Mario Desiati
Mario Desiati
Eventi

Mario Desiati incanta gli studenti al "Curci"

Lo scrittore martinese vincitore del premio "Strega" ha raccontato il suo "Spatriati"

Un racconto intenso e coinvolgente: gli "Spatriati" di Mario Desiati hanno incantato il giovane pubblico del teatro "Curci". Lo scrittore, vincitore del premio "Strega" e originario di Martina Franca, ha incontrato gli studenti delle scuole superiori cittadine ed è stato intervistato, sul palco del teatro, dagli alunni dell'Istituto Tecnico Economico e Tecnologico "Cassandro Fermi Nervi". L'evento è espressione del più ampio progetto "Incontro con l'autore", promosso dal medesimo istituto scolastico d'intesa con l'Assessorato alla Cultura e la collaborazione del Punto Einaudi di Barletta.

«Ho scritto il mio "Spatriati" per i ragazzi ma non l'ho mai presentato nelle scuole - spiega l'autore - per questo motivo l'esperienza di questa mattina è stata molto particolare. Con gli studenti c'è a possibilità di scambiare opinioni e di confrontare gli sguardi sul mondo».

Spatriati, propone al lettore, pagina dopo pagina, la vibrante storia dei protagonisti, Claudia e Francesco, simili ma al tempo medesimo diversi, divergenti e inquieti, tuttavia legati da una tenace e inesauribile amicizia germogliata tra i banchi di scuola che il tempo non sbiadirà. Un eccellente filo conduttore, insomma, per imbastire e ampliare un dibattito intergenerazionale sull'appartenenza, l'accettazione di sé, le passioni, più in generale sulla complessa realtà giovanile. E non solo. Tra i tanti spunti di riflessione, Desiati ne isola uno in particolare: «Molto sentito, soprattutto qui al sud è il tema del restare andare. I ragazzi - sottolinea Desiati - sono curiosi di comprendere se sarà possibile realizzare le proprie aspirazioni nella terra natia». Da non sottovalutare anche «l'aspetto creativo. Molti ragazzi vorrebbero realizzarsi nell'arte e nella comunicazione e per farlo sono costretti ad andari via».

La vittoria del premio "Strega", il più grande concorso letterario italiano, non ha cambiato la vita di Desiati che non pensa di lasciare messaggi ai ragazzi, a loro vorrebbe invece trasferire «la consapevolezza che in Puglia c'è una grande cultura letteraria. Molti nostri autori sono stati dimenticati e a loro io voglio dedicare "Spatriati". A loro vorrei anche raccontare delle storie che gli permettano di guardare il mondo in modo diverso e da prospettive che magari prima non si prendevano in considerazione».
  • Teatro Curci
Altri contenuti a tema
Al via i Concorsi Musicali Internazionali 2024 al Teatro Curci di Barletta Al via i Concorsi Musicali Internazionali 2024 al Teatro Curci di Barletta Uno straordinario maggio musicale con partecipanti provenienti da oltre 30 Nazioni
Azioni in danza, domani la presentazione Azioni in danza, domani la presentazione Appuntamento alle 11 nel foyer del teatro Curci
Questa sera sul palco del "Curci" le coreografie del barlettano Enrico Morelli Questa sera sul palco del "Curci" le coreografie del barlettano Enrico Morelli La MM Contemporary Dance Company porta in scena "Skrik" ed "Elegia"
Fratelli d’Italia Barletta: «Il Teatro “Curci” monumento nazionale, grazie al Governo Meloni» Fratelli d’Italia Barletta: «Il Teatro “Curci” monumento nazionale, grazie al Governo Meloni» La nota dei consiglieri comunali Mele, Memeo, Cefola e Antonucci
1 Il teatro Curci di Barletta è monumento nazionale Il teatro Curci di Barletta è monumento nazionale La nota della parlamentare di Fratelli d’Italia Mariangela Matera
Presentati i Concorsi Musicali Internazionali 2024 Presentati i Concorsi Musicali Internazionali 2024 Si svolgeranno dall’1 al 12 maggio sul palco del Teatro Curci a Barletta
Concorsi Musicali Internazionali 2024, lunedì 18 marzo la presentazione Concorsi Musicali Internazionali 2024, lunedì 18 marzo la presentazione Appunatmento nel foyer del teatro "Curci"
Angelo Corbo racconta a Barletta la strage di Capaci Angelo Corbo racconta a Barletta la strage di Capaci L’ex membro della scorta di Falcone ha presentato il suo libro-intervista nel quale racconta la sua drammatica esperienza
© 2001-2024 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.