Studentessa
Studentessa
La città

Bonus 600 euro: sito INPS in tilt, l’ira delle partite IVA

"Compilate il modulo... se ci riuscite"

Com'era purtroppo ampiamente prevedibile, i molti beneficiari (sulla carta) dei famigerati 600 euro previsti per autonomi e partite IVA a causa della chiusura forzata dovuta all'emergenza Covid-19, sin da stamane risultano impossibilitati a compilare la domanda a causa del blocco del sito dell'INPS, causato dal prevedibile intasamento delle linee.

Un'ulteriore danno in termini economici per quelli che da queste pagine, non tantissimo tempo fa abbiamo definito come i "kulaki del XXI secolo". Vale a dire gli agnelli sacrificali, o se preferite evasori fiscali per definizione, da immolare nel nome di una spesa pubblica spesso assolutamente improduttiva. Un'ulteriore umiliazione per dei lavoratori, oggi ancor più di ieri, vittime di una vulgata vetero-sindacalista in stile anni Settanta che vede nell'autonomo il benestante e lo sfruttatore a prescindere.

Una concezione di chi nella vita è riuscito bene o male a imparare un mestiere, a quanto pare durissima a morire anche e soprattutto nelle istituzioni, considerato che ad oggi – nell'attesa messianica del "decreto di aprile" che dovrebbe portare a 800 euro il bonus per gli autonomi – idraulici, parrucchieri, elettricisti ecc. , cifre alla mano, per lo Stato contano come, se non meno, di chi magari prima del Coronavirus, reddito di cittadinanza in tasca, leniva lo stress da attesa di una chiamata di lavoro (campa cavallo…) tra una Peroni, un "mediatore", e un sistema alla Snai.

Ma più che l'aspetto etico, ad essere penoso e a tratti paradossale è l'aspetto burocratico della vicenda, innanzitutto perché in piena era digitale è assolutamente inconcepibile assistere a tali disservizi, soprattutto se si considera che sono passate oltre due settimane dall'emanazione del decreto "cura Italia". E poi perché risulta evidente anche a un orbo la differenza di celerità e organizzazione quando purtroppo si tratta di inviare sanzioni, accertamenti o avvisi bonari per pagamenti ritardati.

Naturalmente qui non si tratta di gettare la croce addosso ai dipendenti di INPS, Agenzia delle Entrate ecc., ma di stigmatizzare con forza un criterio che lo Stato italiano attua ciecamente e cinicamente da qualche decennio: quello del "fare cassa innanzitutto e poi chi ha avuto ha avuto, e chi ha dato ha dato". Ovvio quindi che - diversamente da quando si tratta di incassare -, quando è il momento di metter mano al portafogli, lo Stato ci dica in sostanza "compilate il modulo……se ci riuscite". D'altronde se così non fosse, a chi come l'INPS è già in possesso di dati come codice fiscale, partita IVA, codice ATECO (per capire chi ha diritto al bonus e chi no), sarebbe stata sufficiente la sola comunicazione del codice IBAN del lavoratore autonomo interessato, dove poi erogare la prestazione assistenziale.

Ma alla fine ci rendiamo perfettamente conto che nel paese del "fare cassa innanzitutto e poi chi ha avuto ha avuto e chi ha dato ha dato", tutto ciò era , è e resterà un'utopia.
  • INPS
Altri contenuti a tema
Truffa aggravata all'INPS, maxi operazione della Guardia di Finanza di Barletta Truffa aggravata all'INPS, maxi operazione della Guardia di Finanza di Barletta Venivano eseguite false assunzioni e licenziamenti per prendere le indennità di disoccupazione
Inps, attiva anche a Barletta l'app per saltare la fila Inps, attiva anche a Barletta l'app per saltare la fila Le istruzioni per utilizzare il nuovo servizio
1 Maxi truffa all'INPS, la Finanza in azione tra Bari e Bat Maxi truffa all'INPS, la Finanza in azione tra Bari e Bat 80 truffe, 36 denunce a operatori CAF e un danno all'erario di 500mila euro
21 ottobre, sciopero dei treni e disagi negli uffici pubblici 21 ottobre, sciopero dei treni e disagi negli uffici pubblici La protesta potrebbe durare fino a domani con il “No Renzi Day”
Altro che migranti, truffavano l'Inps riscuotendo una pensione non dovuta Altro che migranti, truffavano l'Inps riscuotendo una pensione non dovuta Risiedevano a Barletta, hanno beneficiato di 5,6 milioni di euro
Tagli ai patronati, anche i sindacati e patronati della Bat si mobilitano Tagli ai patronati, anche i sindacati e patronati della Bat si mobilitano La protesta a livello provinciale domani all'Inps di Andria
Inps a Barletta, grazie alla spending review apre nella sede Inail Inps a Barletta, grazie alla spending review apre nella sede Inail L'intervento del sindaco Cascella
Cgil-Bat contro Inps. I Cud non inviati Cgil-Bat contro Inps. I Cud non inviati Intervento di sindacalisti Cgil
© 2001-2020 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.