Granchio blu
Granchio blu
Territorio

Avvistato il granchio blu nel fiume Ofanto, segnalazione del nucleo IFAE di Barletta

Pericolo per la biodiversità, è un crostaceo ghiotto di pesci, molluschi e persino uccelli

Il Nucleo di Vigilanza ittico-faunistica, ambientale ed ecologica di Barletta, nell'ambito dei servizi di monitoraggio, ricerca e tutela faunistico-ambientale del fiume Ofanto, in particolare del tratto terminale del fiume (tra le località setteponti e la foce), ove è accertata la presenza della Lontra "lutra lutra", - magnifico mammifero appartenente alla famiglia dei mustelidi particolarmente protetto dalle vigenti normative internazionali e nazionali ed all'apice della catena alimentare fluviale, - ha accertato e documentato (attraverso l'effettuazione di specifiche videoriprese) la presenza di numerosi granchi della specie Callinectes sapidus, detto comunemente Granchio blu o Granchio reale.

«È una specie marina alloctona di provenienza americana (america occidentale) - spiega il coordinatore del nucleo IFAE Giuseppe Cava - particolarmente scaltra ed invasiva che non disdegna le acque salmastre e le foci dei fiumi. La sua presenza, in un periodo che vede il fiume con una portata azzerata e quindi di secca (causata anche dai prelievi abusivi per scopi irrigui effettuati a monte), ci pone non poca preoccupazione per il fatto che la sua biologia potrebbe mettere in serio rischio l'equilibrio faunistico-ambientale indigeno di un tratto di fiume lungo circa tre chilometri (dalla foce alle "rapide" presenti nei pressi del ponte della ferrovia adriatica, punto ove termina il tratto di acqua salmastra).

Il granchio blu è un crostaceo opportunista, molto adattabile, vorace ed in grado di predare pesci, anfibi, molluschi, crostacei, insetti, giovani rettili e persino uccelli. Queste sue capacità lo rendono un pericoloso driver di perdita di biodiversità autoctona.

Forse, l'unico punto di ottimismo che possiamo evidenziare riveniente dalla sua presenza nel fiume Ofanto è quello relativo alla possibilità di poterlo pescare e porlo in commercio a scopo alimentare. Infatti, pare sia un crostaceo molto apprezzato dai palati di molti pugliesi e se cucinato "Bollito, con aceto e olio" risulterebbe una prelibatezza. Inoltre, sembra che sia ottimo per la salute umana per il fatto che: la "carne blu" risulterebbe ricca di vitamina B12. Tanto si doveva per la dovuta informazione ai cittadini pugliesi» conclude il professor Cava.
  • Fiume Ofanto
  • Nucleo di Vigilanza IFAE
Altri contenuti a tema
1 Prelievi d'acqua indiscriminati, in pericolo le acque del fiume Ofanto Prelievi d'acqua indiscriminati, in pericolo le acque del fiume Ofanto Interviene il coordinatore del nucleo di vigilanza I.F.A.E., prof. Giuseppe Cava
Curiamo il fiume Ofanto, l'appello del Nucleo IFAE tra scempi e indifferenza Curiamo il fiume Ofanto, l'appello del Nucleo IFAE tra scempi e indifferenza In tempi di Coronavirus non si ferma l'azione di controllo sul territorio
Convegno Valle dell’Ofanto, a lavoro per uno sviluppo sostenibile Convegno Valle dell’Ofanto, a lavoro per uno sviluppo sostenibile Il Presidente Marino ha premiato a Barletta il piccolo Potito per la sensibilità dimostrata ai temi ambientali
La Valle dell’Ofanto e il suo potenziale al centro del convegno a Barletta La Valle dell’Ofanto e il suo potenziale al centro del convegno a Barletta Il Presidente del Consorzio "Pro Ofanto" Marino consegnerà un premio al piccolo Potito di Stornarella
1 Inquinamento del fiume Ofanto, interviene il senatore Quarto Inquinamento del fiume Ofanto, interviene il senatore Quarto «Siamo molto preoccupati per lo stato di salute del fiume e chiediamo di potenziare il monitoraggio»
1 Preoccupazione per l'Ofanto, rilevato un alto livello di inquinamento da mercurio Preoccupazione per l'Ofanto, rilevato un alto livello di inquinamento da mercurio La lettera del Nucleo di Vigilanza ittico-faunistica, ambientale ed ecologica
Salvato a Barletta un tasso dal Nucleo di Vigilanza IFAE Salvato a Barletta un tasso dal Nucleo di Vigilanza IFAE L'animale è caduto accidentalmente in un manufatto di cemento in zona “Pantaniello”
Zone umide, aderisce anche il circolo Legambiente di Barletta Zone umide, aderisce anche il circolo Legambiente di Barletta Iniziative previste in tutta la Puglia: passeggiate, visite guidate e birdwatching
© 2001-2020 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.