Luigi De Mucci
Luigi De Mucci
Politica

Forza Italia Bat: «Lega partito distante dalle battaglie della gente del Sud»

Luigi De Mucci parla dei programmi del centro destra a livello provinciale

Le ultime vicende nel centro destra della Bat, tra cui il clamoroso passaggio di Nicola Giorgino nella Lega hanno visto artefice di molte discusse questioni il partito azzurro, che per nove anni ha rappresentato la leadership all'interno delle forze del centro destra della Bat. Abbiamo pertanto rivolto alcune domande al coordinatore provinciale di Forza Italia, Luigi De Mucci.

Dottor De Mucci, come Commissario provinciale della Bat per Forza Italia, qual è lo stato di salute degli azzurri in quella che un tempo era considerata una delle province feudo del centro destra?
«La provincia Bat è stata sin da sempre una roccaforte del centrodestra. A dimostrarlo sono state sempre le percentuali che Forza Italia ha preso negli anni in questa provincia. In ultimo dobbiamo ricordare il dato lusinghiero delle elezioni politiche ove FI si è attestata oltre il 20%. Sicuramente ci sono state evoluzioni, perché la politica è sempre fluida, ma siamo certi che Forza Italia svolge ancora un ruolo fondamentale e nevralgico. Si deve intercettare il voto dell'elettorato moderato e liberale, per porre un freno a quel pericoloso vento populista e sovranista».

Le elezioni europee sono un importante segnale per raccogliere l'umore del Paese. Si sente di dare una previsione del voto che uscirà all'indomani del 26 maggio, considerato che nella Bat avete un candidato di peso quale Sergio Silvestris?
«Sergio Silvestris è il candidato di punta di FI dell'intera Regione Puglia, essendo l'unico uomo pugliese inserito nella lista della circoscrizione sud per Forza Italia alle elezioni Europee. Assieme a lui vi sono 3 donne della nostra regione come Beatrice De Donato, Mena D' Antini e l' eurodeputata on. Barbara Matera. E' una partita importante e fondamentale per Forza Italia e per il nostro presidente Silvio Berlusconi. Ancora una volta, ha deciso, nonostante i problemi di salute, di scendere in campo per il bene del nostro Paese. Al presidente Berlusconi dobbiamo dimostrare riconoscenza, gratitudine e per questo tutti dobbiamo votare per FI. Un buon risultato di FI ci permetterà di tornare fondamentali nel panorama internazionale e finalmente possiamo dare un segnale di sfratto al governo gialloverde ormai arrivato al capolinea della sua esperienza».

La vicenda legata al divorzio con Nicola Giorgino, il suo passaggio alla Lega e lo scioglimento anticipato della consigliatura ad Andria, giocheranno un ruolo ed in che misura?
«Mi preme fare una premessa alla sua domanda. Il voto delle elezioni europee non è in alcun modo sovrapponibile con il voto per le elezioni amministrative. Di certo, però, quello che si è verificato ad Andria nell'ultimo periodo in parte potrà incidere sul nostro elettorato. Ad Andria da Forza Italia è stata fatta una campagna di verità e trasparenza nei confronti dei cittadini andriesi. Il gruppo consiliare di FI ha fatto la scelta giusta. La città stava vivendo, ormai da tempo, un periodo difficile e la gestione amministrativa si è rilevata fallimentare da un punto di vista economico finanziario. Si è consumato uno sfilacciamento che ha interessato il palazzo, le istituzioni locali ed i cittadini, costretti a subire scelte discutibili. Qualcuno vuole spostare l'attenzione dai reali problemi che affliggono gli andriesi, puntando il tutto su una mera questione politica. Ritengo che in politica, cosi come nella vita, ognuno è libero di fare le scelte che vuole. Personalmente, da giovane impegnato in politica ritengo che la lealtà e la coerenza sono dei valori imprescindibili per essere credibili agli occhi della gente. Sicuramente i cittadini andriesi sapranno giudicare».

