Arsenale di Verona
Arsenale di Verona
La città

Barletta come Verona? Le concessioni possono essere speculazioni

Servono regole più chiare su alienazioni e valorizzazioni

Realismo o realtà? È proprio questo che bisogna chiedersi facendosi letteralmente i conti, nelle più ampie tasche, comunque dei cittadini, che sono le casse comunali, o comunque delle istituzioni a qualunque livello. Bisogna chiedersi quale sia il valore della cultura, della bellezza, quanto importante sia il senso di appartenenza ai luoghi.

Per poter ragionare, e si spera discutere, sul valore delle scelte che le Amministrazioni, a volte più a volte meno volentieri, devono compiere, vogliamo partire dal racconto di una polemica scoppiata a circa 800 Km di distanza da Barletta, nella civilissima Verona, dove 'regna' il più famoso sindaco leghista, Flavio Tosi. La querelle riguarda lo straordinario arsenale asburgico, di metà Ottocento, patrimonio Unesco, struttura utilizzata per scopi militari fino al 1994. Poi affidata al Comune ha iniziato la sua decadenza e abbandono, oggi non più agibile per una buona parte.

Bisogna anche dire che nel frattempo gli Enti locali se la passano sempre peggio, sono stati inventati i Patti di Stabilità, terribile mannaia per tutti gli amministratori locali, è intervenuto un non proprio equo federalismo demaniale, buono nei principi ma ha lasciato patate bollenti continuando ad impoverire gli enti locali. Tosi ha pensato bene, come sono stati invitati a fare molti sindaci italiani, di alienare l'arsenale di Verona a dei privati, concedendolo per 99 anni. La decisione ha conosciuto molte proteste, di chi vuole salva la storia e l'identità di un luogo, di chi vuole salvare il paesaggio da una, seppur mascherata, speculazione, da parte di chi si barrica dietro il sacrosanto termine (anche giuridico) di 'bene comune'. In primis ha sollevato la questione di Verona il prof. Salvatore Settis, già rettore della Normale di Pisa, archeologo e storico dell'arte, sulle pagine di Repubblica nei giorni scorsi, accusando Tosi.

In scala, anche Barletta ha preparato una sua lista di beni da valorizzare e da alienare. In queste liste ci sono anche beni di valore storico-artistico come l'ex convento S. Andrea piuttosto che l'ex convento S. Lucia e altri. Tutti concedibili a privati per cinquant'anni gratuitamente, sempre che questi s'impegnino per il loro recupero e relativa rivalutazione del luogo. «Piuttosto che tenere questi immobili lasciati al degrado e all'incuria mi piacerebbe fossero utilizzati», così il sindaco Cascella in un'intervista d'inizio d'anno a Barlettalife rispondendo sull'argomento in questione, « Mi piacerebbe che ci fosse un albergo storico nel convento di Sant'Andrea come ce ne sono in tutta Italia, un'operazione di questo genere aiuterebbe il recupero di una grande area». Posto che vi sono delle chiare norme di legge che tutelano i beni storici e la loro destinazione d'uso, ma forse ciò non è sufficiente.

Le proteste si sono fatte sentire anche subito, ma con ciò non ci si vuole opporre in maniera assoluta ad una struttura di ricezione turistica in uno spazio comunale. Probabilmente sono necessarie regole più definite da parte degli amministratori, avendo comunque ben chiare le buone intenzioni di questa scelta.

Anche Settis ha suggerito che magari le soluzioni per le valorizzazioni potrebbero rintracciarsi altrove come l'adeguato sfruttamento dei finanziamenti europei, che in Italia non sappiamo proprio usare, o nelle sponsorizzazioni. Certo il realismo e la freddezza dei ragionamenti economici ci dicono altro, ma la realtà è anche quella che indica una forte domanda di cultura nelle nostre città, di spazi per essa, per la socialità che vuole vivere nel rispetto delle identità territoriali, preservando al meglio quegli spazi urbani della nostra cultura e memoria.

È necessario difendere i beni comuni dalla speculazione presente e futura.
  • Beni architettonici
  • Convento di Sant'Andrea
  • Amministrazione Cascella
Altri contenuti a tema
Un “Avvento di Carità” nella Chiesa di Sant’Andrea Un “Avvento di Carità” nella Chiesa di Sant’Andrea Raccolta di viveri in favore della Caritas
1 I silos granari di Barletta come montagne, un approfondimento sul tema I silos granari di Barletta come montagne, un approfondimento sul tema In attesa dell'evento espositivo, gli architetti Cafagna e Rutigliano presentano il saggio del ricercatore Antonio Alberto Clemente
4 Palazzo Tresca di Barletta, contro la demolizione e verso la valorizzazione Palazzo Tresca di Barletta, contro la demolizione e verso la valorizzazione 26 giovani professionisti spiegano le ragioni per difendere il patrimonio barlettano
Lavori in Piazza Plebiscito, Rosa Cascella: «I semi gettati in passato portano i loro frutti» Lavori in Piazza Plebiscito, Rosa Cascella: «I semi gettati in passato portano i loro frutti» Nel Programma delle Opere Pubbliche, approvato a dicembre, mancherebbe una visione unitaria del contesto urbano
2 Il sindaco Cascella saluta la cittadinanza in una lunga lettera Il sindaco Cascella saluta la cittadinanza in una lunga lettera «Avevamo una missione in cui credere. Ci abbiamo provato senza mai cedere alla propaganda o temere l'impopolarità»
1 Da giugno 2013 a oggi: la relazione di fine mandato del sindaco Cascella Da giugno 2013 a oggi: la relazione di fine mandato del sindaco Cascella «Questo atto traccia le scelte compiute e il lascito ai prossimi amministratori»
1 Basile: «Dimissioni Cascella atto evitabile, si vergogni chi ha voltato le spalle» Basile: «Dimissioni Cascella atto evitabile, si vergogni chi ha voltato le spalle» «Consiglieri uscenti vorrebbero creare una finta alternativa»
1 Aldo Musti: «Prossimi amministratori forse peggiori dei precedenti, ma devono provarci» Aldo Musti: «Prossimi amministratori forse peggiori dei precedenti, ma devono provarci» «DPP sia rimesso al nuovo consiglio, a che titolo amministrazione uscente vuol dire la sua?»
© 2001-2024 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.