Asilo nido comunale
Asilo nido comunale
Servizi sociali

Niente scuola per i bambini di Barletta non vaccinati sotto i 6 anni

Ordinanza del sindaco Cannito inviata a tutti i dirigenti di asili nido e scuole dell'infanzia

Nessun bambino al di sotto di 6 anni potrà essere ammesso a scuola, nel comune di Barletta, senza che i genitori siano in possesso e presentino la certificazione delle avvenute vaccinazioni obbligatorie, rilasciata dal Servizio Igiene Pubblica della ASL. Lo ha deciso il sindaco Cosimo Cannito emanando un'ordinanza che sarà notificata a tutti i dirigenti scolastici, al gestore dell'asilo nido comunale, ai titolari di asili nido e scuole dell'infanzia presenti nel territorio comunale; nonché al Comando di polizia locale, alla Asl Bt, al Prefetto e al Ministero della Salute.

Il primo cittadino ha inteso intervenire in tal senso perché "in qualità di Autorità sanitaria locale – si legge nel testo dell'ordinanza - ha la responsabilità della tutela della salute pubblica dei propri cittadini", e anche in considerazione della circostanza per cui le scuole sono frequentate, e devono poter esserlo, anche da bambini immunodepressi e ammettere bambini non vaccinati esporrebbe i primi a un elevato rischio per la loro salute. Il presupposto giuridico di tale ordinanza è rappresentato, dunque, dalla legge 119 del 2017, nota come Legge Lorenzin che, in quanto mai abrogata, è di fatto efficace. Altro riferimento giuridico dell'ordinanza sindacale è l'art. 47 del DPR n.445/2000, che sancisce l'impossibilità di avvalersi della autocertificazione per i certificati medici, sanitari.

La legge individua dieci vaccinazioni, anti- tetanica, anti-poliomelitica, anti-difterica, anti-epatite B, anti-pertosse, anti-Haemopbilusinfluenzae tipo B, anti-morbillo, anti-rosolia, anti-parotite, anti-varicella (quest'ultima obbligatoria solo per i nati nel 2017), e stabilisce la loro obbligatorietà quale requisito necessario per l'ammissione all'asilo nido e alle scuole dell'infanzia, incluse quelle private non paritarie. Mentre per gli alunni della scuola dell'obbligo il mancato rispetto comporta sanzioni pecuniarie. "L'inosservanza degli obblighi sanciti con la predetta ordinanza – conclude l'ordinanza - salvo ulteriori responsabilità civile e penali, è punita con sanzione amministrativa".
  • Vaccinazioni
  • Scuola
  • Cosimo Cannito
Altri contenuti a tema
1 82° Reggimento fanteria Torino, «voi siete con Barletta, Barletta è con voi» 82° Reggimento fanteria Torino, «voi siete con Barletta, Barletta è con voi» Il discorso del sindaco Cannito durante il conferimento della cittadinanza onoraria
Scuola incompiuta di via Morelli, Cannito accusa la Provincia Bat di inerzia Scuola incompiuta di via Morelli, Cannito accusa la Provincia Bat di inerzia Il Sindaco Cannito ha deciso di abbandonare il tavolo di confronto
La "Notte prima degli esami" è arrivata La "Notte prima degli esami" è arrivata L'indimenticabile giorno per i maturandi domani alle prese con la prima prova
Vigilessa aggredita a Barletta, la solidarietà del sindaco e dell'assessore Lasala Vigilessa aggredita a Barletta, la solidarietà del sindaco e dell'assessore Lasala «La merce venduta dalla persona controllata era contraffatta»
Il sindaco incontra Giuseppe Pierro Ambasciatore di pace nel mondo Il sindaco incontra Giuseppe Pierro Ambasciatore di pace nel mondo Pierro opererà nei prossimi due anni per la creazione di sinergie con gli ambasciatori di altri Paesi
Poliziotti feriti in inseguimento, la solidarietà del sindaco di Barletta Poliziotti feriti in inseguimento, la solidarietà del sindaco di Barletta Cannito: «Lavoro delicato e pericoloso»
Rigenerazione urbana sostenibile, ammessi a finanziamento i progetti candidati Rigenerazione urbana sostenibile, ammessi a finanziamento i progetti candidati Tra i progetti: la ristrutturazione del campo sportivo “Lello Simeone”
1 Incontro con le Associazioni di categoria, Cannito: «Salvaguardiamo il valore delle feste locali» Incontro con le Associazioni di categoria, Cannito: «Salvaguardiamo il valore delle feste locali» «Massima disponibilità ad accogliere le giuste richieste delle associazioni»
© 2001-2019 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.