Pannelli solari
Pannelli solari
Territorio

Energie rinnovabili, la Puglia continua a crescere

Confartigianato: «Nessun beneficio tangibile sulle bollette»

Le fonti rinnovabili ricoprono un ruolo importante all'interno del sistema elettrico nazionale. Il numero degli impianti installati sul territorio pugliese continua a crescere. Si contano 39.841 unità, per una potenza complessiva di 5.115,6 megawatt. E' quanto rileva il Centro Studi di Confartigianato Imprese Puglia su dati del Gestore dei servizi energetici (GSE). In particolare, sono stati installati quattro impianti idraulici, per una potenza di 1,6 megawatt; 467 impianti eolici, per una potenza di 2.265,6 megawatt; 39.318 impianti solari, per una potenza di 2.555 megawatt e 52 impianti di bioenergie, per una potenza di 293 megawatt. Riguardo alla produzione, gli impianti producono, complessivamente, 9.258 gigawatt, di cui quelli idraulici 4,9 gigawatt, quelli eolici 3.909,4 gigawatt; quelli solari 3.714,9 gigawatt; quelli di bioenergie 1.628,8 gigawatt.

Più precisamente, la produzione di bio-energie è così suddivisa: 62,7 gigawatt da rifiuti urbani bio; 103,6 da biomasse; 105 da biogas; 1.357,5 da bio-liquidi, per un totale di 1.628,8 gigawatt. La potenza installata in Italia, a fine 2013, è di circa 50mila megawatt, in crescita rispetto all'anno precedente per l'istallazione di nuovi parchi eolici, di impianti alimentati con bioenergie e soprattutto di impianti fotovoltaici. La produzione rinnovabile ha segnato un record nel 2013, raggiungendo 112.008 gigawatt, il 21,5 per cento in più rispetto all'anno prima. «I dati elaborati dal nostro Centro studi – commenta Francesco Sgherza, presidente di Confartigianato Imprese Puglia – evidenziano come la Puglia sia all'avanguardia nello sfruttamento delle fonti rinnovabili. Il paradosso è che, a fronte di questa consistente produzione "verde", le bollette dei cittadini e quelle delle imprese pugliesi continuano ad essere "in rosso". Insomma – spiega il presidente – le ricadute per il pubblico di questo primato sono davvero molto scarse. È necessario garantire ai pugliesi la possibilità di beneficiare di questi risultati, che altrimenti rimarrebbero ad esclusivo vantaggio di singoli operatori. In questo – continua – un occhio di riguardo deve essere riservato alle aziende piccole e artigiane, la parte più consistente in Puglia, attraverso la previsione di specifici incentivi di sostegno agli investimenti necessari per il miglioramento energetico dei propri siti produttivi, con tutto quel che ne deriverebbe tanto a livello di riduzione dei costi quanto a livello di efficientamento del ciclo produttivo. Come Confartigianato – conclude il presidente – siamo già impegnati a fondo affinché il conto energetico dei nostri associati possa essere sempre più sostenibile. Tramite i nostri Consorzi nazionali per l'acquisto di energia sul mercato libero consentiamo non soltanto agli imprenditori aderenti, ma anche alle loro famiglie, di usufruire di risparmi consistenti ed effettivi, immediatamente riscontrabili in bolletta».
  • Fonti rinnovabili
  • Confartigianato
Altri contenuti a tema
All'odontotecnico di Barletta Vito Pignatelli il “Premio Confartigianato per la carriera” All'odontotecnico di Barletta Vito Pignatelli il “Premio Confartigianato per la carriera” “Premio Fieramosca” all'odontotecnico Lanfranco Santocchi
Maltempo, gli autotrasportatori contro il blocco della circolazione stradale Maltempo, gli autotrasportatori contro il blocco della circolazione stradale Confartigianato Puglia: «Questo paese si paralizza ogni volta che le temperature scendono sotto la media»
Internazionalizzare l'artigianato, mille euro per le imprese pugliesi Internazionalizzare l'artigianato, mille euro per le imprese pugliesi Contributo a fondo perduto per la partecipazione a fiere e manifestazioni all’estero
Il lavoro secondo il rapporto Svimez, la Puglia resta indietro Il lavoro secondo il rapporto Svimez, la Puglia resta indietro Confartigianato commenta gli ultimi dati, «non abbiamo agganciato la ripresa»
I pugliesi spendono di più per mangiare e meno per la cultura I pugliesi spendono di più per mangiare e meno per la cultura Indagine di Confartigianato: in media oltre 2mila euro al mese
Altro che crisi: i pugliesi spendono di più per mangiare e meno per la cultura Altro che crisi: i pugliesi spendono di più per mangiare e meno per la cultura Da un'indagine di Confartigianato un risultato forse scontato
Le imprese dell’artigianato alimentare pugliese resistono alla crisi Le imprese dell’artigianato alimentare pugliese resistono alla crisi I dati di Confartigianato: la Regione conta 249 prodotti agroalimentari tradizionali
Il debito dei pugliesi è di quasi 7 miliardi di euro Il debito dei pugliesi è di quasi 7 miliardi di euro Lo dice Confartigianato, si comprano sempre più tablet e smartphone
© 2001-2019 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.