Nicola Sernia partigiano, Celenza Valfortore, guerra partigiana
Nicola Sernia partigiano, Celenza Valfortore, guerra partigiana
La città

Il primo partigiano fu barlettano

Nicola Sernia e la sua squadra di combattenti per la libertà

Nicola Sernia nasce a Barletta nel 1910. Operaio meccanico, a 18 anni, si arruola come allievo sottufficiale presso la scuola di Casagiove ( Caserta ). Nel 1929, viene promosso caporale e assegnato al 10 Reggimento Fanteria, dove viene promosso come sergente. Nel 1931, Nicola viene assegnato al 9 Reggimento Artiglieria Pesante e nel 1936 parte volontario per la Tripolitania ( Libia ). al termine del servizio, viene rimpatriato, e frequenta a Piacenza il corso per artificieri, specializzandosi artificiere nel 1938.
Il monumento a Nicola Sernia
Nel 1941 viene promosso maresciallo artificiere. Dopo l'armistizio dell'8 settembre, Nicola Sernia rifiuta di arruolarsi nella RSI (Repubblica Sociale Italiana) e viene arrestato, presso il deposito reggimentale di Gorizia, dove era in servizio. Riesce ad evadere dal carcere e raggiunge la Puglia, dove organizza una squadra di ex militari e volontari, che avevano rifiutato di arruolarsi nella Repubblica Sociale di Mussolini. La sua specializzazione di artificiere gli tornerà utile, Nicola si adopera per sminare le strade e i campi.

L'8 ottobre 1943, sulla strada per Celenza Valfortore (Foggia), Nicola viene coinvolto con la sua squadra, in un violento scontro a fuoco con una colonna di soldati tedeschi. Nonostante il micidiale fuoco della artiglieria tedesca e sebbene fosse stato ferito, Nicola non lascia il suo posto e continua a combattere, fino alla fine.
Nicola Sernia aveva 33 anni e fu decorato con la Medaglia d'oro al Valor Militare.

La squadra di patrioti, organizzata da Nicola, è stata riconosciuta come una delle prime formazioni partigiane in Italia.

Il Comune di Barletta ha dedicato a Nicola Sernia il monumento situato presso i giardini " G. De Nittis", ripetutamente vandalizzato. La caserma dell'11º Reggimento Genio Guastatori di Foggia, è stata intitolata a Nicola Sernia.

A seguire, pubblichiamo l'elenco dei partigiani barlettani caduti nella guerra di liberazione dal nazi-fascismo.
Si ringrazia per la collaborazione Ruggiero Graziano, presidente della sezione ANMIG ( Associazione Nazionale Mutilati e Invalidi di Guerra.

La redazione di BarlettaViva invita i discendenti di Nicola Sernia a contattare la redazione per approfondire la conoscenza del loro illustre parente, inviando una mail al nostro indirizzo di riferimento.
  • Storia
  • Seconda guerra mondiale
  • Esercito italiano
  • storia del '900
  • ANMIG Barletta
  • Partigiani
  • Repubblica Sociale Italiana
  • Nicola Sernia
  • Tommaso Francavilla
Altri contenuti a tema
Il ricordo dell’ex marinaio barlettano Cosimo Dipaola. Fu nel battaglione San Marco Il ricordo dell’ex marinaio barlettano Cosimo Dipaola. Fu nel battaglione San Marco Nella sezione ANMIG di Barletta un omaggio anche per il fratello Francesco
1 Barletta chiede l'intervento dell'Esercito per il controllo del territorio Barletta chiede l'intervento dell'Esercito per il controllo del territorio Al fine di garantire a tutti gli esercenti e operatori commerciali di operare serenamente
14 marzo 1956, 65 anni fa a Barletta la tragedia di via Manfredi 14 marzo 1956, 65 anni fa a Barletta la tragedia di via Manfredi Tre uomini persero la vita mentre chiedevano del cibo per sfamare le loro famiglie
2 «Il Milite Ignoto merita la cittadinanza barlettana» «Il Milite Ignoto merita la cittadinanza barlettana» Anmig e Ancr lanciano la proposta al Comune di Barletta
2 40 anni dal terremoto in Irpinia: il ricordo dei barlettani 40 anni dal terremoto in Irpinia: il ricordo dei barlettani Dopo la paura, la grande solidarietà di Barletta verso i suoi fratelli terremotati
A Barletta emergenza Covid: "San Marco" in prima linea A Barletta emergenza Covid: "San Marco" in prima linea C'è un legame forte e antico fra Barletta ed il San Marco
La Confraternita Misericordia di Andria a lezione dall'82° Reggimento fanteria "Torino" di Barletta La Confraternita Misericordia di Andria a lezione dall'82° Reggimento fanteria "Torino" di Barletta La visita didattico-culturale si è svolta ieri nella Caserma "R. Stella"
1 “Storia della città di Barletta”, assegnate quattro borse di studio ​ “Storia della città di Barletta”, assegnate quattro borse di studio ​ I progetti hanno riguardato archeologia, documenti archivistici, storia ecclesiastica e altri aspetti della storia barlettana
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.