Parrucchiera
Parrucchiera
Politica

Riapertura di parrucchieri ed estetisti il 18 maggio, continua lo scontro in Puglia

Raffaele Fitto si scaglia contro il Presidente Emiliano, M5S: «Emiliano di oggi contraddice Emiliano di ieri»

Elezioni Regionali 2020
Non ha smesso di tenere banco, nella giornata di ieri, l'ordinanza regionale del Presidente Emiliano sulla riapertura di parrucchieri ed estetisti a partire dal prossimo 18 maggio. A scagliarsi contro il governatore pugliese, l'europarlamentare Raffaele Fitto: «Da quando Conte annunciò la riapertura dei barbieri, parrucchieri ed estetisti il primo giugno Fratelli d'Italia si è subito schierata contro sollecitando il Governo a ripensarci ed a anticipare la data della riapertura con un unico obbligo: riapertura in sicurezza».

«La decisione spetta quindi al Governo - stigmatizza Fitto - e la domanda d'obbligo è: a cosa serve quindi l'Ordinanza di Emiliano? Per sua stessa ammissione, infatti, 24 ore dopo, Emiliano, scusandosi con il Governo, ci spiega che in Puglia si attenderanno le decisioni, già preannunciate dal Governo e non si farà nulla di diverso. Del resto, avrebbe avuto un senso un'Ordinanza regionale, come è accaduto in altre Regioni, se si fosse compiuta una scelta diversa da quella del Governo e coraggiosa, come quella, per esempio, di anticipare la data di apertura, perché se la data è uguale allora è semplicemente INUTILE! Ma in questo caso è anche DANNOSA perché detta tutta una serie di disposizioni complesse ed anche costose, che evidentemente non hanno alcun senso perché come Emiliano stesso dichiara testualmente: 'saranno indicati dalle linee guida disposte dal Comitato Tecnico Scientifico e dall'Inail'… SARANNO vuol dire che oggi non ci sono ancora e quindi quali disposizioni varranno? Quelle dell'Ordinanza di Emiliano o quelle nazionali che verranno? Una spregiudicata mania di protagonismo che crea grande confusione, scaricando un grande caos sugli operatori del settore, già pesantemente gravati da questa situazione. Emiliano la smetta con questo gioco irresponsabile delle Ordinanze, apparentemente innovative, ma fatte solo per andare in televisione anticipando di qualche ora le decisioni del Governo».

Immediata la reazione dei capigruppo di maggioranza in Consiglio regionale, Paolo Campo (Pd), Enzo Colonna (Noi a Sinistra), Paolo Pellegrino (Italia in Comune), Sabino Zinni (Senso Civico): «Il 18 maggio apriranno i barbieri, i parrucchieri e i centri di estetica in Puglia. Con buona pace dell'on. Raffaele Fitto che potrà andare a tagliarsi i capelli, come tutti i pugliesi, in luoghi sicuri grazie alle prescrizioni elaborate dal professor Lopalco con la consueta professionalità e competenza. L'ennesimo tentativo di interpretare la realtà secondo i suoi desideri è stato sbugiardato dai fatti: nessun conflitto tra Regione e Governo, nessuna polemica tra il presidente Emiliano e il ministro Boccia. Anzi, l'ottimo lavoro svolto in Puglia sarà mutuato dallo Stato per velocizzare le aperture di queste attività economiche, in gran parte artigianali, in tutta Italia. L'on. Fitto sente aria di elezioni, evidentemente, e la polemica 'a prescindere' è diventato il suo esercizio quotidiano. Forse pensa di trarre vantaggio dalla confusione e sicuramente ha scelto di provare a lucrare consenso speculando sulle difficoltà delle persone e delle imprese. Una manovra becera sotto ogni profilo che gli costerà la poca credibilità di cui ancora gode».

Repentina la controreplica del consigliere regionale Ignazio Zullo (FDI): «I barbieri, parrucchieri, estetisti pugliesi stiano tranquilli il 18 maggio riapriranno: ma perché finalmente lo stabilisce il Governo. Non Emiliano».

