
1 Decreto Salvini, la mozione di "Italia in Comune" approvata a Barletta Decreto Salvini, la mozione di "Italia in Comune" approvata a Barletta A seguire, la rettifica da parte dell'amministrazione comunale
I migranti della nave Diciotti diretti a Barletta sono "irreperibili" I migranti della nave Diciotti diretti a Barletta sono "irreperibili" Chieppa: «Possono allontanarsi, in quanto liberi di muoversi sul territorio»
1 Barletta sceglie l'accoglienza, in arrivo tre profughi dalla nave Diciotti Barletta sceglie l'accoglienza, in arrivo tre profughi dalla nave Diciotti Saranno ospitati nel dormitorio della Caritas dal 5 settembre, Chieppa: «È un servizio di solidarietà»
"Similitudo", nuova data per celebrare la giornata mondiale del rifiugiato "Similitudo", nuova data per celebrare la giornata mondiale del rifiugiato L'appuntamento è fissato per giovedì prossimo 12 luglio
© 2001-2019 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.