Ragazza
Ragazza
La città

La tragedia di Chiara in Erasmus: precipita dal balcone e lotta per la vita

Dopo 20 giorni di coma, Chiara apre gli occhi e comincia pian piano a respirare autonomamente

La storia di Chiara è un pugno dritto allo stomaco e il dolore che ne deriva resta sordo e acuto. È una studentessa di 20 anni, terzo anno di Ingegneria Gestionale con tanti sogni da realizzare. Parte per l'Erasmus e raggiunge Manresa, una cittadina universitaria vicino Barcellona. Un cornicione si sgretola e Chiara cade nel vuoto.

La vita di Chiara e della sua famiglia avrà per sempre un prima del 14 Settembre 2018 e un dopo. Trascorre la sua estate a fantasticare sulla partenza sempre più vicina; ha anche un po' di timore perché, seppur per sei mesi, sarà lontana dalla sua famiglia. Il 4 settembre arriva in Spagna. È entusiasta dell'università e della casa che ha scelto con i suoi compagni d'avventura. Pochi giorni dopo, tutto si frantuma. Si trovava con una sua amica in camera, era seduta sul davanzale della finestra. È bastato un attimo. Parte del davanzale si sgretola e Chiara precipita di sotto, su un'auto prima, poi al suolo. Viene soccorsa immediatamente dai suoi amici, ma non risponde e il suo battito rallenta. Chiara comincia a lottare ed è una corsa contro il tempo. Viene portata presso l'ospedale universitario di Terrassa per subire un intervento al cervello di 5 ore. La dottoressa comunica ai presenti che ha il 50% di possibilità di risvegliarsi.

Nel frattempo dall'Italia arriva la sua famiglia. Aggrappati alla speranza di ritrovare la propria bambina viva. La prognosi rimane riservata per 10 giorni. Dopo 20 giorni di coma, Chiara apre gli occhi, muove la mano, pian piano comincia a respirare autonomamente. È in stato di minima coscienza ma è giovane, forte e può recuperare. La sua famiglia si è rivolta alla clinica neurologica e di neuro-riabilitazione acuta Hochzirl, vicino a Innsbruck, la quale fornisce terapie robotiche di ultima generazione e medicinali non ancora presenti in Italia. La clinica costa 1.000 euro al giorno e il volo per trasportare Chiara da Barcellona a Innsbruck costa 18.000 euro. Chiara continuerà a lottare per realizzare i suoi sogni di appena ventenne, ma la strada è in salita.
  • Incidente
Altri contenuti a tema
Grave incidente in via Trani, tre auto coinvolte Grave incidente in via Trani, tre auto coinvolte Ha perso la vita una donna di Trani, cinque i feriti
Il ragazzo delle farfalle, la storia di Iacopo da Barletta Il ragazzo delle farfalle, la storia di Iacopo da Barletta A seguito della morte di suo figlio Iacopo, il signor Giuseppe parla ai giovani di sicurezza stradale
Incidente sulla SS170 Andria Barletta, tre le auto coinvolte Incidente sulla SS170 Andria Barletta, tre le auto coinvolte Dalle prime informazioni ricevute, pare non ci siano stati feriti
Investita sulle strisce pedonali a Barletta, una donna in ospedale Investita sulle strisce pedonali a Barletta, una donna in ospedale L'episodio è accaduto venerdì notte sulla litoranea di Ponente
Sempre forza Chiara, oggi il trasferimento a Innsbruck Sempre forza Chiara, oggi il trasferimento a Innsbruck «Finalmente Chiara si appresta a intraprendere il tanto agognato percorso di neuro riabilitazione»
Fatalità in casa, una donna ha perso la vita in un incidente domestico Fatalità in casa, una donna ha perso la vita in un incidente domestico La tragedia è avvenuta in un sottano in via Pastrengo
1 Auto perde il controllo, investite due donne a Barletta Auto perde il controllo, investite due donne a Barletta Secondo una testimonianza, i ragazzi a bordo dell'auto sono scappati dal punto dello scontro
Un'auto si ribalta sulla statale 170, nessun ferito Un'auto si ribalta sulla statale 170, nessun ferito Sul posto sono intervenuti i Vigili urbani che hanno allestito un blocco per il traffico
© 2001-2020 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.