«Emiliano di oggi contraddice Emiliano di ieri - Sono intervenuti così i consiglieri pentastellati in una nota diffusa ieri - Chissà domani quali nuove fantasiose dichiarazioni ci aspettano. Lui che soltanto ieri annunciava di aver scritto al suo amico Boccia per rassicurarlo sul fatto che in Puglia parrucchieri e centri estetici avrebbero riaperto seguendo le disposizioni del governo nazionale e oggi, dopo che gli abbiamo fatto notare quindi quanto l'ordinanza emanata il giorno prima fosse inutile (esattamente come tutto il suo operato in questa legislatura) scrive su facebook che l'apertura in Puglia sarà il 18 maggio e non il 1° giugno nel rispetto delle prescrizioni della sua ordinanza. A parte il delirio di onnipotenza e i repentini cambi di umore, una cosa dev'essere chiara: si riapre quando lo decide il Governo, in base ai dati scientifici e a linee guida precise che si stanno predisponendo. Inoltre, visti tutti gli adempimenti e adeguamenti che queste categorie professionali dovranno affrontare per garantire gli standard di sicurezza, perché Emiliano non si è preoccupato di dare incentivi, per aiutarli concretamente? Altra cosa, chi vigilerà sul rispetto di questi adempimenti? Emiliano ha pensato a rafforzare le commissioni di vigilanza di igiene e di rispetto delle norme sulla sicurezza di lavoro? Infine, viste le prescrizioni contenute nell'ordinanza del Presidente, c'è da chiedersi se saranno le stesse contenute nelle linee guida nazionali. E se così non fosse, tutte le spese affrontate inutilmente da parrucchieri, estetiste, barbieri, chi se le dovrà piangere? Come vedete, le chiacchiere stanno a zero, così come le inutili ordinanze di Emiliano, che generano solo confusione tra gli addetti ai lavori. Per sorvolare sulla partecipazione ai tavoli tecnici di consiglieri regionali di centrosinistra non si capisce a quale titolo e con quale motivazione. A parte la campagna elettorale perenne in cui vivono lui e la sua maggioranza».
  • Regione Puglia
  • Coronavirus
Speciale Coronavirus

Speciale Coronavirus

Tutti gli aggiornamenti sull'emergenza che ha cambiato il mondo

725 contenuti
Altri contenuti a tema
Lauree in presenza dopo il Covid: mascherina e 5 ospiti per candidato Lauree in presenza dopo il Covid: mascherina e 5 ospiti per candidato Presentato questa mattina il protocollo che porterà alle sedute in presenza, Bronzini: «È solo l’inizio di un percorso»
Bollettino Covid19, tre nuovi casi nelle ultime 24 ore Bollettino Covid19, tre nuovi casi nelle ultime 24 ore Interrotta la sequenza positiva a zero contagi
Ritorno a scuola: Comuni e Province si confrontano con i dirigenti Ritorno a scuola: Comuni e Province si confrontano con i dirigenti In Puglia la scuola riaprirà il 24 settembre, dopo le elezioni regionali
Scuola, in Puglia riprende il 24 settembre: ecco il calendario Scuola, in Puglia riprende il 24 settembre: ecco il calendario Si comincia il 24 settembre e si finisce l'11 giugno, tutti i ponti e le festività. Le scuole possono modificarlo in base alle loro esigenze
Coronavirus, registrato un nuovo contagio a Corato Coronavirus, registrato un nuovo contagio a Corato La ASL ha avviato le indagini epidemiologiche al fine di isolare tutti i contatti
Covid-19, da sei giorni nessun caso in Puglia Covid-19, da sei giorni nessun caso in Puglia Nelle ultime 24 ore non si sono registrati decessi
Giostrai e ambulanti, in Puglia riparte il settore Giostrai e ambulanti, in Puglia riparte il settore Ieri l'incontro a Bari con una delegazione di ambulanti e giostrai pugliesi
Coronavirus, da cinque giorni nessun nuovo caso in Puglia Coronavirus, da cinque giorni nessun nuovo caso in Puglia Nelle ultime 24 ore sono stati registrati 2413 test
© 2001-2020 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.