Stazione Ferroviaria fermata
Stazione Ferroviaria fermata
Scuola e Lavoro

Mobilitazione studentesca a Barletta: "Diamo voce ai pendolari"

Parte il volantinaggio e la raccolta firme per gli universitari. Organizzato da Giovane Università e Giovani per i Giovani

Elezioni Regionali 2020
Da Lunedì per circa due settimane nel piazzale antistante la stazione si terrà una mobilitazione studentesca che parte dalla necessità di denunciare la situazione di disagio che ogni giorno devono affrontare gli studenti pendolari di Barletta.

L'iniziativa, che si terrà anche nelle città di Trani, Barletta, Bisceglie, Molfetta, è stata lanciata dall'associazione universitaria nazionale "Giovane Università", rappresentata a livello regionale da Andrea Catino, e dal movimento giovanile "Giovani per i Giovani – Libertà e Lavoro", coordinato da Marco Vitobello.

Come è stato denunciato di recente anche da giornali e tv locali, oltre che già da tempo sui social network come Facebook o Twitter, la situazione del trasporto ferroviario mette a dura prova la resistenza dei giovani universitari pugliesi.

Molto spesso gli studenti devono affrontare un viaggio di quasi 1 ora in piedi in vagoni sovraffollati, in cui la resistenza fisica è messa a dura prova, tanto è vero che non è difficile assistere a svenimenti o a episodi di grande nervosismo; per non parlare anche dei rischi per la salute e per la sicurezza che si corrono con questo tipo di situazione.

Per questo motivo Giovane Università e Giovani per i Giovani dal 7 al 9 Novembre e dal 14 al 16 Novembre, dalle ore 6:30 alle ore 9:30 del mattino, nel piazzale antistante la stazione distribuiranno volantini informativi e raccoglieranno firme per sostenere una serie di proposte da indirizzare alle istituzioni competenti in materia di trasporti pubblici.

I responsabili dell'iniziativa nella città di Barletta sono: Luca Cavalieri e Raffaele Piccialli.

"Chiediamo solo di essere ascoltati – affermano i responsabili dell'iniziativa – affinché anche chi si trova al vertice delle istituzioni, possa sapere o addirittura provare in prima persona cosa significa fare un viaggio in treno per andare a Bari, in una delle corse che si trovano in quella fascia d'orario.

Non è piacevole di prima mattina dover fare circa 1 ora di treno in piedi o al limite seduti sui gradini dei vagoni, ammucchiati, con persone che ti spingono continuamente, a volte in condizioni igieniche precarie che necessariamente si vengono a creare se il treno è sovraffollato, e con notevoli rischi per la sicurezza a bordo.

E' meglio non aspettare eventi poco piacevoli per intervenire; prevenire è meglio che curare."

"Chiediamo ai tanti pendolari che ogni mattina usano i treni per muoversi in direzione di Bari di sostenere la nostra iniziativa – afferma Andrea Catino, Presidente Regionale di Giovane Università – firmando i moduli per la nostra raccolta firme e diffondendo la situazione che ogni giorno vivono. Dobbiamo far conoscere la nostra situazione a tutti i cittadini e alle istituzioni competenti e dobbiamo mostrarci uniti e solidali affinché questo obiettivo possa essere raggiunto."
"Per segnalare situazioni di disagio o per aiutarci in questa iniziativa – afferma Marco Vitobello, Coordinatore di Giovani per i Giovani - abbiamo messo a disposizione dei pendolari i nostri profili facebook (Giovane Università Sud e GiovaniperiGiovani Coordinamento Puglia) e un indirizzo mail (gu.puglia@gmail.com)."
  • Università
  • Scuola
  • mobilitazione
Altri contenuti a tema
Lauree in presenza dopo il Covid: mascherina e 5 ospiti per candidato Lauree in presenza dopo il Covid: mascherina e 5 ospiti per candidato Presentato questa mattina il protocollo che porterà alle sedute in presenza, Bronzini: «È solo l’inizio di un percorso»
Ritorno a scuola: Comuni e Province si confrontano con i dirigenti Ritorno a scuola: Comuni e Province si confrontano con i dirigenti In Puglia la scuola riaprirà il 24 settembre, dopo le elezioni regionali
Scuola, in Puglia riprende il 24 settembre: ecco il calendario Scuola, in Puglia riprende il 24 settembre: ecco il calendario Si comincia il 24 settembre e si finisce l'11 giugno, tutti i ponti e le festività. Le scuole possono modificarlo in base alle loro esigenze
Scuola, in Puglia al via il 24 settembre: «Ma servono certezze» Scuola, in Puglia al via il 24 settembre: «Ma servono certezze» «Servono certezze e risorse per evitare enormi disagi nel prossimo anno scolastico»
Rientro a scuola il 14 settembre, Azzolina: «Addio classi pollaio» Rientro a scuola il 14 settembre, Azzolina: «Addio classi pollaio» Il presidente Conte: «Obiettivo contrastare povertà educativa e dispersione scolastica». Azzolina: «Dall'1 luglio tour negli istituti di tutta Italia»
Didattica a distanza e voglia di tornare tra i banchi di scuola Didattica a distanza e voglia di tornare tra i banchi di scuola Il prof Danilo Marano: «La condivisione in presenza è irrinunciabile per la crescita dei ragazzi»
Didattica a distanza, cosa ne pensano gli studenti? Didattica a distanza, cosa ne pensano gli studenti? Presentata inchiesta della Flc Cgil. Ad oggi nessuna certezza sulla ripresa a settembre
Fine anno scolastico, i saluti del sindaco di Barletta ai ragazzi Fine anno scolastico, i saluti del sindaco di Barletta ai ragazzi «Ricominciare non sarà facile, ma ce la faremo perché la scuola è importante per tutti»
© 2001-2020 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.