Legge
Legge
Cronaca

Fu accusato di molestie a Barletta, assolto un 36enne di Giovinazzo

Al processo è stata accolta la tesi della difesa. Due anni fa, l’inchiesta aperta in seguito alla denuncia di una 29enne

Sono cadute le accuse di lesioni personali e di stalking nel processo in cui era imputato un 36enne di Giovinazzo, che ha ottenuto quello che ha sempre sperato di ottenere: giustizia e verità. Due anni fa, l'inchiesta si è aperta in seguito alla denuncia della ex, una 29enne di Molfetta. Nulla di vero in quegli atti.

A sancire la sua estraneità rispetto alle contestazioni che gli sono state mosse è stato il giudice Filomena Sara De Rosa del Tribunale di Trani che, al termine di una complessa e perigliosa istruttoria dibattimentale, ha condiviso la tesi dei difensori, gli avvocati Carlo Giotti e Tiziano Tedeschi, e ha assolto l'imputato con la formula ampiamente liberatoria: «per non aver commesso il fatto». Sullo sfondo della vicenda ci sarebbero attriti dopo la fine della relazione.

La 29enne, infatti, ospite all'interno di una struttura protetta di Molfetta, aveva denunciato ai Carabinieri che, nel corso dell'autunno del 2018, a Barletta, il 36enne «con condotte reiterate», l'avrebbe molestata e minacciata in modo da cagionarle «un grave e perdurante stato di ansia e di paura nonché - sempre secondo la versione della presunta vittima smentita però dalla decisione dell'Autorità Giudiziaria - il timore per la propria e l'altrui incolumità».

In particolare, «non accettando la fine della relazione - è scritto negli atti ufficiali - si appostava nei luoghi dalla stessa frequentati». Ed ancora: «Il 27 ottobre 2018 la seguiva con la propria autovettura e l'afferrava per un braccio tentando di farla salire a bordo della propria vettura. In tal modo le cagionava lesioni personali e una prognosi di 10 giorni». Non solo: è stato inutile il suo tentativo di mettere fine a quel legame perché lui la perseguitava.

«il 31 ottobre 2018 - ha detto ancora la 29enne puntando l'indice contro il 36enne, a cui è stato applicato il divieto di avvicinamento alla donna - si presentava nei pressi della struttura protetta e tentava di avvicinarsi alla donna che repentinamente rientrava all'interno». Insomma, pedinamenti, appostamenti, accuse (lesioni personali e stalking) e sullo sfondo il classico copione che l'uomo abbandonato mette in atto quando non vuol alzare bandiera bianca.

Tuttavia l'indagine ha portato ad altri risultati. Le accuse della 29enne che hanno portato il 36enne in aula non hanno retto nel processo che s'è chiuso con la sua assoluzione. Ora che è finito - in attesa del secondo filone di indagine che invece ipotizza un reato ben più grave - può tirare un sospiro di sollievo.
  • Giustizia
Altri contenuti a tema
Giustizia per Vincenzo, risuona anche a Barletta l'appello della famiglia Giustizia per Vincenzo, risuona anche a Barletta l'appello della famiglia La Procura di Foggia ha aperto un'inchiesta su quanto accaduto il 3 febbraio a Margherita di Savoia
1 Giustizia svenduta: condanna a 16 anni per Nardi, nove anni per Di Chiaro Giustizia svenduta: condanna a 16 anni per Nardi, nove anni per Di Chiaro Il tribunale si è pronunciato nel pomeriggio di oggi
Anna Chiumeo nuova presidente dell'associazione Donne Giuriste sezione Trani Anna Chiumeo nuova presidente dell'associazione Donne Giuriste sezione Trani Eletta all'unanimità dall'assemblea riunitasi il 2 giugno
Ripresa delle udienze, gli avvocati della Bat partecipano al flash mob nazionale Ripresa delle udienze, gli avvocati della Bat partecipano al flash mob nazionale Una nota a firma del Comitato Spontaneo del Foro di Trani, "La Giustizia Sospesa"
Corruzione tra giudici, chiesta condanna a 10 anni per l'ex pm Savasta Corruzione tra giudici, chiesta condanna a 10 anni per l'ex pm Savasta Condanne richieste anche per Scimè, D'Agostino, Sfrecola e Ragno
Mercato della droga a Barletta, richiesti fino a 20 anni di reclusione Mercato della droga a Barletta, richiesti fino a 20 anni di reclusione Queste le pene richieste dal pm antimafia Maralfa per i 24 imputati dell'inchiesta "Nabucodonosor"
Impastato, Falcone e Don Diana, a Barletta si riflette con "Innocenti Martiri” Impastato, Falcone e Don Diana, a Barletta si riflette con "Innocenti Martiri” Valentina Amorotti, presidente dell'Albero della vita: «Un incontro rivolto ai giovani, ma aperto a tutti»
Morì al vecchio ospedale di Barletta, Asl/Ba condannata al risarcimento Morì al vecchio ospedale di Barletta, Asl/Ba condannata al risarcimento La 34enne Santa Ricatti perse la vita nel 1998 poco dopo aver partorito un feto privo di vita
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.