Sciopero provincia
Sciopero provincia
Scuola e Lavoro

Provincia, dipendenti della Bat in sciopero: adesione all'80%

Sit-in in Prefettura, «servono risorse a partire dal pagamento degli stipendi»

Adesione all'80%, riferiscono i sindacati. Su 80 lavoratori che conta l'ente in tanti hanno incrociato le braccia nella giornata di ieri: sono stati comunque garantiti i servizi essenziali. I dipendenti delle province hanno scioperato ieri in tutta Italia per denunciare la situazione degli enti in estrema difficoltà. La vicenda è stata più volte segnalata dalle categorie del pubblico impiego di Cgil, Cisl e Uil che chiedono risorse al fine di consentire l'erogazione dei servizi fondamentali e la tutela dei diritti dei dipendenti. Nella Bat, insieme alle altre organizzazioni sindacali, in programma assemblee per il contrasto alle politiche nazionali: le Province, infatti, non solo non sono state abolite come prevedeva la riforma ma sono state anzi salvate dai cittadini nel referendum del 4 dicembre che ha sancito il fallimento della legge Del Rio. Vi sarebbero situazioni assurde, con dipendenti che attendono di passare alle dipendenze della Regione, come i 6 agenti della Polizia provinciale, che di fatto non riescono più a svolgere le loro funzioni, proprio in virtù dell'atteso loro trasferimento nell'ambito del nuovo corpo della Polizia amministrativa regionale.

"La profonda difficoltà finanziaria in cui versano Province e Città metropolitane - spiegano Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl - sta determinando una situazione di estrema criticità nell'erogazione dei servizi offerti da questi Enti alla quale si aggiungono le condizioni di notevole precarietà, che sta vivendo il personale impiegato in tali servizi, penalizzato pesantemente, anche da un punto di vista salariale, dalla scure di tagli succedutisi negli ultimi anni. Tanti sono gli Enti che non riescono più a garantire la manutenzione ordinaria di strade e scuole e tanti sono gli Enti in ritardo con il pagamento degli stipendi. Ormai anche importanti Enti e grandi Città metropolitane non sono in grado di chiudere i bilanci, avviandosi verso le procedure di dissesto. Il legislatore non ha utilizzato l'occasione offerta dagli ultimi decreti per tentare di ridurre il fabbisogno necessario a Province e Città Metropolitane per svolgere la loro missione istituzionale. L'ammontare complessivo di risorse necessarie, stimato complessivamente in poco meno di 800 milioni, è stato solo parzialmente ridotto. Queste sono le ragioni che ci hanno spinto a proclamare lo sciopero per la giornata di oggi di tutto il personale di Province e Città Metropolitane".

Ecco le proposte che i rappresentati sindacali Luigi Marzano, segretario generale Cgil Bat, Carlo Quacquarelli, segretario Uil Fpl e Nicola Altamura, segretario Cisl Fp, hanno consegnato nelle mani del Prefetto Clara Minerva:
• recuperare con la prossima Legge di bilancio tutte le risorse necessarie per garantire a questi Enti la sostenibilità economica;
• sbloccare il turn over e stabilizzare i lavoratori precari;
• dare finalmente certezza al sistema delle politiche attive del lavoro attraverso il definitivo trasferimento di competenze dei Centri per l'impiego ed il relativo finanziamento;
• dare agli Enti la possibilità di poter realizzare una programmazione pluriennale degli interventi;
• individuare delle soluzioni specifiche per far uscire dalla crisi strutturale finanziaria gli Enti con maggiori difficoltà;
• recuperare il ruolo contrattuale e garantire il relativo pagamento delle spettanze arretrate di quei pochi lavoratori rimasti nell'attuale provincia BAT e che, con enorme sacrificio continuano a tenere in piedi la seppur minima organizzazione del lavoro dell'Ente a tutela del servizio ai cittadini.
  • Provincia Barletta-Andria-Trani
  • Sciopero
  • Prefettura
Altri contenuti a tema
Arriva il Prefetto Riflesso: «Curerò i temi della sicurezza e del benessere del territorio» Arriva il Prefetto Riflesso: «Curerò i temi della sicurezza e del benessere del territorio» Il neo Prefetto ha incontrato i giornalisti del territorio. Domani l'incontro con i sindaci della Bat
Insediata questa mattina la dottoressa Riflesso, nuovo Prefetto Bat Insediata questa mattina la dottoressa Riflesso, nuovo Prefetto Bat Nei prossimi giorni il Prefetto incontrerà le autorità civili, militari e religiose del territorio
Saluto al prefetto Valiante, la nota di Filippo Caracciolo Saluto al prefetto Valiante, la nota di Filippo Caracciolo "Le sue attenzioni non sono mancate in nessun settore, specie in quello dell’ordine pubblico e della sicurezza"
Cambio al vertice in Prefettura, le parole di Dario Damiani Cambio al vertice in Prefettura, le parole di Dario Damiani "A Valiante formulo i migliori auguri per il nuovo incarico a Foggia"
Nuovo prefetto per la provincia Bt: arriva Riflesso, Valiante va a Foggia Nuovo prefetto per la provincia Bt: arriva Riflesso, Valiante va a Foggia Le nomine oggi al Ministero dell'Interno. La decisione del Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro dell’interno Luciana Lamorgese
Progetto S.PR.INT., seminario in Prefettura a Barletta Progetto S.PR.INT., seminario in Prefettura a Barletta Il punto sulle attività svolte il prossimo 25 luglio
Renato Nitti: «Bat nella prima fascia per presenza criminale nell'economia del territorio» Renato Nitti: «Bat nella prima fascia per presenza criminale nell'economia del territorio» L'allarme lanciato dal Procuratore della Repubblica di Trani nel convegno «Commercialisti, gli strumenti di protezione dai rischi di riciclaggio»
Il 2 giugno sarà il 76° anniversario della proclamazione della Repubblica Italiana Il 2 giugno sarà il 76° anniversario della proclamazione della Repubblica Italiana Cerimonia in Prefettura a Barletta: il programma della giornata
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.