Via fratelli Immesi
Via fratelli Immesi
La città

Nuove strade intitolate a illustri cittadini di Barletta

Cascella: «Per le nuove generazioni un insegnamento per il futuro»

"Arturo Boccassini, Carlo Ettore Borgia, Francesco Capacchione, Giacomo Corcella, Onofrio Dellisanti, Michele Frezza, Giacomo Frank, Giuseppe Gesualdo, Carlo Maria Giulini, Filippo e Giuseppe Immesi, Luigi Italia, Michele Morelli, Michele Tupputi, Valdemaro Vecchi e Angelo Velasquez. La storia è fatta dagli uomini che con il loro operato pongono dei tasselli al quadro della vita: oggi noi abbiamo fatto in modo che ne fossero aggiunti altri, a suggello della memoria". Così il sindaco Pasquale Cascella è intervenuto ieri in occasione delle intitolazioni delle vie della zona di espansione urbana dedicate alla memoria dei concittadini che con la loro attività hanno contribuito a dare lustro a Barletta. Allo scoprimento simbolico delle targhe viarie, insieme agli assessori e consiglieri comunali, alle autorità militari e alla senatrice Assuntela Messina, è seguito il momento del ricordo attraverso la ricostruzione storica di Renato Russo che, nel salone della Parrocchia "Santissima Trinità" ha condiviso con i familiari e i residenti della zona la preziosa eredità della memoria.

"Questi nostri concittadini – ha affermato il sindaco – hanno lasciato, ciascuno per la propria parte, un segno tangibile che ora potrà ancor più contribuire a favorire lo sviluppo di questa nuova zona urbana lungo il percorso che l'ha portata a diventare sempre più parte integrante della città. Così si rinsalda quello spirito di comunità che ognuno deve coltivare. Lo dobbiamo alle nuove generazioni, affinché dalla lezione che la storia consegna loro possano trarre significativi insegnamenti per il futuro, diventando cittadini di domani sulla base delle esperienze compiute proprio da coloro a cui oggi abbiamo intitolato queste strade ritrovando la memoria identitaria della città".
  • Zona 167
  • Grandi personaggi
Altri contenuti a tema
Utenze alloggi in edilizia residenziale pubblica, martedì l'attivazione Utenze alloggi in edilizia residenziale pubblica, martedì l'attivazione A convocare l’incontro è stata l’assessore Tupputi, sollecitata dai condomini.
Scuola incompiuta in zona 167, Cannito incontra Decaro Scuola incompiuta in zona 167, Cannito incontra Decaro Il primo cittadino di Barletta: «Questione risolvibile se ognuno farà la propria parte»
5 «Sciacallaggio elettorale, pratica politica di bassa lega», sulla scuola della 167 è bagarre tra consiglieri «Sciacallaggio elettorale, pratica politica di bassa lega», sulla scuola della 167 è bagarre tra consiglieri «Il merito è del sindaco Cannito e degli assessori incaricati»
A Barletta interventi di derattizzazione nella nuova 167 A Barletta interventi di derattizzazione nella nuova 167 Il sindaco Cannito: «I cittadini rispettino le regole d'igiene e rispetto urbano»
2 Zona 167 tra sporcizia e degrado, le immagini di un lettore Zona 167 tra sporcizia e degrado, le immagini di un lettore Valorizzate solo le aree in prossimità delle nuove strade inaugurate
Intitolata a padre Giuseppe Filograssi una strada della nuova 167 di Barletta Intitolata a padre Giuseppe Filograssi una strada della nuova 167 di Barletta Presente anche il nipote, il cardinale Francesco Monterisi
2 Una nuova strada dedicata a Padre Filograssi Una nuova strada dedicata a Padre Filograssi Appuntamento oggi pomeriggio alle 18,00 nella nuova 167, all’incrocio tra via Giulini e via Capossele
8 Intitolate due strade della zona 167 ad Antonucci e Capossele, poliziotti eroi Intitolate due strade della zona 167 ad Antonucci e Capossele, poliziotti eroi Scoperte le targhe dedicate ai due agenti di Polizia alla presenza delle scolaresche
© 2001-2019 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.