Timac Agro. <span>Foto Mario Sculco</span>
Timac Agro. Foto Mario Sculco
La città

Revocata facoltà d'uso alla Timac, Cianci: «Non è un fulmine a ciel sereno»

«Non vi è più l'indifferenza di una volta, noi dell'OAP siamo soddisfatti»

«Egregio Direttore, è bene fare un breve excursus per poter capire come mai il GIP del Tribunale di Trani non abbia concesso l'ennesima proroga della facoltà d'uso sui terreni della TIMAC». E' notizia importante quella sottolineata del presidente OAP, Michele Cianci, in merito alla decisione del GIP. Ed è l'occasione per osservare l'iter di ciò che è avvenuto a riguardo dell'area della nota industria chimica alle porte di Barletta.

«Con le ordinanze n°3 e 4 del 13.08. e del 23.09.2015, e della Provincia della BAT, l'allora Presidente Avv. Francesco Spina, su sollecitazione dello scrivente, ordinava la bonifica dell'area industriale contaminata da parte della Timac - continua Cianci - e tale provvedimento non veniva ottemperato dall'azienda. Successivamente, a seguito di un esposto da parte del Comitato OAP, la Procura di Trani, in persona della Dott.ssa Silvia Curione si attivava celermente e richiedeva al GIP, Dott.ssa Angela Schiralli, il sequestro preventivo d'urgenza dell'immobile, con la facoltà d'uso per giorni 90, tempo ritenuto utile alla bonifica del sito inquinato».

«Successivamente allo scadere di quel termine, sono state richieste ed ottenute ulteriori proroghe atteso che, a dire dell'azienda si stava provvedendo ad ottenere tutte quelle autorizzazioni utili alla bonifica e comunque la stessa era già in itinere. E' accaduto, però, che con delibera della Giunta Comunale n°23 del 26.01.2018, attesa "l'inerzia" della società Timac Agro Italia, in relazione all'adempimento delle predette Ordinanze Provinciali, si è provveduto ad avviare l'esercizio del potere sostitutivo da parte dell'Amministrazione Comunale, come previsto dalla legge, ovvero il comune, a spese dei contribuenti, si è arrogato a sé il potere di bonificare quell'area».

«Fatte queste premesse, era chiaramente prevedibile da chiunque che dopo circa due anni dal sequestro preventivo e tre anni dalle Ordinanze di bonifica, il GIP non avrebbe potuto concedere un ulteriore proroga della facoltà d'uso per una bonifica oggettivamente non effettuata. Pertanto, non è avvenuto tutto come "un fulmine a ciel sereno" anzi era evidente che essendo subentrato il Comune di Barletta nel provvedere ai lavori di bonifica, la facoltà d'uso non avrebbe avuto più ragione di esservi».

«Noi del Comitato OAP, siamo soddisfatti che in tre anni di lavoro si sia risvegliata una coscienza sociale finalizzata alla tutela dell'ambiente e della salute. Il fatto stesso che per la prima volta nella storia cittadina questa campagna elettorale sia improntata, da parte di tutti i candidati a sindaco, principalmente ed essenzialmente sull'ambiente e sulla salute dei cittadini, dimostra che si è finalmente perso atto dell'importanza dell'argomento anche come volano per l'economia cittadina e mi riferisco al turismo e a tutte le attività connesse ad esso. Bisogna comunque lavorare ancora tanto e cercare di incentivare anche l'uso di messi di trasporto non inquinanti come biciclette, auto elettriche ed altro. Il sogno quasi irrealizzabile di alcuni anni orsono, oggi, si può avverare grazie alla tenacia dei cittadini. Non vi è più l'indifferenza di una volta che ha portato a deturpare questo territorio fantastico geograficamente e storicamente da parte di soggetti senza scrupoli approfittando anche dell'ignoranza di molti».
  • Inquinamento
  • Procura della Repubblica
  • Timac Agro
Altri contenuti a tema
1 Avviati a Barletta i lavori di perforazione per la realizzazione del piezometro Avviati a Barletta i lavori di perforazione per la realizzazione del piezometro Sindaco Cannito: «Si aggiunge un altro tassello nell'azione di monitoraggio ambientale che è in corso in città»
Stop ai licenziamenti alla Timac di Barletta: intervengono Cgil, Cisl e Uil Stop ai licenziamenti alla Timac di Barletta: intervengono Cgil, Cisl e Uil «Un sospiro di sollievo per i 51 lavoratori dell’azienda»
«Timac di Barletta non produce inquinamento atmosferico» «Timac di Barletta non produce inquinamento atmosferico» Il resoconto della conferenza stampa convocata ieri nell'azienda
1 Crisi ambientale e monitoraggio, il nulla dell'amministrazione Cannito Crisi ambientale e monitoraggio, il nulla dell'amministrazione Cannito La dura nota del Collettivo Exit, critica verso il primo cittadino
1 Barletta dice basta: scatta il divieto di volantinaggio Barletta dice basta: scatta il divieto di volantinaggio Vietata la distribuzione e affissione volantini, depliant, manifestini di carta
2 Timac di Barletta: «Stop a licenziamenti grazie a revoca sequestro» Timac di Barletta: «Stop a licenziamenti grazie a revoca sequestro» La nota diramata dall'azienda: «Confermati i livelli occupazionali»
Inchiesta procura, Savasta passa ai domiciliari nella sua casa a Barletta Inchiesta procura, Savasta passa ai domiciliari nella sua casa a Barletta Il Gip accoglie la richiesta avanzata dai suoi legali
La Procura di Trani dissequestra la Timac di Barletta La Procura di Trani dissequestra la Timac di Barletta «Nessun inquinamento nell'aria: MISO suolo e falda efficaci»
© 2001-2019 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.