Anziani al computer
Anziani al computer
Servizi sociali

La Uil pensionati attacca il governo: «Immorale non restituire quanto spetta»

«Si rispettino le sentenze e si restituisca loro il maltolto»

"Sarebbe immorale non restituire a tutti i pensionati ciò che è loro dovuto perché i pensionati sono sempre stati il più grande degli ammortizzatori sociali per il Paese. Senza di essi ne sarebbe andata di mezzo la stessa democrazia. Ora si rispettino le sentenze e si restituisca loro il maltolto": è quanto ha chiesto da Bari il segretario della Uil Pensionati di Puglia (Bari, Bat-Foggia), Rocco Matarozzo, durante la riunione del Comitato esecutivo regionale, in piena sintonia con il segretario generale nazionale, Romano Bellissima, collegato in videoconferenza.

"Non ci servono le lacrime di coccodrillo mentre si fa cassa sui redditi dei più poveri – ha detto Matarozzo incassando il consenso dei presenti – quello che conta sono i fatti: ovvero che la Corte Costituzionale ha dato ragione alle nostre tesi. Ricordo, infatti, che qualche mese fa la Uil ha organizzato, presso l'Università degli Studi di Bari, un apposito seminario a carattere nazionale

Il segretario nazionale Bellissima ha poi attaccato il sottosegretario Zanetti, che si è detto contrario alla restituzione di quanto bloccato dall'indicizzazione negli anni 2012-2013: "Immorale – ha sostenuto – è emanare prima una norma anticostituzionale (che come sindacati contrastammo con forza, ma senza essere ascoltati) e pensare, poi, di non rispettare una sentenza della Corte Costituzionale, cioè dell'organismo garante della nostra vita democratica, che ne sancisce appunto l'incostituzionalità. Sentenza che la stessa Corte considera "erga omnes". Immorale, inoltre, è considerare "alte" o "d'oro" pensioni di 3mila euro lordi mensili, frutto di anni di lavoro, di contributi versati e di tasse già pagate e che si continuano a pagare, visto che le pensioni italiane sono tra le più tassate d'Europa. Immorale infine – ha concluso Bellissima – è che esistano ancora condizioni di privilegio previdenziale per le cariche elettive e di nomina, le cui pensioni si chiamano vitalizi e non rientrano nelle norme che si applicano a tutti gli altri cittadini italiani". Lo stesso Bellissima ha inoltre ribadito "la necessità di rivedere la legge Fornero, eliminare le ingiustizie che ha prodotto, risolvere il problema degli esodati ed avviare il pensionamento flessibile".
  • Governo
  • pensionato
  • Uil
Altri contenuti a tema
Anche da Barletta e dalla Bat l'appello a Mario Draghi per restare al governo Anche da Barletta e dalla Bat l'appello a Mario Draghi per restare al governo La sezione provinciale di Italia Viva dà appuntamento a questo pomeriggio per sottoscrivere una petizione
Draghi annuncia le dimissioni, arriva la crisi di governo Draghi annuncia le dimissioni, arriva la crisi di governo L'intenzione è stata anticipata nel corso del consiglio dei ministri. Ora toccherà al presidente Mattarella decidere se sciogliere le Camere
Psicologi di Puglia: «Soddisfatti per i voucher del Governo» Psicologi di Puglia: «Soddisfatti per i voucher del Governo» Il presidente Vincenzo Gesualdo ha commentato l'impegno del Governo nell'investire in voucher psicologici.
Ecco il governo Draghi, Mara Carfagna ministra per il Sud Ecco il governo Draghi, Mara Carfagna ministra per il Sud Il presidente del Consiglio incaricato presenta la lista dei nuovi ministri
Didattica mista in Puglia, Uil: «Chi segue a distanza è più svantaggiato» Didattica mista in Puglia, Uil: «Chi segue a distanza è più svantaggiato» L'intervento del segretario generale Gianni Verga
«Non ci sono le condizioni di sicurezza per tornare a scuola il 7 gennaio» «Non ci sono le condizioni di sicurezza per tornare a scuola il 7 gennaio» La preoccupazione di UIL Scuola Puglia
Scuola, in Puglia al via il 24 settembre: «Ma servono certezze» Scuola, in Puglia al via il 24 settembre: «Ma servono certezze» «Servono certezze e risorse per evitare enormi disagi nel prossimo anno scolastico»
1 UIL scuola Bat, Domenico Borraccino è il nuovo dirigente sindacale UIL scuola Bat, Domenico Borraccino è il nuovo dirigente sindacale «Un lavoratore molto apprezzato nel settore»
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.