Soldi
Soldi
Politica

La Puglia rischia di perdere mezzo miliardo di euro

Amara scoperta delle eurodeputate M5S, ecco i motivi

«La Puglia rischia seriamente di perdere 523 milioni di euro, ben mezzo miliardo di fondi Ue. Il motivo? La Regione avrebbe effettuato controlli 'deboli' su spese su cui Bruxelles sospetta vi siano stati 'aiuti di stato, irregolarità in appalti pubblici e spese non eleggibili». E' quanto hanno scoperto le eurodeputate del Movimento 5 Stelle, Rosa D'Amato e Isabella Adinolfi, studiando l'elenco della Commissione europea relativo alla cosiddetta esecuzione dei pagamenti intermedi, ossia quei pagamenti che vengono versati dall'Ue alle regioni a rimborso delle spese sostenute per la realizzazione dei progetti nella politica di coesione. «Stiamo parlando dei fondi della programmazione Fesr 2007-2013 - dicono D'Amato e Adinolfi, membri della commissione Sviluppo regionale del Parlamento europeo - La Commissione ha deciso di interrompere i pagamenti perché ha riscontrato diverse criticità nei controlli fatti dalla Regione Puglia. Si tratta delle stesse criticità riscontrate tre anni fa in Calabria, un precedente che ci preoccupa non poco, visto che questa regione non è riuscita ancora a rispondere ai rilievi dell'Ue e sta rischiando di perdere milioni di fondi europei. Ci chiediamo - continuano - che fine abbia fatto la tanto sbandierata 'virtuosità pugliese' nella gestione dei fondi Ue».

Insieme ai fondi per la Puglia, Bruxelles ha bloccato anche i pagamenti, sempre in ambito Fesr, all'Abruzzo (19 milioni) e al Lazio (44 milioni). Ma non è finita qui: la Commissione europea ha bloccato anche 155 milioni di fondi del Programma operativo interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico 2007-2013 e 246 milioni del Programma operativo nazionale Sicurezza per lo sviluppo-obiettivo convergenza. In entrambi i casi, le regioni beneficiare sono Calabria, Campania, Puglia e Sicilia. "Il paradosso amaro del Por Sicurezza - conclude D'Amato - è che quei fondi dovrebbero servire a promuovere 'l'efficienza della pubblica amministrazione come strumento di contrasto della cultura mafiosa'. Ambiente, rinnovabili, lotta alla mafia, corretta gestione dei fondi pubblici: ecco la mappa dello spreco perpetrato da amministrazioni regionali e nazionali in questi anni".
  • Cattiva politica
Altri contenuti a tema
Nuove possibilità per Canne della Battaglia, lettera del perito agrario Dargenio Nuove possibilità per Canne della Battaglia, lettera del perito agrario Dargenio «La legge regionale sulla Perequazione potrebbe calzare a pennello sul destino turistico di Canne»
2 Giornalisti minacciati, e la politica barlettana muta Giornalisti minacciati, e la politica barlettana muta Una brutta disavventura per i colleghi Nino Vinella e Michele Straniero
Barletta, una città smaterializzata Barletta, una città smaterializzata Riflessione di Nicola Palmitessa
Wine Challenge, «tanto di cappello ma mi assale un dubbio atroce...» Wine Challenge, «tanto di cappello ma mi assale un dubbio atroce...» Regolamento non consultabile, perché?
Damiani: «Pasticcio TASI, ecco come smascheriamo il “giochino” del centrosinistra» Damiani: «Pasticcio TASI, ecco come smascheriamo il “giochino” del centrosinistra» «Una maggioranza che fa delle tasse la sua bandiera»
Ecotassa, «Se gli amministratori sono incapaci, quale colpa hanno i cittadini?» Ecotassa, «Se gli amministratori sono incapaci, quale colpa hanno i cittadini?» Ribadito il "no" agli aumenti, la nota di CNA Bat
Rosa Cascella: «Non si ceda alla miserabile volontà di lasciare la situazione immobile» Rosa Cascella: «Non si ceda alla miserabile volontà di lasciare la situazione immobile» Alcuni consiglieri ostacolano l'attività amministrativa
Canne della Battaglia, prospettive turistiche solo da investimenti privati Canne della Battaglia, prospettive turistiche solo da investimenti privati La penna di Dargenio "bacchetta" politici di maggioranza e opposizione
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.