Giustizia
Giustizia
Cronaca

Giustizia svenduta: condanna a 16 anni per Nardi, nove anni per Di Chiaro

Il tribunale si è pronunciato nel pomeriggio di oggi

Sono pesanti le condanne inflitte dal tribunale di Lecce agli imputati del processo sulla "giustizia svenduta" che ha creato scompiglio nel tribunale di Trani.

I giudici della seconda sezione penale del Tribunale di Lecce (presidente Pietro Baffa, relatore Valeria Fedele, a latere Silvia Saracino), al termine della camera di consiglio, si sono espressi condannando tutti gli imputati a pene che vanno dai 16 anni e 6 mesi ai 4 anni e 3 mesi.

La condanna più pesante è quella comminata all'ex giudice per le indagini preliminari Michele Nardi: per lui la pena è di 16 anni e 6 mesi di reclusione con interdizione perpetua dai pubblici uffici. Per lui i pubblici ministeri avevano chiesto la condanna a 19 anni e 6 mesi.

Condannato anche l'ispettore di Polizia in servizio al commissariato di Corato Vincenzo Di Chiaro: per lui pena a 9 anni e 7 mesi. Anche per lui disposta l'interdizione perpetua dai pubblici uffici. Per lui la Procura aveva chiesto una condanna a 10 anni e 8 mesi

Confermata la condanna a 6 anni e 4 mesi richiesta dalla Procura per l'avvocatessa barese Simona Cuomo. Dovrà lasciare l'avvocatura.

Anche per Savino Zagaria (ex cognato del giudice Antonio Savasta, condannato a sua volta a 10 anni con rito abbreviato) e Gianluigi Patruno, il tribunale ha accolto le richieste dei pubblici ministeri. Dovranno scontare rispettivamente la pena a 4 anni e 3 mesi e 5 anni e 6 mesi.
  • Giustizia
Altri contenuti a tema
Giustizia per Vincenzo, risuona anche a Barletta l'appello della famiglia Giustizia per Vincenzo, risuona anche a Barletta l'appello della famiglia La Procura di Foggia ha aperto un'inchiesta su quanto accaduto il 3 febbraio a Margherita di Savoia
Fu accusato di molestie a Barletta, assolto un 36enne di Giovinazzo Fu accusato di molestie a Barletta, assolto un 36enne di Giovinazzo Al processo è stata accolta la tesi della difesa. Due anni fa, l’inchiesta aperta in seguito alla denuncia di una 29enne
Anna Chiumeo nuova presidente dell'associazione Donne Giuriste sezione Trani Anna Chiumeo nuova presidente dell'associazione Donne Giuriste sezione Trani Eletta all'unanimità dall'assemblea riunitasi il 2 giugno
Ripresa delle udienze, gli avvocati della Bat partecipano al flash mob nazionale Ripresa delle udienze, gli avvocati della Bat partecipano al flash mob nazionale Una nota a firma del Comitato Spontaneo del Foro di Trani, "La Giustizia Sospesa"
Corruzione tra giudici, chiesta condanna a 10 anni per l'ex pm Savasta Corruzione tra giudici, chiesta condanna a 10 anni per l'ex pm Savasta Condanne richieste anche per Scimè, D'Agostino, Sfrecola e Ragno
Mercato della droga a Barletta, richiesti fino a 20 anni di reclusione Mercato della droga a Barletta, richiesti fino a 20 anni di reclusione Queste le pene richieste dal pm antimafia Maralfa per i 24 imputati dell'inchiesta "Nabucodonosor"
Impastato, Falcone e Don Diana, a Barletta si riflette con "Innocenti Martiri” Impastato, Falcone e Don Diana, a Barletta si riflette con "Innocenti Martiri” Valentina Amorotti, presidente dell'Albero della vita: «Un incontro rivolto ai giovani, ma aperto a tutti»
Morì al vecchio ospedale di Barletta, Asl/Ba condannata al risarcimento Morì al vecchio ospedale di Barletta, Asl/Ba condannata al risarcimento La 34enne Santa Ricatti perse la vita nel 1998 poco dopo aver partorito un feto privo di vita
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.