Borracce
Borracce
La città

Borracce distribuite nelle scuole, Bar.S.A.: «Sicure per la salute dei bambini»

Bar.S.A. interviene dopo le polemiche sollevate nei giorni scorsi

Tutte le bottigliette in alluminio acquistate e distribuite nelle scuole di Barletta nell'ambito della campagna di educazione ambientale contro la plastica sono idonee a contenere acqua e qualsiasi tipo di bibita sia fredda che calda. Le borracce infatti posseggono tutte le certificazioni richieste dal Ministero della Salute e dalle normative europee.

Inoltre, prima di essere distribuite le stesse sono state sottoposte a rigidi controlli ed a test specifici, anche a 70 gradi: tutti i test hanno dato esiti negativi, sia sulla eventualità che possano rilasciare sostanze nocive, sia sulla possibilità che influenzino sapori e odori di liquidi e alimenti in esse contenute. In particolare, sono stati eseguiti test con soluzioni acide, come ad esempio i succhi di frutta, gli energy drink, le limonate, il caffè e test con soluzioni alcoliche (simulazioni con prodotti contenenti fino al 20% di alcool) e con bibite tipo il latte, il cioccolato e lo yogurt. Ribadendo la assoluta sicurezza delle bottigliette ecologiche, prima di utilizzarle è, comunque, opportuno che ogni possessore provveda ad almeno un rapido lavaggio sotto il rubinetto dell'acqua, come è buona norma fare, prima dell'uso di qualsiasi contenitore per alimenti.

Al termine di una rigida selezione operata dai responsabili di Bar.S.A., le bottigliette sono state acquistate da una azienda certificata, la Blue Bag Italia di Milano - della quale in allegato forniamo la certificazione di acquisto - che è stata scelta per affidabilità e sicurezza tra tutte quelle regolarmente iscritte al Mepa, il portale elettronico di approvvigionamento pubblico gestito da Consip, la centrale acquisti della pubblica amministrazione italiana il cui unico azionista è il Ministero dell'Economia e delle Finanze; a tale proposito, è bene ricordare che la Consip è tre le prime centrali acquisti in Europa a ricevere la certificazione qualità ISO 9001:2008 per i processi di acquisto di beni e prodotti.

Fermo restando tutto quanto innanzi detto, sono, pertanto, totalmente prive di fondamento e verità le accuse mosse dalla signora Tina, mamma di una degli alunni che nei giorni scorsi hanno ricevuto le borracce. Condannando il commento utilizzato dalla stessa signora in un post pubblicato in rete, l'amministratore della Bar.S.A., Michele Cianci, invita la stessa a ritirare quanto affermato, preannunciando che in caso contrario sarà costretto a valutare la possibilità di rivolgersi ai giudici competenti sia in sede civile sia penale: i toni violenti e diffamatori e le dichiarazioni isteriche prive di fondamento della signora Tina, potrebbero infatti generare inutili allarmismi nell'opinione pubblica, potendosi prefigurare il reato di procurato allarme, oltre che quello di diffamazione aggravata per i danni di immagine nei confronti della Bar.S.A., una azienda seria che quotidianamente lavora in modo efficace ed efficiente nell'interesse di tutta la comunità cittadina. Noi tutti di Bar.S.A. amiamo la città ed in particolar modo i nostri bimbi.

Di seguito quanto comunicato dal produttore del prodotto in oggetto:

"Il prodotto fornitovi, in relazione alla nota del Ministero della Salute n. 32249 dell'11 ottobre 2011, risulta conforme. In particolare si conferma quanto segue:

Composizione corpo borraccia: 99,84% alluminio – 0,08% ferro – residuo altri metalli.

In riferimento alle normative europee, ed in particolare la normativa UE 1935/2004, il prodotto è conforme.

Il prodotto è idoneo a tutti gli alimenti certificati/testati dalla Società certificatrice STQ.

In particolare in riferimento alla certificazione alimentare:
 al punto 1 é stata testata la performance del prodotto relativamente alla possibilità di rilasciaresapori o odori e il test ha dato esito negativo. Cioè, la borraccia non influenza il sapore e l'odore delle bibite che contiene.
 al punto 2, si fa riferimento test con soluzioni acide (come sono per esempio i succhi di frutta, gli energy drinks, le limonate, il caffè) e test con soluzioni alcoliche (simulazione con prodotti contenenti fino a 20% di alcool) e con bibite tipo il latte, cioccolato e yogurt;
 i test sono stati realizzati a freddo e a caldo (70º), per cui la bottiglia è idonea anche per bibite calde.
  • Bar.S.A.
Altri contenuti a tema
1 Avviati trattamenti contro zanzare e mosche a Barletta Avviati trattamenti contro zanzare e mosche a Barletta Gli interventi saranno eseguiti per dieci giorni tutti i mesi fino ad ottobre
1 Spazzamento meccanizzato, Barletta sempre più attenta e responsabile Spazzamento meccanizzato, Barletta sempre più attenta e responsabile Avv. Cianci: «Un ringraziamento speciale ai barlettani che hanno dimostrato di rispettare sia le regole che il lavoro degli operatori»
Operare in sicurezza per la pulizia, due appelli per la Bar.S.A. Operare in sicurezza per la pulizia, due appelli per la Bar.S.A. Tupputi propone test sierologici per gli addetti, la UIL chiede massima protezione
1 Spazzamento meccanizzato, Sindaco Cannito: «Grazie ai cittadini che rispettano le regole» Spazzamento meccanizzato, Sindaco Cannito: «Grazie ai cittadini che rispettano le regole» All'interno dell'articolo il calendario delle zone e dei rispettivi giorni di intervento
Richiesta nomi dei contagiati da Bar.s.a., Collettivo Exit: «Una caccia all'untore» Richiesta nomi dei contagiati da Bar.s.a., Collettivo Exit: «Una caccia all'untore» «Farebbe bene l’avvocato Cianci a occuparsi della tutela dei lavoratori fornendogli tutti i dispositivi di sicurezza necessari»
2 COVID-19, Cianci: «Chiedo i nomi dei contagiati per la salute dei dipendenti» COVID-19, Cianci: «Chiedo i nomi dei contagiati per la salute dei dipendenti» Nella nota si precisa che tale elenco sarà riservato ed assolutamente non divulgato
COVID-19, Cianci: «Maggiore tutela per gli operatori ecologici» COVID-19, Cianci: «Maggiore tutela per gli operatori ecologici» Non sono stati assicurati i dispositivi di sicurezza adeguati come invece è avvenuto per le forze dell'ordine e per i medici
Coronavirus, a Barletta è partita la nuova sanificazione delle strade Coronavirus, a Barletta è partita la nuova sanificazione delle strade Il primo step, avviato da Bar.s.a, ha riguardato la zona 167, Patalini, Borgovilla, Montaltino e Boccuta
© 2001-2020 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.