Sigarette
Sigarette
Politica

Fergola (FdI): «Sindaco, rispetti le norme sui mozziconi di sigarette»

I raccoglitori in giro per la città non sono previsti dalla legge

«In seguito all'entrata in vigore, il 18 gennaio 2016, della Legge n. 221 del 28.12.2015, gettare per strada mozziconi di sigarette è diventata una condotta passibile di una multa dai 30 ai 300 euro e tale divieto è esteso anche ai rifiuti di piccole dimensioni, come scontrini, fazzoletti di carta le gomme da masticare, per i quali le multe vanno dai 30 ai 150 euro». Così interviene il segretario cittadino di Fratelli d'Italia – Alleanza Nazionale Barletta Giuseppe Fergola in merito a quello che solo apparentemente è un piccola questione, ma prova di civiltà sociale.

«Si tratta di un problema, quello dell'inquinamento provocato dai piccoli rifiuti, e dai mozziconi di sigarette in particolare - continua Fergola - tutt'altro che da sottovalutare perché indagini e studi effettuati sia all'estero (esiste al riguardo un programma specifico delle Nazioni Unite) che in Italia, in particolare dall'ENEA e dall'Ausl di Bologna, hanno messo in risalto il particolare potenziale inquinante delle cicche di sigarette abbandonate per strada, tenuto conto sia dei quantitativi di agenti chimici presenti in ogni singola cicca e sia del numero complessivo dei mozziconi quotidianamente abbandonati per strada dai fumatori.

L'articolo 40 della suddetta Legge ha stabilito espressamente che ogni Comune deve provvedere ad "installare nelle strade, nei parchi e nei luoghi di alta aggregazione sociale appositi raccoglitori per la raccolta dei mozziconi dei prodotti da fumo" e la stessa Legge ha stabilito che la metà dei proventi incassati con le multe resterà nelle casse comunali, mentre la parte rimanente andrà in un Fondo che finanzierà le attività di sensibilizzazione e l'installazione dei raccoglitori. E' questo ciò che segnala Giuseppe Fergola, coordinatore cittadino di Fratelli d'Italia – Alleanza Nazionale Barletta.

Pertanto, poiché trattasi di un problema, quello delle cicche di sigarette abbandonate per strada, e più in generale quello dei piccoli rifiuti, che affligge, purtroppo, anche la nostra città, e che non può e non deve essere sottovalutato, Fdi-An Barletta invita formalmente l'Amministrazione comunale di Barletta, nella persona del suo Sindaco, ad attivarsi immediatamente, in ottemperanza agli obblighi previsti dalla stessa Legge per i tutti i Comuni italiani, e quindi anche per il Comune di Barletta, innanzitutto a rimuovere al più presto i raccoglitori tuttora presenti per le strade della nostra città, utilizzati per il deposito indifferenziato dei piccoli rifiuti, oramai non consentito dalla legge, e quindi ad installare al più presto, ai sensi del predetto articolo 40 della Legge in questione, per le strade di Barletta e nei luoghi di maggiore aggregazione sociale, gli appositi raccoglitori per la raccolta delle cicche di sigarette, invitando, al contempo, la stessa Polizia Municipale di Barletta, nella persona del suo Comandante, a predisporre al più presto delle apposite unità adibite specificatamente a garantire il rispetto del divieto delle condotte previste dalla Legge 221 ed all'applicazione delle multe nei confronti dei trasgressori.

Questo perché, in una città come la nostra Barletta, nella quale, anche per altre note ragioni, è già particolarmente alto l'allarme sociale a causa dell'inquinamento, non deve assolutamente sottovalutarsi da parte della nostra Amministrazione comunale il rispetto delle norme previste dalla presente Legge in quanto, come gli stessi studi effettuati nell'ambito dell'anzidetto programma delle Nazioni Unite in tema di ambiente ( l'Unep) hanno dimostrato che l'impatto sull'ambiente dei mozziconi di sigarette in termini di inquinamento è nocivo per la salute pubblica quanto quello provocato dai rifiuti industriali.

Pertanto, Fratelli d'Italia – Alleanza Nazionale Barletta informa la cittadinanza barlettana che provvederà al più presto a protocollare una espressa istanza al sindaco di Barletta affinché, nel rispetto di quanto espressamente previsto dall'articolo 40 della Legge 221 del 2015, l'Amministrazione da Egli presieduta provveda ad installare al più presto in città gli appositi contenitori ed affinché la Polizia Municipale di Barletta provveda a far rispettare il divieto di abbandono per strada delle cicche e degli altri piccoli rifiuti».
  • Sindaco
  • Inquinamento
  • fumo
  • sigarette
Altri contenuti a tema
15 Diffida per la rimozione delle macerie in via Cafiero, interviene Italia Nostra Onlus Diffida per la rimozione delle macerie in via Cafiero, interviene Italia Nostra Onlus «Questo materiale, oltre ad essere uno sconcio paesaggistico, espone le zone circostanti a rischi di inquinamento»
Torna nella notte la “puzza di formaggio” Torna nella notte la “puzza di formaggio” La nostra città come una piccola Miami? Così non si "campa" di turismo
Biomonitoraggio unghie bambini, convocati i firmatari del protocollo d'intesa Biomonitoraggio unghie bambini, convocati i firmatari del protocollo d'intesa Dopo la riunione tecnica di ieri, è calendarizzato per domani un nuovo incontro
Operazione Aria Pulita BAT: «Dopo la tregua ritornano le esalazioni maleodoranti» Operazione Aria Pulita BAT: «Dopo la tregua ritornano le esalazioni maleodoranti» Le nuove segnalazioni del Comitato sull'inquinamento a Barletta
L'associazione "Io Ci Sono!" preoccupata per i roghi nel territorio L'associazione "Io Ci Sono!" preoccupata per i roghi nel territorio Si chiede la partecipazione del prefetto Valiante
3 Barletta, ancora allerta per l'aria malsana Barletta, ancora allerta per l'aria malsana La segnalazione del cittadino Angelo Marzocca
Superamenti PM10, i dati del monitoraggio a Barletta Superamenti PM10, i dati del monitoraggio a Barletta L'Arpa Puglia fa il punto sul trend nell'arco del 2020: si registra un generale miglioramento della qualità dell’aria
Residui di fuochi d'artificio abbandonati sulla costa di Barletta Residui di fuochi d'artificio abbandonati sulla costa di Barletta La segnalazione divulgata da Antonio Binetti sui social
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.