Ruggiero Quarto
Ruggiero Quarto
Territorio

«La tecnologia nucleare è obsoleta e pericolosa»

Il prof. Ruggiero Quarto ha spiegato la pericolosità e inutilità dell’energia nucleare. Nonostante i pericoli, è stata scelta Nardò come sito per una centrale nucleare

Alla vigilia del referendum del 12 e 13 giugno, si è tenuto presso il Comitato elettorale del sindaco Nicola Maffei, in Piazza Caduti, una "Lectio magistralis" tenuta dal Prof. Ruggiero Quarto sul discusso argomento dell'energia nucleare. Il professor Ruggiero Quarto è docente di geofisica ambientale all'Università degli studi di Bari, facoltà di scienze matematiche, fisiche e naturali. L'incontro è stato organizzato da Sinistra Ecologia e Libertà. Inizio polemico per il prof. Quarto, il quale ha osservato come nel partito dei Verdi di Barletta, militino persone che con l'ambiente con hanno nulla a che fare. Dopo questa osservazione il professore ha spiegato in maniera semplice e lineare una materia non facile, servendosi dei suoi studi di settore.

Situazione internazionale
Il prof. Quarto ha affermato come nella centrale di Fukushima, la fusione del nocciolo è iniziata tre ore dopo il terremoto e il conseguente tsunami. Il governo giapponese, sebbene all'avanguardia nella prevenzione, ha sottovalutato i rischi dello tsunami. Si prevede che dopo la fuga di radiazioni, nei prossimi 50 anni circa 420.000 giapponesi si ammaleranno di cancro.

Situazione in Italia
Il prof. Quarto ha affermato come non esistano centrali nucleari sicure, sebbene in Italia siano stati individuati potenziali siti dove collocarle, tutti questi siti sono collocati in zone costiere a rischio-sisma. In Puglia un sito dove si vorrebbe impiantare una centrale nucleare si trova a Nardò (Lecce). Il governo italiano vorrebbe farci credere che l'energia nucleare sia indispensabile, ma è falso, la tecnologia nucleare è obsoleta, e le scorie nucleari non possono essere smaltite in maniera sicure. Ad esempio, in Germania hanno speso 3 miliardi di euro per smaltire le scorie in una miniera di salgemma, salvo poi accorgersi che i bidoni contenenti le scorie erano sottoposti a corrosione. Adesso la Germania dovrà spostare quelle tonnellate di scorie e spendere altre 3 miliardi di euro.

Le conclusioni della «Lectio magistralis» del prof. Ruggiero Quarto sono state le seguenti [che per semplicità schematizziamo ndr].

L'energia nucleare è:
Pericolosa
Molto rischiosa
Esauribile
Inutile per la Puglia
Nelle mani delle grandi multinazionali
Non ha risolto il problema delle scorie
5 fotoLectio magistralis Ruggiero Quarto
Lectio magistralis di Ruggiero QuartoLectio magistralis di Ruggiero QuartoLectio magistralis di Ruggiero QuartoLectio magistralis di Ruggiero QuartoLectio magistralis di Ruggiero Quarto
  • Risparmio Energetico
  • Sinistra Ecologia e Libertà
  • Referendum
  • Nucleare
  • Tommaso Francavilla
Altri contenuti a tema
M'illumino di meno 2019, luci spente nel fossato del Castello di Barletta M'illumino di meno 2019, luci spente nel fossato del Castello di Barletta 10 minuti di buio come simbolo per l'iniziativa lanciata da "Caterpillar"
M'illumino di meno 2019, anche Barletta aderisce all'iniziativa M'illumino di meno 2019, anche Barletta aderisce all'iniziativa ScartOff organizza un vero e proprio "Laboratorio a lume di candela"
Ora solare, stanotte la lancetta torna indietro e si dorme di più Ora solare, stanotte la lancetta torna indietro e si dorme di più Potrebbe essere l'ultima volta: l'introduzione risale al 1973
Anche Barletta venerdì si illuminerà di meno Anche Barletta venerdì si illuminerà di meno Gesto simbolico ma il messaggio del risparmio energetico deve essere rilanciato
Un braccialetto caricabatterie a energia solare: invenzione made in Barletta Un braccialetto caricabatterie a energia solare: invenzione made in Barletta L'idea del barlettano Ruggero Sguera può essere sostenuta tramite il crowdfunding
Referendum sul lavoro, Cgil Bat: «Il Governo fissi la data del voto» Referendum sul lavoro, Cgil Bat: «Il Governo fissi la data del voto» Al via il lancio della campagna in tutti i comuni della provincia
Dopo Caterpillar anche Barletta si "illumina di meno" Dopo Caterpillar anche Barletta si "illumina di meno" Un gesto simbolico con un messaggio forte, condiviso anche da altri comuni italiani
«Qualcosa da cambiare c'è, non nella Costituzione ma nella classe politica» «Qualcosa da cambiare c'è, non nella Costituzione ma nella classe politica» Giuliana Damato, Stefano Chiariello e Luca Lacerenza commentano il post referendum
© 2001-2019 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.