Bernardo Lodispoto. <span>Foto Ida Vinella</span>
Bernardo Lodispoto. Foto Ida Vinella
Istituzionale

Crollo di via Canosa, Lodispoto: «Barletta detiene il triste primato delle vittime per i crolli»

La nota del presidente della provincia BAT: «Una delle tragedie della mala edilizia più sanguinose e laceranti dell'Italia del secondo dopoguerra»

«Nel 61° anniversario del tragico crollo di Via Canosa a Barletta, 16 settembre 1959, la Provincia di Barletta Andria Trani si unisce al momento di riflessione promosso come ogni anno dal Gruppo di lavoro fra i Parenti delle 58 innocenti Vittime nel solco della ricerca storica quale motore di educazione al rispetto della legalità contro ogni forma di mala edilizia nel settore privato ed in quello pubblico». A scrivere nel giorno della ricorrenza da quel drammatico avvenimento è il presidente della provincia di Barletta-Andria-Trani, Bernardo Lodispoto.

«Le analisi culturali e scientifiche di quella tragedia - prosegue Lodispoto - hanno consentito di porre le basi per una sempre maggiore diffusione, specie fra i giovani attraverso il mondo della Scuola ed il sistema dell'informazione, delle buone prassi rispettose della vita umana e di regolamentazioni strettamente correlate a questi obiettivi comuni e condivisi sul Territorio.

Purtroppo Barletta detiene il triste primato delle vittime per i crolli di civili abitazioni (Via Magenta 1952 con 17 vittime, Via Canosa nel 1959 con 58 morti, Via Roma nel 2011 con 5 vite spezzate). Va dato merito all'impegno del Gruppo di lavoro, operante e strutturato, l'aver prodotto la pubblicazione di un libro che riassume nelle prime pagine dei giornali dell'epoca tutto il dolore di un'intera Nazione, agli occhi del mondo e dell'opinione pubblica, verso una delle tragedie della mala edilizia più sanguinose e laceranti dell'Italia del secondo dopoguerra.

L'impegno della Provincia di Barletta Andria Trani in tal senso - conclude Bernardo Lodispoto - consente proprio in queste ore che sia una scuola, il Polivalente di Barletta, a beneficiare di questa rinnovata cultura della sicurezza alla vigilia della riapertura, con ingente sacrificio di maestranze e di risorse finanziarie: un esempio attualissimo e dunque di riferimento».
  • Provincia Barletta-Andria-Trani
  • Crollo
Altri contenuti a tema
Next Generation, il Pes elabora un documento per lo sviluppo della Bat Next Generation, il Pes elabora un documento per lo sviluppo della Bat Le proposte saranno presentate domani a Barletta in una conferenza stampa
Concorso provincia, più di 1600 domande per 7 posti di lavoro Concorso provincia, più di 1600 domande per 7 posti di lavoro Pubblicati gli elenchi degli ammessi: si tratta di posti di lavoro a tempo pieno e indeterminato
Maggiori restrizioni per parte della Puglia e per la Bat, arriva l'ok del ministro Speranza Maggiori restrizioni per parte della Puglia e per la Bat, arriva l'ok del ministro Speranza Sarebbe stato positivo il parere espresso dal ministro della Salute rispetto alla richiesta di Emiliano
Sessantotto anni fa il tragico crollo di via Magenta Sessantotto anni fa il tragico crollo di via Magenta 8 dicembre 1952-2020, un ricordo a cura del giornalista Nino Vinella
1 La provincia Barletta-Andria-Trani rimarrà zona arancione? La provincia Barletta-Andria-Trani rimarrà zona arancione? Sui social la dichiarazione del presidente Emiliano: «Siamo a lavoro su un'ordinanza che mantenga in zona arancione le province di Foggia e Bat e parte dell'area Murgiana della città metropolitana di Bari»
Qualità della vita 2020: la provincia Barletta-Andria-Trani quasi in fondo alla classifica Qualità della vita 2020: la provincia Barletta-Andria-Trani quasi in fondo alla classifica 98esima su 107 la provincia di Barletta-Andria-Trani, che perde una posizione rispetto allo scorso anno
1 La Bat a rischio zona rossa: necessaria per i sindaci di Barletta, Andria e Trani La Bat a rischio zona rossa: necessaria per i sindaci di Barletta, Andria e Trani Lodispoto: «Se i sanitari hanno evidenziato la necessità di avere una zona rossa non posso che condividerla»
4 Scuola incompiuta di via Morelli, Cannito: «Oggi le lancette dell’orologio sono ripartite» Scuola incompiuta di via Morelli, Cannito: «Oggi le lancette dell’orologio sono ripartite» Siglato questa mattina l'accordo per la ripresa dei lavori
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.