Parrucchiera
Parrucchiera
Politica

Parrucchieri e barbieri, «perché mettere in ginocchio tanti professionisti?»

Il vicepresidente del Consiglio regionale pugliese presenterà un mozione

«In Puglia la situazione dei contagi è critica, più che altrove a livello nazionale, ma il perdurare di determinate restrizioni appare comunque ingiustificato e penalizzante in particolare per determinate categorie, come parrucchieri e barbieri». Inizia così la nota con cui il vicepresidente del Consiglio regionale e consigliere regionale Giannicola De Leonardis anticipa la sua richiesta affinché la Regione si impegni a portare il tema sul tavolo della conferenza Stato-Regioni.

«Si sono adeguati - prosegue - alle direttive imposte per la riapertura conseguente al primo lockdown e hanno svolto per tanti mesi e continuavano a svolgere la propria attività in piena sicurezza, sanificando continuamente l'ambiente di lavoro, garantendo il distanziamento attraverso le prenotazioni e gli appuntamenti, provvedendo al controllo della temperatura all'ingresso. Non risultano, infatti, contagi o focolai in questo ambito: perché allora mettere in ginocchio tanti professionisti che devono provvedere, oltre al mantenimento della propria famiglia, a ingenti spese per l'attività, dal fitto dei locali alle varie tassazioni, al pagamento dei fornitori e delle fatture, e per i quali i ristori – quando verranno erogati – rappresentano e rappresenteranno una quota irrisoria rispetto alle reali necessità ed esigenze?

Tra l'altro, il perdurare della chiusura imposta sta favorendo lo svolgimento dell'attività in nero presso abitazioni private, con la beffa di mancati versamenti per l'erario e dell'aumento del rischio potenziale di contagio. Per questo presenterò una mozione perché la Regione Puglia, in sede di Conferenza Stato-Regioni, impegni il Governo nazionale a rivedere questa decisione che appare difficilmente comprensibile, e che potrebbe ammettere eccezioni come per esempio la riapertura con accesso consentito almeno alla platea dei vaccinati».
  • Lavoro
  • Coronavirus
Speciale Coronavirus

Speciale Coronavirus

Tutti gli aggiornamenti sull'emergenza che ha cambiato il mondo

1865 contenuti
Altri contenuti a tema
Covid, 25 casi nella BAT e nessun decesso Covid, 25 casi nella BAT e nessun decesso I casi positivi di oggi sono 232 in Puglia
Covid, a Barletta il 68% dei cittadini ha ricevuto la prima dose di vaccino Covid, a Barletta il 68% dei cittadini ha ricevuto la prima dose di vaccino Nella provincia Bat il 50% ha completato il ciclo vaccinale
Covid, oggi 248 nuovi casi in Puglia e 35 nella Bat Covid, oggi 248 nuovi casi in Puglia e 35 nella Bat Si rialza la curva del contagio, ma non si registrano decessi
In Puglia i vaccini anti-Covid arriveranno presto in farmacia In Puglia i vaccini anti-Covid arriveranno presto in farmacia Adesso si lavorerà sulle modalità di somministrazione
Nuova ondata pandemica? Risponde l'assessore Lopalco Nuova ondata pandemica? Risponde l'assessore Lopalco «La variante delta si sta sviluppando tra adolescenti e giovani adulti. Vacciniamoci»
Casi Covid in aumento nella Bat, sono 42 i nuovi positivi Casi Covid in aumento nella Bat, sono 42 i nuovi positivi Nelle ultime 24 ore sono stati 151 i nuovi casi in Puglia
Continuano le vaccinazioni nell'Asl Bt anche tra i 12 e i 19 anni Continuano le vaccinazioni nell'Asl Bt anche tra i 12 e i 19 anni Il 95% dei soggetti tra gli 80 e gli 89 anni ha ricevuto la prima dose
Nuovi casi Covid in Puglia, oggi sono 163 su più di 12mila tamponi Nuovi casi Covid in Puglia, oggi sono 163 su più di 12mila tamponi Di questi, 16 nella Bat. Si registra un decesso nel foggiano
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.