Falò dell'Immacolata
Falò dell'Immacolata
La città

Pericolo per le "fanove" a Barletta, troppi rifiuti lungo le Mura del Carmine

La relazione di Fare Ambiente Barletta: «Tradizione della nostra città da salvaguardare e controllare»

«Il rito delle "fanove" è antichissimo e radicatissimo nella tradizione di Barletta come dell'intero Sud, specie in Puglia. Tra sacro e profano, mai a nessuno dev'essere permesso di rimuovere, violare, deformare simile tradizione, divulgandone piuttosto la preziosa valenza culturale specie fra i più giovani in una naturale staffetta della memoria che inizi dalla scuola e cresca nelle famiglie, nella cittadinanza come valore identitario di una volta e per tanto tempo ancora, cioè per sempre. Anzi educando alla conoscenza, a com'è nato, ed a come preservarne la memoria nell'attualità, facendolo divenire evento scientificamente pianificato con intelligenza, passione, organizzazione da pura occasione qual è adesso…

Ecco perché, noi Associazioni (Archeoclub d'Italia Onluse Sede di Canne della Battaglia-Barletta, Barletta sui pedali, FareAmbiente, GEPA) raccolte nel "Libero raggruppamento per l'Ambiente di Barletta" e quali firmatarie di questo comunicato, interveniamo presentando all'attenzione della Stampa cittadina e territoriale un documento elaborato come relazione tecnica in grado di spiegare a cosa stiamo assistendo in questi giorni lungo le Mura del Carmine con l'accatastamento di materiale vario destinato, verosimilmente, al rogo nella vigilia dell'Immacolata.

Quello spazio, divenuto oggettivamente discarica a cielo aperto, risulta continuamente alimentato da apporti tracciabili quanto anonimi (nel senso di ignorare generalità dei conferenti o scaricatori abusivi) e dunque già rappresenta un fattore di grave disturbo ottico, estetico, ambientale, paesaggistico… Potremmo continuare all'infinito con tali aggettivazioni. Resta la preoccupazione, fortissimamente avvertita da chi frequenta i social media e commenta a vario titolo, che quella imponente catasta possa di fatto costituire un elemento di pericolosità ambientale per i motivi descritti nell'allegata relazione tecnica. Tanto a fronte del fatto che un progetto presentato mesi addietro addirittura in campo nazionale ha visto premiare una idea di riqualificazione delle antiche mura (e spazi correlati sul lungomare Pietro Mennea, compreso il fortino Paraticchio) che elimini ogni bruttura, valorizzi una parte di principale importanza nella tessitura urbanistica del centro storico di Barletta sul mare Adriatico ed esalti il collegamento fra tale zona ed il cuore della città.

Invitiamo pertanto il Sindaco e l'intera Amministrazione comunale a vigilare sullo stato di fatto e ad adottare ogni utile misura tesa a tranquillizzare l'opinione pubblica sugli effetti nocivi, diretti o collaterali, dell'eventuale rogo di quella catasta.

Sollecitiamo infine tutte le persone, tutto il mondo delle Associazioni (anche oltre l'Assemblea delle Libere Forme Associative contemplata dallo Statuto Comunale), tutte le Scuole, tutti i movimenti ed insomma chiunque abbia nella propria coscienza civica la tutela delle tradizioni - mai disgiunta dall'applicazione di regole severe pro ambiente - a mobilitarsi in forma permanente e a dare corpo ad una progettualità che metta il rito delle "fanove", qui a Ponente come dovunque in Città, al centro di una sistematica opera di recupero della memoria come avviene altrove.

Impedire il rogo senza i dovuti controlli. Impedire che avvenga come occasione di svago senza rispetto delle vigenti ordinanze comunali in tema di smaltimento rifiuti. Impedire che costituisca degrado anziché valorizzazione. Favorire la salvaguardia delle tradizioni. Favorire il rispetto delle antiche mura come bene culturale. Favorire l'educazione alla legalità ed alla partecipazione responsabile».
  • Archeoclub
  • Tradizione
Altri contenuti a tema
Rape, ricotta forte o semplici? Barletta e la tradizione delle frittelle Rape, ricotta forte o semplici? Barletta e la tradizione delle frittelle Pietanza irrinunciabile per aprire i festeggiamenti natalizi
Falò dell'Immacolata, a Barletta si farà Falò dell'Immacolata, a Barletta si farà Stasera alle 19.30 su un'area pubblica a ridosso della Santissima Trinità
Festa dell'Immacolata, Barletta riscopre le antiche tradizioni Festa dell'Immacolata, Barletta riscopre le antiche tradizioni Tra frittelle e dolci tipici inizia oggi, nella Città della Disfida, il periodo natalizio
Premiato il drink “La Disfida”, Vincenzo Losappio racconta la sua creazione Premiato il drink “La Disfida”, Vincenzo Losappio racconta la sua creazione Sciroppo di vincotto e il frutto del carrubo tra gli ingredienti del cocktail
Finalmente aperta ai turisti Canne della Battaglia Finalmente aperta ai turisti Canne della Battaglia Oggi pomeriggio visite guidate al sito archeologico
Il falò: un’antichissima tradizione barlettana Il falò: un’antichissima tradizione barlettana Tra leggende e credenze cristiane
L'Archeoclub propone una tavola rotonda per Canne della Battaglia L'Archeoclub propone una tavola rotonda per Canne della Battaglia Doronzo: «Discutere delle prospettive dell’Antiquarium e del Parco archeologico»
Processione dei santi patroni, Barletta divisa tra cultura e confusione Processione dei santi patroni, Barletta divisa tra cultura e confusione Una tradizione di devozione fin dal 1731
© 2001-2019 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.