Bernardo Lodispoto. <span>Foto Ida Vinella</span>
Bernardo Lodispoto. Foto Ida Vinella
Istituzionale

Crollo di via Canosa, Lodispoto: «Barletta detiene il triste primato delle vittime per i crolli»

La nota del presidente della provincia BAT: «Una delle tragedie della mala edilizia più sanguinose e laceranti dell'Italia del secondo dopoguerra»

«Nel 61° anniversario del tragico crollo di Via Canosa a Barletta, 16 settembre 1959, la Provincia di Barletta Andria Trani si unisce al momento di riflessione promosso come ogni anno dal Gruppo di lavoro fra i Parenti delle 58 innocenti Vittime nel solco della ricerca storica quale motore di educazione al rispetto della legalità contro ogni forma di mala edilizia nel settore privato ed in quello pubblico». A scrivere nel giorno della ricorrenza da quel drammatico avvenimento è il presidente della provincia di Barletta-Andria-Trani, Bernardo Lodispoto.

«Le analisi culturali e scientifiche di quella tragedia - prosegue Lodispoto - hanno consentito di porre le basi per una sempre maggiore diffusione, specie fra i giovani attraverso il mondo della Scuola ed il sistema dell'informazione, delle buone prassi rispettose della vita umana e di regolamentazioni strettamente correlate a questi obiettivi comuni e condivisi sul Territorio.

Purtroppo Barletta detiene il triste primato delle vittime per i crolli di civili abitazioni (Via Magenta 1952 con 17 vittime, Via Canosa nel 1959 con 58 morti, Via Roma nel 2011 con 5 vite spezzate). Va dato merito all'impegno del Gruppo di lavoro, operante e strutturato, l'aver prodotto la pubblicazione di un libro che riassume nelle prime pagine dei giornali dell'epoca tutto il dolore di un'intera Nazione, agli occhi del mondo e dell'opinione pubblica, verso una delle tragedie della mala edilizia più sanguinose e laceranti dell'Italia del secondo dopoguerra.

L'impegno della Provincia di Barletta Andria Trani in tal senso - conclude Bernardo Lodispoto - consente proprio in queste ore che sia una scuola, il Polivalente di Barletta, a beneficiare di questa rinnovata cultura della sicurezza alla vigilia della riapertura, con ingente sacrificio di maestranze e di risorse finanziarie: un esempio attualissimo e dunque di riferimento».
  • Provincia Barletta-Andria-Trani
  • Crollo
Altri contenuti a tema
Crollo via Canosa, una messa in suffragio delle 58 vittime Crollo via Canosa, una messa in suffragio delle 58 vittime Riflessione storica a cura del giornalista Nino Vinella
Roberto Pellicone, il nuovo Questore della Bat in visita ad Andria Roberto Pellicone, il nuovo Questore della Bat in visita ad Andria «Ci auguriamo tutti che il completamento della Questura arrivi nel più breve tempo possibile»
Scuola e Covid-19, dialogo tra dirigenti e provincia di Barletta-Andria-Trani Scuola e Covid-19, dialogo tra dirigenti e provincia di Barletta-Andria-Trani Lodispoto: «Sarà garantito ai ragazzi il sacrosanto diritto allo studio»
Sarà il dottor Roberto Pellicone il Questore della provincia Bat Sarà il dottor Roberto Pellicone il Questore della provincia Bat Da due anni Questore ad Isernia, il dirigente superiore di Pubblica Sicurezza vanta un curriculum di tutto rispetto
5 Più sicurezza a Barletta, Trani e Bisceglie. Vito Crimi per la firma dell’accordo Più sicurezza a Barletta, Trani e Bisceglie. Vito Crimi per la firma dell’accordo Sono stati firmati questa mattina presso la Prefettura di Barletta-Andria-Trani e dinanzi al viceministro dell’Interno, i patti per la sicurezza urbana
Questura di Andria, COISP: «A quando l’eterna incompiuta?» Questura di Andria, COISP: «A quando l’eterna incompiuta?» La nota del segretario generale del COISP (Coordinamento per l'indipendenza sindacale delle Forze di Polizia) di Bari, Uccio Persia
Un milione di euro dalla Provincia per il Polivalente di Barletta Un milione di euro dalla Provincia per il Polivalente di Barletta Controlli affidati alla Protezione Civile: il prossimo 30 luglio si conosceranno i risultati delle nuove indagini
Studenti, genitori e insegnanti in protesta: futuro incerto per Polivalente e Garrone Studenti, genitori e insegnanti in protesta: futuro incerto per Polivalente e Garrone È stato convocato per la tarda mattinata di oggi un tavolo tecnico in Prefettura
© 2001-2020 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.