Territorio

Il prof. Quarto, i Verdi e il Sel

Precisazioni dei Verdi alle conclusioni del docente universitario. Sul tema dell'energia nucleare, oggetto di referendum.

Diventiamo solo tramite, in questa occasione, tra gli stessi attori menzionati nei titoli. Riteniamo doveroso farlo per consentire chiarezza nelle singole interpretazioni, augurandoci che sia il dialogo ad affinare le differenti spigolose tesi. Per maggior facilità interpretativa del dialogo a distanza e a mezzo Barlettalife, segnaliamo i pregressi articoli (http://www.barlettalife.it/magazine/notizie/la-tecnologia-nucleare-e-obsoleta-e-pericolosa/ ; http://www.barlettalife.it/magazine/notizie/la-scelta-dei-siti-nucleari-e-segreto-di-stato-gravissimo-difetto-di-democrazia/ )cui fa seguito quest'ultimo.

Con alcuni giorni di ritardo ho letto su Barlettalife due dichiarazioni, una del 9 giugno attribuita al prof. R. Quarto e l'altra del 10 giugno sempre dello stesso professore che precisava correggendo quanto riportato dal giornale il giorno prima. La cornice di queste dichiarazioni era l'incontro organizzato dalla SEL presso il comitato elettorale di Piazza Caduti sul tema dell'energia nucleare, oggetto di referendum. Ma, chissà perchè, il suddetto professore ha deciso di avviare la "lectio magistralis" non come ci si aspetta da un serio docente universitario, ma come un alunno indisciplinato che esce fuori tema, per dar sfogo al suo subconscio.

Che necessità c'era di dichiarare che "nel partito dei Verdi di Barletta militano persone che con l'ambiente non hanno nulla a che fare" o, nella versione meglio precisata il giorno dopo, "poche ore prima della presentazione delle liste per le ultime votazioni c'è stato un incomprensibile cambiamento di rotta di 180 gradi del partito, con persone in lista che fino ad allora non avevano mai interagito con i Verdi di Barletta"? Il buon Antonio Dipietro esclamerebbe: "Ma che ci azzecca" questa polemica con il referendum sul nucleare? Inoltre, come si permette il prof. Quarto di fare affermazioni su un partito che non è più il suo, avendolo abbandonato nei primi di marzo per accarrarsi nella SEL? E poi si meraviglia che tale partito, non "nelle poche ore prima della presentazione della lista" ma nel giro di un mese, riesce ad accogliere nella sua lista un gruppo di persone, prevalentemente giovani, guidati da Sabrina Salerno, che la Coalizione di Centro Sinistra (ad eccezione del PD e dei Verdi) si era ostinato a non ammettere al proprio interno? I Verdi, a livello locale e a livello regionale, si erano battuti per far comprendere ai loro alleati l'assurdità di tenere fuori una lista che si presentava allora con il simbolo "La Puglia per Vendola" e, infine, visti gli inutili sforzi, decidevano, per protesta, di rompere con il Centro Sinistra per dare a questo gruppo di giovani la possibilità di far sentire la loro voce e battersi per i propri ideali, tra cui erano prioritari quelli ecologisti.

A proposito, prof. Quarto, hai provveduto a fare "le analisi del sangue" ai tuoi nuovi amici della Sel, a cominciare dal primo degli eletti al Consiglio Comunale, Pasquale Ventura?

Mi auguro che questa polemica davvero inutile e che i Verdi avrebbero preferito evitare, si chiuda con uno sguardo rivolto ai problemi ambientali, e sono tanti, che aspettano di essere affrontati e risolti in particolare da chi ha ricevuto il mandato di governare la città per i prossimi cinque anni.

Luigi Rizzi
portavoce dei Verdi Barletta

  • Referendum
  • Nucleare
Altri contenuti a tema
Referendum, a Barletta pioggia di schede bianche Referendum, a Barletta pioggia di schede bianche Terminato lo spoglio delle schede dei cinque quesiti, sebbene non sia stato raggiunto il quorum
Il flop del referendum: gli italiani lo “abrogano” di fatto Il flop del referendum: gli italiani lo “abrogano” di fatto Numeri record al ribasso, fallimento per il Referendum sulla riforma della Giustizia
I referendum sulla giustizia non ottengono il quorum, a Barletta superano il 60% I referendum sulla giustizia non ottengono il quorum, a Barletta superano il 60% Nessuno dei 5 quesiti ha raggiunto il quorum per la validità della consultazione
Non solo amministrative, gli elettori di Barletta voteranno anche i referendum sulla giustizia Non solo amministrative, gli elettori di Barletta voteranno anche i referendum sulla giustizia Urne aperte per i cinque quesiti referendari dalle 7:00 alle 23:00 di domenica prossima
Stop al referendum eutanasia legale, tante le firme che furono raccolte a Barletta Stop al referendum eutanasia legale, tante le firme che furono raccolte a Barletta Lacerenza: «La democrazia del palazzo ha deciso che la democrazia diretta e popolare, quella referendaria, può aspettare»
Referendum 2020, a Barletta ha vinto il sì Referendum 2020, a Barletta ha vinto il sì Scrutinate tutte le sezioni: il sì vince con il 79,34%
Regionali e referendum, le matite nei seggi ordinari non vanno sanificate ad ogni voto Regionali e referendum, le matite nei seggi ordinari non vanno sanificate ad ogni voto Il protocollo sanitario anti Covid per i seggi elettorali e il vademecum per i cittadini in quarantena
Barletta alle urne, si vota oggi e domani per referendum e regionali Barletta alle urne, si vota oggi e domani per referendum e regionali Ecco come votare: possibile esprimere voto disgiunto e doppia preferenza di genere
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.