Studentessa
Studentessa
Scuola e Lavoro

«Ragazze e alunni benestanti favoriti a scuola»

Ricerca Ocse sui test di Pisa. Fenomeno italiano "preoccupante"

«Gli insegnanti favoriscono le ragazze e gli studenti benestanti o provenienti da ambiti socio-culturali più favorevoli». La denuncia di questo fenomeno arriva direttamente da uno studio effettuato dall'OCSE (Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico), un'organizzazione internazionale che interviene in maniera consultiva sui suoi stati membri, che sono i paesi democratici con una più sviluppata economia di mercato.

L'Ocse ha condotto un approfondimento sui test Pisa (lettura, matematica e scienze). Il risultato di tale analisi punta il dito accusatorio verso l'imparzialità dei docenti italiani nell'attribuire i voti. Si sa, i criteri di giudizio dei professori sono da sempre tema di confronto tra questi ultimi e gli studenti, alunni e genitori e questi, soprattutto negli ultimi anni, e i prof. Infatti, la maggior parte dei ricorsi dei genitori alla fine dell'anno riguardano proprio le valutazioni degli insegnanti.

Tale ricerca è stata eseguita in diversi paesi europei, tra cui l'Italia. Nel nostro Paese «Gli insegnanti - è scritto nella ricerca - tendono ad attribuire alle ragazze e agli studenti provenienti da ambiti socio-economici più favorevoli migliori voti a scuola, anche se non hanno una migliore performance, rispetto ai ragazzi e agli studenti provenienti da ambiti socio-economici svantaggiati». L'aspetto è preoccupante sia perché dona l'immagine della Pubblica Istruzione come iniqua, e sia poiché tali valutazioni vanno a influenzare le scelte future dei ragazzi.

«Gli studenti - spiegano dall'Ocse - fondano spesso le loro aspirazioni, in termini di studi e di carriera, sui voti che ottengono a scuola; da un'altra parte, i sistemi educativi utilizzano i voti nella selezione degli studenti per l'accesso ad un indirizzo di studi e, successivamente, per l'accesso all'università».
  • Studenti
  • Scuola
Altri contenuti a tema
Scuola, governo verso l’impugnazione dell’ordinanza di Emiliano Scuola, governo verso l’impugnazione dell’ordinanza di Emiliano Mario Draghi: «Non abbiamo ancora preso una decisione»
Scuola, l'ordinanza di Emiliano lascia facoltà di scelta per le famiglie pugliesi Scuola, l'ordinanza di Emiliano lascia facoltà di scelta per le famiglie pugliesi Le nuove disposizioni del presidente della Regione
Scuola, si torna tra i banchi subito dopo Pasqua Scuola, si torna tra i banchi subito dopo Pasqua Mario Draghi conferma la volontà di far rientrare in classe almeno fino alle scuole medie
Scuola o DAD? Emiliano chiede di entrare nelle "chat delle mamme" Scuola o DAD? Emiliano chiede di entrare nelle "chat delle mamme" Un modo per conoscere le opinioni dei genitori per la ripresa delle lezioni
Anche la Puglia sciopera contro la DaD: tablet e pc spenti per un giorno Anche la Puglia sciopera contro la DaD: tablet e pc spenti per un giorno A partecipare studenti e insegnanti
2 Refezione scolastica, presentazione Isee per nuove tariffe Refezione scolastica, presentazione Isee per nuove tariffe La comunicazione diramata dal Comune di Barletta
DAD solidale, nasce a Barletta l'iniziativa per aiutare gli studenti in difficoltà DAD solidale, nasce a Barletta l'iniziativa per aiutare gli studenti in difficoltà È possibile donare componenti per PC in buono stato
Nuovo parametro per le scuole, ecco perché a Barletta resteranno aperte Nuovo parametro per le scuole, ecco perché a Barletta resteranno aperte L'analisi dei dati sui contagi in base alle nuove linee guida proposte dal Comitato tecnico scientifico al Governo
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.