Violenza sulle donne
Violenza sulle donne
Servizi sociali

«La violenza contro le donne non è lontana dalle nostre realtà»

Lo spiega la responsabile del Coordinamento Donne del Circolo ACLI “Ciccio Sfrecola”

«In occasione delle Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne il Coordinamento Donne del Circolo ACLI "Ciccio Sfrecola" di Barletta non può restare in silenzio. La violenza contro le donne, infatti, non è un problema lontano dal territorio in cui operiamo, non è lontana dalle realtà in cui viviamo. La violenza esiste e in particolare la violenza contro le donne rappresenta un dolore inaccettabile della nostra società». Lo scrive la professoressa Antonella Ruggiero, responsabile del Coordinamento Donne del Circolo ACLI "Ciccio Sfrecola" di Barletta. «La violenza sulle donne ha mille volti. Spesso fa parte del quotidiano, diventa abitudine a cui molte donne non si ribellano. La violenza domestica però è un reato, di cui le donne spesso non si rendono conto.

Altre volte la violenza è più silente ma proprio per questo ancora più grave: è la violenza psicologica, fatta di atteggiamenti che si insinuano gradualmente nella relazione tra un uomo e una donna e privano la vittima del suo valore, rendendola quasi un oggetto. Tali atteggiamenti si insinuano lentamente, sono difficili da rilevare e per questo sembra quasi che la donna li accetti. Ma il maltrattamento influenza l'autostima della vittima, dà sofferenza, riduce la libertà e spaventa. La violenza sulle donne (fisica, psicologica, economica, sessuale) non è un problema che riguarda solo alcuni, riguarda tutti, anche chi non è coinvolto direttamente. E' un fenomeno che fa parte della nostra società, che riguarda le relazioni tra uomini e donne, gli stili di vita, il rapporto tra genitori e figli. Tutto questo si può contrastare solo con la prevenzione. Parlandone a più livelli si rende evidente il fenomeno della violenza contro le donne, si dà coraggio alle donne di accedere agli strumenti di tutela offerti dalla legge. Tacere è esserne complici.

La scuola è uno dei luoghi privilegiati per diffondere la cultura della non violenza e del rispetto nelle relazioni umane. E' fondamentale sentirsi responsabili ed operare con tutti i mezzi a disposizione per aiutare i giovani a crescere alla luce di quelli che sono i veri valori della vita: l'educazione affettiva quindi diventa il canale di prevenzione di ogni tipo di violenza ed in particolare di quella sulle donne».
  • Donne
  • Violenza
Altri contenuti a tema
Ragazza aggredita, l'appello degli avvocati: «Smettete di far circolare il video» Ragazza aggredita, l'appello degli avvocati: «Smettete di far circolare il video» Scrivono i legali dei genitori della giovane vittima della violenza in strada
1 Ragazzina aggredita in strada, «siamo dinanzi ad un problema di deformazione educativa» Ragazzina aggredita in strada, «siamo dinanzi ad un problema di deformazione educativa» Interviene l'Ordine degli Psicologi sul caso di bullismo in strada a Barletta
1 Ragazzina schiaffeggia coetanea: inarrestabili condivisioni del video su Whatsapp Ragazzina schiaffeggia coetanea: inarrestabili condivisioni del video su Whatsapp Episodio di bullismo ripreso col telefonino
7 Barletta come nel "far west", tre omicidi in soli 6 mesi Barletta come nel "far west", tre omicidi in soli 6 mesi Il 43enne Giuseppe Tupputi ucciso nel suo bar nella sparatoria di ieri
Difesa personale: l'incontro per contrastare la violenza sulle donne Difesa personale: l'incontro per contrastare la violenza sulle donne Si è tenuto presso la New Dragon Fitness di Barletta
Bat: registrata la percentuale più bassa di donne prese in carico dai CAV Bat: registrata la percentuale più bassa di donne prese in carico dai CAV Il report dell'Ufficio Statistico Regione Puglia sul tema della violenza sulle donne in puglia
Essere donna oggi, le voci delle donne per l’otto marzo Essere donna oggi, le voci delle donne per l’otto marzo Il Viva Network celebra la Giornata internazionale della donna con riflessioni di donne del nostro territorio
«Solo la cultura e l’informazione possono salvare le donne da ignoranza e violenza» «Solo la cultura e l’informazione possono salvare le donne da ignoranza e violenza» La riflessione di Tina Arbues, responsabile dell’Osservatorio “Giulia e Rossella” di Barletta
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.