Il centrodestra unito si rivela vincente in tutte le competizioni elettorali. Crede che Salvini abbia l'interesse ad assoggettare Forza Italia anche nella Bat, considerato l'andamento degli ultimi appuntamenti regionali?
«Certamente, sarà l'intenzione di chi ha aderito, nelle ultime ore, alla Lega. Ritengo che le storie vanno vissute e consumate, mentre operazioni di restailing politico gli elettori hanno difficoltà a comprenderle. La Lega è un partito distante dalle nostre idee e dalle battaglie della gente del Sud. E' un partito che è nato con una forte caratterizzazione territoriale, che sta cercando di rifarsi l'abito, sdoganando temi da sempre distanti al loro credo politico. Da pugliese e da andriese amo il sole, l'olio e la burrata. Mi conceda una battuta: " In politica non mi sorprende più nulla, ma mai mi sarei aspettato di vedere la mia città invasa dai padani».

Il prossimo anni avremo le elezioni regionali ed amministrative ad Andria. Forza Italia pensa di adoperare le primarie per dirimere ambizioni o aspettative politiche dei vari competitor all'interno del centro destra? E secondo lei come potrà esprimersi Forza Italia dopo quello che è successo con Nicola Giorgino?
«Sinceramente oggi è prematuro parlare di tutto. Sulle primarie sinceramente più volte mi sono espresso. Personalmente è uno strumento che non condivido se non regolamentato per legge. Riconosco che negli ultimi tempi anche il mio partito ha fatto uso delle primarie e vi è stato un forte coinvolgimento del popolo di centro destra. Ritornando ad Andria è necessario ricostruire un'area politica mortificata, da un certo modo di fare la politica, dove a primeggiare devono essere le idee, i progetti, le visioni e le prospettive per la nostra città. Non dobbiamo essere ancorati a schemi del passato, ma dobbiamo mettere insieme tutte quel le donne e uomini di buona volontà che hanno a cuore le sorti di Andria, dei nostri figli e delle future generazioni».
  • Forza Italia
Altri contenuti a tema
1 Gilet arancioni, interviene anche il senatore di Barletta Dario Damiani Gilet arancioni, interviene anche il senatore di Barletta Dario Damiani «Forza Italia è con gli agricoltori che sono il motore economico ed occupazionale dell'economia pugliese»
Gelate, Forza Italia Bat: «Gli agricoltori non si facciano più abbindolare» Gelate, Forza Italia Bat: «Gli agricoltori non si facciano più abbindolare» Interviene il responsabile provinciale industria ed attività produttive Losito
1 Puzza e preoccupazione, ancora aria maleodorante a Barletta Puzza e preoccupazione, ancora aria maleodorante a Barletta La nota di Forza Italia Barletta
Nuovo prestigioso incarico per il senatore di Barletta Dario Damiani Nuovo prestigioso incarico per il senatore di Barletta Dario Damiani Nomina all'interno Commissione parlamentare per il controllo sugli enti di previdenza
Forza Italia Giovani in piazza contro la Finanziaria Forza Italia Giovani in piazza contro la Finanziaria Anche Barletta coinvolta nella protesta contro una manovra «improvvisata»
Cianci alla Bar.S.A. è una scelta «presa in totale solitudine» secondo Dario Damiani Cianci alla Bar.S.A. è una scelta «presa in totale solitudine» secondo Dario Damiani Critico il senatore di Forza Italia: «Decisione che mi delude politicamente ed umanamente»
Il senatore di Barletta Dario Damiani è vice commissario di Forza Italia in Puglia Il senatore di Barletta Dario Damiani è vice commissario di Forza Italia in Puglia Il nuovo commissario pugliese invece è l'onorevole Mauro D'Attis
Anche Forza Italia Bat presente al campus Everest018 Anche Forza Italia Bat presente al campus Everest018 Mucci: «L'Italia è un paese non più per giovani e tanto meno per anziani»
© 2001-2019 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.