Mani
Mani
Politica

Stop al referendum eutanasia legale, tante le firme che furono raccolte a Barletta

Lacerenza: «La democrazia del palazzo ha deciso che la democrazia diretta e popolare, quella referendaria, può aspettare»

Per la Corte costituzionale il referendum sull'eutanasia legale è «inammissibile». Furono tante le firme raccolta anche a Barletta. «La Consulta ha ritenuto di rigettare il referendum eutanasia legale. Ha ritenuto insufficiente la volontà espressa da oltre un milione di persone di poter decidere della propria vita. Ha ritenuto inadatto lo strumento referendario a modificare la materia del fine vita» scrive Luca Lacerenza di- Più Europa.
«Tra qualche giorno leggeremo la sentenza, ma è facile immaginare le belle parole che vi troveremo dentro, dal fare molto paternalista. Scriveranno che la Corte ha tenuto in debito conto tutte le istanze pervenute e pienamente cosciente della necessità di una legge che normi la materia, volontà per altro già espressa nella recente sentenza sul caso Antoniani ma, tutto ciò premesso, ha ritenuto insufficiente lo strumento referendario; l'abrogazione parziale dell'omicidio del consenziente non è di per sé sufficiente ha garantire "la tutela minima costituzionalmente necessaria". Rimandando ovviamente al Parlamento il compito di approvare una legge organica che possa soddisfare efficacemente le istanze di tutte le parti.

Come se non fosse un film già visto! Come se non fossero passati inutilmente quarant'anni dalla prima proposta di legge. Quasi vent'anni dal primo richiamo formale del presidente della Repubblica a normare la materia. Altri anni dal primo richiamo della Corte. Quanti altri anni ancora dovremo aspettare? Quante altre persone ancora dovranno morire tra atroci sofferenze? Questo Parlamento è evidente che non sarà mai in grado di approvare una legge sul fine vita e con questa legge elettorale non lo sarà, verosimilmente, nemmeno il prossimo. Quant'altra sofferenza? Quant'altra indifferenza? Quant'altro dolore?

La democrazia del palazzo ha deciso che la democrazia diretta e popolare, quella referendaria, può aspettare. Quando leggeremo la sentenza e tutte le sue buone intenzioni leggeremo il solito bla, bla, bla... Certo è che noi, domani, ripartiremo. La nostra battaglia e quella di milioni di persone non si ferma certo qui! Questo era solo l'inizio, il primo passo».
  • Referendum
Altri contenuti a tema
Referendum, a Barletta pioggia di schede bianche Referendum, a Barletta pioggia di schede bianche Terminato lo spoglio delle schede dei cinque quesiti, sebbene non sia stato raggiunto il quorum
Il flop del referendum: gli italiani lo “abrogano” di fatto Il flop del referendum: gli italiani lo “abrogano” di fatto Numeri record al ribasso, fallimento per il Referendum sulla riforma della Giustizia
I referendum sulla giustizia non ottengono il quorum, a Barletta superano il 60% I referendum sulla giustizia non ottengono il quorum, a Barletta superano il 60% Nessuno dei 5 quesiti ha raggiunto il quorum per la validità della consultazione
Non solo amministrative, gli elettori di Barletta voteranno anche i referendum sulla giustizia Non solo amministrative, gli elettori di Barletta voteranno anche i referendum sulla giustizia Urne aperte per i cinque quesiti referendari dalle 7:00 alle 23:00 di domenica prossima
Referendum 2020, a Barletta ha vinto il sì Referendum 2020, a Barletta ha vinto il sì Scrutinate tutte le sezioni: il sì vince con il 79,34%
Regionali e referendum, le matite nei seggi ordinari non vanno sanificate ad ogni voto Regionali e referendum, le matite nei seggi ordinari non vanno sanificate ad ogni voto Il protocollo sanitario anti Covid per i seggi elettorali e il vademecum per i cittadini in quarantena
Barletta alle urne, si vota oggi e domani per referendum e regionali Barletta alle urne, si vota oggi e domani per referendum e regionali Ecco come votare: possibile esprimere voto disgiunto e doppia preferenza di genere
Taglio parlamentari, sì o no? Intervista al professor Villani e all'avvocato Capuano Taglio parlamentari, sì o no? Intervista al professor Villani e all'avvocato Capuano I possibili scenari del Referendum del 20 e 21 settembre
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.