Dehors, l'amministrazione comunale incontra i commercianti di Barletta
Dehors, l'amministrazione comunale incontra i commercianti di Barletta
Istituzionale

Dehors, l'amministrazione comunale incontra i commercianti di Barletta

«Bisogna evitare spiacevoli incomprensioni e situazioni di concorrenza sleale»

Le questioni emerse nel passaggio dalla vecchia alla nuova regolamentazione sui dehors sono state al centro di un incontro del sindaco Pasquale Cascella con i rappresentanti delle organizzazioni degli esercizi commerciali, al quale hanno partecipato gli assessori Giuseppe Gammarota e Michele Lasala, il comandante della Polizia Locale Savino Filannino e i tecnici comunali dello Sportello Unico per le Attività Produttive (SUAP).

Nel corso dell'incontro a Palazzo di Città, il sindaco ha dato conto delle attività di controllo e di verifica amministrativa svolta sul territorio congiuntamente dallo SUAP e dalla Polizia Locale, tenendo conto delle criticità e delle difformità rilevate dalla Soprintendenza Archeologica Belle Arti e Paesaggio delle Province BAT e Foggia sull'occupazione degli spazi pubblici di ristoro all'aperto annessi ai locali di pubblico esercizio di somministrazione nel centro storico della città.

«I dati in nostro possesso – dichiara il sindaco Cascella – confermano che la maggioranza degli operatori si è dimostrata consapevole della complessità delle disposizioni in vigore per l'occupazione degli spazi pubblici. Non è rimasto dunque inascoltato l'appello dell'Amministrazione al senso di responsabilità per evitare, come purtroppo in passato si è verificato, spiacevoli incomprensioni e tensioni, e far crescere invece un clima di collaborazione per valorizzare non solo un centro storico così attrattivo, ma soprattutto per evitare situazioni di concorrenza sleale tra chi si è responsabilmente uniformato alle norme e chi invece resta indifferente persino alle sanzioni amministrative che l'Ente è tenuto a far valere». Nell'occasione, il sindaco ha allargato lo sguardo ai contenuti delle ordinanze sulle emissioni sonore e a particolari modalità di somministrazione o vendita di bevande alcoliche, anche in ragione dei rischi alla pubblica incolumità. «Questo consentirà di far prevalere l'interesse comune dello sviluppo delle attività del settore nel contesto economico della città, valorizzando il patrimonio storico culturale e turistico».

Anche l'assessore Gammarota ha sottolineato la fondamentale importanza del rispetto delle disposizioni in vigore sulle modalità di occupazione temporanea di suolo pubblico, apprezzando la cooperazione dimostrata dagli operatori e operato dei competenti settori comunali nel far fronte alle numerose richieste di autorizzazioni.

Scorrendo i dati di riepilogativi dell'attività relativa all'occupazione di suolo pubblico con dehors, svolta nel 2018 dal competente ufficio comunale, si registrano quindici rinnovi concessi e tredici in fase di istruttoria. Cinque nuove richieste sono già state rilasciate e altre due, già pronte, da ritirare. Quattordici nuove richieste, di cui otto riguardanti il centro storico, sono attualmente in istruttoria. Altre nuove otto, sempre riguardanti il centro storico, presentate con il vecchio regolamento, sono in attesa del parere della Soprintendenza.
  • Attività commerciale
  • commercianti
Altri contenuti a tema
Puglia zona gialla, ecco cosa si può fare a Barletta Puglia zona gialla, ecco cosa si può fare a Barletta Bar e ristoranti aperti fino alle ore 18: via libera agli spostamenti tra Comuni
Parte la Lotteria degli Scontrini, ecco come funziona Parte la Lotteria degli Scontrini, ecco come funziona Come partecipare e tutti i premi in palio, si arriva fino ai 5 milioni di euro dell'estrazione annuale
I ristoratori della provincia Barletta-Andria-Trani chiedono confronto con le istituzioni I ristoratori della provincia Barletta-Andria-Trani chiedono confronto con le istituzioni Ecco quanto emerso in un incontro con le associazioni di categoria
Zona gialla, in Puglia servizio al tavolo in 22mila attività tra bar e ristoranti Zona gialla, in Puglia servizio al tavolo in 22mila attività tra bar e ristoranti I numeri però non sono positivi: la pandemia ha causato la chiusura definitiva per il 14,4% dei locali
Soluzioni per l’edilizia e per il design con qualità da Cagnetta Soluzioni per l’edilizia e per il design con qualità da Cagnetta Due showroom nel centro di Terlizzi e Barletta e un team di specialisti a vostra disposizione
1 «Siamo feriti dalle parole del sindaco», le parole dei commercianti delle "Strade dello Shopping" di Barletta «Siamo feriti dalle parole del sindaco», le parole dei commercianti delle "Strade dello Shopping" di Barletta «Non siamo disposti ad accettare generalizzazioni, i nostri negozi sono luoghi sicuri»
Strade dello Shopping, a Barletta i negozi anticipano la chiusura Strade dello Shopping, a Barletta i negozi anticipano la chiusura L'appello: «Ai consumatori chiediamo di essere solidali con i negozi che danno luce e vivibilità alla città»
Anima Slow Restaurant, nel cuore di Andria l’eleganza incontra la cucina di qualità Anima Slow Restaurant, nel cuore di Andria l’eleganza incontra la cucina di qualità Atmosfere raffinate, materie prime selezionate, con l’esperienza internazionale dello chef Antonio Roberto Festa
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.