Giornali
Giornali
Eventi

Diffamazione: magistrati e avvocati a confronto con i giornalisti

Un corso formativo, Scimè: «Comunicazione cambia rapidamente»

Il tema della diffamazione a mezzo stampa è stato al centro di un'incontro svoltosi ad Andria venerdì pomeriggio nel Chiostro di San Francesco e che ha visto protagonisti due magistrati, Luigi Scimè Sostituto Procuratore della Repubblica di Trani e Francesco Messina GIP sempre a Trani, due avvocati, Franco Piccolo e Vincenzo Papeo, ed oltre un centinaio di giornalisti. Il corso di formazione, infatti, organizzato proprio dall'Ordine dei Giornalisti, ha potuto contare su un'ampio dibattito su di un tema di particolare attualità vista anche la riforma in vista per il reato di Diffamazione oltre al continuo aumento di querele visto la diffusione sempre più massiccia dei mezzi informatici e del web.

«Una diffamazione avviene quando l'interesse pubblico alla notizia non c'è - ha detto sinteticamente Luigi Scimè - il discrimine è proprio quello e non scatta mai quando c'è un interesse concreto, attuale e pubblico alla notizia. Quando vi è quest'ultimo presupposto, tuttavia, la notizia deve naturalmente essere esposta in forma civile e le valutazioni vanno fatte in maniera diversa a seconda che si tratti di una notizia di cronaca od accompagnata da critica politica, per arrivare al diritto di satira. Anche in questa occasione, argomento tristemente d'attualità visti i fatti di Parigi, ci potrebbe essere diffamazione, anche se la satira è espressione del pensiero che può avere un interesse collettivo anche con fare scherzoso e sarcastico. Insomma è difficile giudicare nel complesso molto più facile valutare singole ipotesi anche se è l'interesse pubblico prevalente rispetto alla tutela della reputazione rende lecita l'azione dei giornalisti». Una giurisprudenza che si è formata nel tempo visto il continuo mutamento del mondo dell'informazione e che è piena di sentenze: «E' evidente che la normativa in materia di ingiuria è ferma a decine di anni fa - ha detto ancora Scimè - è una normativa che non può tenere conto degli sviluppi dell'informazione e la giurisprudenza in merito è ricca ed è intervenuta. Basti pensare che, secondo uno studio di pochi mesi fa, un cittadino di oggi apre un giornale e legge una massa di informazioni che un cittadino di inizio '900 aveva in un intero anno».

La nuova legge sulla diffamazione a mezzo stampa è stata approvata dal Senato ed è tornata in discussione alla Camera per l'approvazione definitiva anche se i tempi restano lunghi. «Una prima novità è quella dell'applicazione della legge anche ai nuovi mezzi di informazione e cioè alle testate giornalistiche registrate on line ed ai social - ha detto l'Avv. Franco Piccolo - la seconda novità è che il disegno di legge prevede una più dettagliata applicazione della rettifica nel caso il diffamato la richieda. Una terza novità, invece, è l'adeguamento delle pene con l'eliminazione della pena detentiva e con la riformulazione della pena pecuniaria. Per ultimo - conclude Piccolo - vi è la possibilità di prevedere la condanna del querelante al risarcimento del danno in caso il danno non viene identificato dalla sentenza».
  • Corsi di formazione
  • Avvocati
  • Giornalismo
Altri contenuti a tema
Giornalisti, due eventi formativi a Barletta Giornalisti, due eventi formativi a Barletta In calendario per i prossimi 1 e 8 marzo nella Sala della Comunità Sant’Antonio
Progetti PON Inclusione a Barletta, consegnati gli attestati Progetti PON Inclusione a Barletta, consegnati gli attestati Per i corsisti un percorso di crescita professionale e umana
Arboricoltura, terminata la prima giornata di formazione per gli addetti Bar.S.A. Arboricoltura, terminata la prima giornata di formazione per gli addetti Bar.S.A. Attività pratiche presso i giardini De Nittis e il Castello, Cianci: «Maggiore professionalità ai nostri operatori»
Rilancio delle Imprese e alternanza scuola lavoro Rilancio delle Imprese e alternanza scuola lavoro Un corso dedicato al web marketing per favorire la digitalizzazione delle imprese
Pirateria di giornali su Telegram, nuovo intervento della Guardia di Finanza Pirateria di giornali su Telegram, nuovo intervento della Guardia di Finanza Le Fiamme Gialle hanno sequestrato 10 siti web pirata e 329 canali Telegram
Quell’ultimo pino in via Vittorio Veneto: la storia giornalistica dal 1992 Quell’ultimo pino in via Vittorio Veneto: la storia giornalistica dal 1992 Un racconto d'archivio a cura del giornalista Nino Vinella
Diventa acconciatore con il percorso gratuito professionalizzante di Abigar Diventa acconciatore con il percorso gratuito professionalizzante di Abigar Il corso di istruzione e formazione "Operatore del Benessere" ha una durata triennale per un totale di 3200 ore, ed è totalmente gratuito
Il trust al tempo della pandemia Il trust al tempo della pandemia A cura dell'avvocato Giuseppe Prascina
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.