Sindaco Cosimo Cannito
Sindaco Cosimo Cannito
Scuola e Lavoro

Coronavirus, a Barletta le scuole non saranno chiuse in caso di contagi

Negativi i tamponi effettuati su 16 docenti della scuola Girondi

«Le scuole non chiuderanno in caso di contagi. Queste situazioni si presenteranno ciclicamente e quello che si deve fare è isolare e contenere il contagio intervenendo sulle singole classi e, comunque, saranno il Dipartimento di Prevenzione della Asl con i dirigenti scolastici, ciascuno per le proprie competenze e in sinergia con i sindaci o il presidente della provincia, a seconda del grado della scuola, a prendere le rispettive decisioni».

Lo ha detto il sindaco di Barletta, Cosimo Cannito incontrando, con il presidente del Consiglio comunale Sabino Dicataldo, con gli assessori e con il comandante della Polizia locale Savino Filannino, i giornalisti a palazzo di città. La conferenza stampa si è tenuta dopo la riunione chiesta dal primo cittadino al prefetto Maurizio Valiante, a cui hanno preso parte, alcuni in presenza e alcuni in remoto, il presidente della provincia Bernardo Lodispoto, il direttore generale della Asl Bt Alessandro Delle Donne, il responsabile del dipartimento di prevenzione della Asl Bt, Riccardo Matera, la dottoressa Giuseppina Lotito, responsabile Ufficio scolastico provinciale e quello dell'Ufficio scolastico regionale Michele Torre.

In serata è giunta notizia dell'esito negativo dei tamponi effettuati su 16 insegnanti della scuola Girondi, dopo il contagio di una docente accertato la scorsa notte, cosa che ha consentito che la stessa oggi non si recasse a scuola.

«I dirigenti scolastici, che devono e stanno facendo con grande responsabilità la propria parte, dovranno decidere come e quando riaprire le scuole – ha aggiunto il sindaco – probabilmente domani non sarà possibile, servirà il tempo necessario, per esempio alla "Mennea", per organizzare la didattica, oltre che per la sanificazione».

A tal proposito il sindaco ha voluto rivolgere un appello alle famiglie e ai genitori: «Non è possibile chiedere al mattino, alla scuola, delle precauzioni molto stringenti e poi il pomeriggio lasciare che i propri figli se ne vadano in giro senza mascherine. La situazione è preoccupante, questo non è un gioco, non possiamo permetterci di chiudere di nuovo tutto, perché il rimedio sarebbe peggiore del male, ma serve razionalità e responsabilità». Pertanto, ha annunciato il primo cittadino, i controlli da parte della polizia municipale saranno severi, sull'uso delle mascherine per strada, nei luoghi pubblici e nei locali.

Il sindaco ha anche voluto confrontarsi con il professor Pier Luigi Lopalco, che ha raggiunto telefonicamente. «Lopalco ha ribadito che con il Coronavirus si dovrà convivere – ha riferito - però dobbiamo rendergli la vita difficile, essere capaci di combatterlo e sconfiggerlo con serietà e responsabilità in attesa del vaccino». Cannito ha anche riferito che la Asl e la città di Barletta potrà contare sui Poct, i test rapidi, tamponi il cui risultato è pronto in soli 12 minuti.

«Se qualcuno pensa di essere invulnerabile – ha proseguito Cannito - si sbaglia, il Coronavirus colpisce tutti, giovani e anziani, diamoci una mossa e non aspettiamo che siano gli altri a fare la loro parte».

Infine il primo cittadino è voluto tornare sulla polemica della mancanza dei banchi: «I genitori, che sono in ansia per i banchi e accusano l'Amministrazione comunale di tale carenza, devono sapere che non solo noi non ne siamo responsabili ma anche che a livello nazionale non esiste un calendario noto delle consegne. Il mio auspicio è che l'ufficio scolastico regionale o il ministero, visto che abbiamo scritto anche al ministero, diano comunicazioni in merito».
  • Scuola
  • Cosimo Cannito
  • Coronavirus
Speciale Coronavirus

Speciale Coronavirus

Tutti gli aggiornamenti sull'emergenza che ha cambiato il mondo

1966 contenuti
Altri contenuti a tema
23 Obbligo di mascherina all'aperto a Barletta: l'ordinanza del commissario Obbligo di mascherina all'aperto a Barletta: l'ordinanza del commissario Varrà solo nelle principali vie del centro, da questo venerdì, per ogni weekend e nei giorni festivi
Sono 2848 le terze dosi somministrate nella Bat Sono 2848 le terze dosi somministrate nella Bat Continua la somministrazione nella provincia. Anche sabato 4 dicembre ci sarà la possibilità di vaccinare il personale scolastico e le forze dell'ordine.
19 In consegna 5.000 dosi di vaccini Moderna In consegna 5.000 dosi di vaccini Moderna Domani la consegna presso l'Ospedale Dimiccoli di Barletta
Covid in Puglia, 367 nuovi contagi e 3 decessi nelle ultime ore Covid in Puglia, 367 nuovi contagi e 3 decessi nelle ultime ore Lieve calo del numero dei ricoverati
Terza dose: fragili, operatori sanitari e personale scolastico Terza dose: fragili, operatori sanitari e personale scolastico I cittadini della Bat vaccinati hanno raggiunto l'89%
Un numero consistente di nuovi casi positivi in Puglia Un numero consistente di nuovi casi positivi in Puglia Nessuna conseguenza per il sistema ospedaliero, che regge l'impatto: stabile il dato relativo ai ricoveri
Covid, per Natale obbligo di mascherine? Covid, per Natale obbligo di mascherine? «I sindaci hanno chiesto al Governo l'obbligatorio dell'uso della mascherina all'aperto»
Continua la somministrazione della terza dose in Puglia Continua la somministrazione della terza dose in Puglia Per un totale di 23.421 terze dosi somministrate
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.