Rosa Cascella
Rosa Cascella
Politica

Rosa Cascella: «Strategia Rifiuti Zero è una risposta concreta»

Il consigliere PD e presidente della Commissione Ambiente interviene nel dibattito

«Mi rendo conto che quanto più ambizioso e dal grande impatto culturale è l'obiettivo da raggiungere, tanto più limitata ci sembra la capacità di un Comune di incidere su determinate variabili come le abitudini fortemente radicate dei cittadini o i grandi processi produttivi delle aziende». Non sono parole qualsiasi o semplici schermaglie verbali quando a pronunciarle è il presidente della Commissione Ambiente (nonché consigliere comunale in quota PD) Rosa Cascella intervenendo a margine di uno dei consigli comunali più ricchi di polemiche e più "sentiti" dall'intera cittadinanza.

«Credo, però, che sia indispensabile iniziare a dare delle risposte concrete - continua Cascella - alle richieste di una società sempre più attenta alla tutela dell'ambiente e giustamente preoccupata delle conseguenze sanitarie derivanti dall'inquinamento prodotto dalle aziende insalubri del territorio. Con l'adozione della Strategia Rifiuti Zero, abbiamo finalmente la possibilità di dire da che parte stiamo, quale futuro stiamo immaginando per questo territorio e a quali modelli di sviluppo vogliamo guardare per incentivare nuove forme di economia (più verde e sostenibile) senza andare a discapito della salvaguardia dell'ambiente e della salute pubblica. La raccolta differenziata da sola non basta e l'esaurimento graduale delle discariche pugliesi ci indica in maniera urgente la necessità di "ripensare" la chiusura del ciclo dei rifiuti».

«La transizione verso un'economia verde che crei nuova posti di lavoro e renda rispettosi dell'ambiente quelli già esistenti è lo scenario verso cui ci indirizza l'Europa, oltre che la Strategia Rifiuti Zero. Con l'ultimo consiglio comunale, la maggioranza di centrosinistra e i Socialisti hanno inteso esprimere chiaramente la loro volontà di sostenere il riciclo e il riutilizzo dei rifiuti in alternativa al conferimento in discarica o all'incenerimento; incentivare le buone pratiche ambientali come la corretta differenziazione dei rifiuti e l'acquisto di prodotti alla spina; contribuire ad accelerare gli iter di costruzione dell'impiantistica sul nostro territorio provinciale; sperimentare la tariffazione puntuale che permetterebbe ai cittadini di pagare in base alla quantità di rifiuti prodotti. Sulle modalità e sui tempi di raggiungimento di questi obiettivi il confronto con la cittadinanza e le associazioni ambientaliste rimane aperto, nella consapevolezza che alcuni dei risultati auspicati dalla Strategia Rifiuti Zero dipendono da organismi sovracomunali e da fattori, come la disponibilità di risorse economiche da investire, su cui non è possibile fare previsioni certe».

«C'è l'impegno di questa amministrazione su cui, sono sicura, non solo i componenti del costituendo "Osservatorio verso Rifiuti Zero", ma anche la politica, saprà vigilare. Sui contenuti dell'altra proposta di iniziativa popolare riguardante il monitoraggio ambientale l'amministrazione ha auspicato un ritorno al confronto pubblico, forse prematuramente interrotto, per trovare un nuovo punto d'incontro che sappia fare sintesi delle istanze emerse dal dibattito degli ultimi giorni. Urge fare chiarezza sulla qualità dell'aria che respiriamo e sull'integrità della falda acquifera sottostante. Non possiamo demandare a nessun privato i controlli su ciò che di inquinante viene emesso nell'atmosfera o assorbito dai nostri terreni. Il monitoraggio ambientale che viene richiesto dev'essere completo, capillare, costante: in grado di farci comprendere il grado di pericolosità delle aziende insalubri presenti nel nostro tessuto urbano e dell'inquinamento prodotto dal sempre più intenso traffico veicolare. Accertare le cause del cattivo stato di salute del nostro ambiente e le conseguenze sanitarie prodotte sulla popolazione sono la base necessaria per programmare qualsiasi intervento a tutela della salute pubblica».
  • Consiglio comunale
  • Strategia Rifiuti Zero
  • Rosa Cascella
Altri contenuti a tema
Casa di riposo a Barletta, ecco le nomine. Le opposizioni messe all’angolo Casa di riposo a Barletta, ecco le nomine. Le opposizioni messe all’angolo Delvecchio: «Mettere le pedine nei diversi luoghi, a qualcuno può essere utile, non si sa mai»
Consiglio comunale, l’attualità e la storia entrano in aula a Barletta Consiglio comunale, l’attualità e la storia entrano in aula a Barletta Due nuovi punti all'odg per il popolo kurdo e per il 30° anniversario della caduta del Muro di Berlino
La casa di riposo al centro del consiglio comunale di Barletta La casa di riposo al centro del consiglio comunale di Barletta Indicazioni per la nomina dei quattro componenti del CdA dell'ASP "Regina Margherita"
1 Nicola Salvemini alle Politiche Sociali, una nuova sostituzione per la Giunta Cannito Nicola Salvemini alle Politiche Sociali, una nuova sostituzione per la Giunta Cannito Il figlio dell'ex consigliere comunale Andrea Salvemini pare prenderà il posto dell'assessore Lacerenza
«Barletta è oggi una città altamente monitorata»: le parole dell'assessore Passero «Barletta è oggi una città altamente monitorata»: le parole dell'assessore Passero Il prossimo obiettivo da portare in consiglio è il Piano Urbano della Mobilità Sostenibile (PUMS)
Ambiente, azioni e preoccupazioni per la città di Barletta Ambiente, azioni e preoccupazioni per la città di Barletta Intensi i lavori del consiglio comunale di ieri: ecco di cosa si è discusso
Problematiche ambientali di Barletta: al centro del nuovo Consiglio comunale Problematiche ambientali di Barletta: al centro del nuovo Consiglio comunale Sarà discussa la sperimentazione della sosta gratuita nelle strisce blu per i veicoli ibridi con motore elettrico
Consiglio comunale di Barletta, altro passo in avanti per la definizione del PUG Consiglio comunale di Barletta, altro passo in avanti per la definizione del PUG Laforgia: «Abbiamo l’opportunità di ridisegnare o di segnare il nuovo volto alla nostra città»
© 2001-2019 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.