Consigliere Giuseppe Dipaola
Consigliere Giuseppe Dipaola
La città

Archiviata la Sede Provinciale dell’Archivio di Stato

Il Consiglio Provinciale sceglie di non decidere. Annullata la buona volontà del consigliere Dipaola

La contendevano Barletta e Trani (solo ordine alfabetico), e tra le due città contendenti si è pensato bene di spossessarsi di un ennesimo motivo di campanilismo in un Consiglio provinciale itinerante, allocato lunedì a Trani. 12 voti contrari e 5 favorevoli hanno cucito la bocca all'esponente consiliare barlettano della Buona Politica, Giuseppe Dipaola che con un armonioso ordine del giorno controfirmato da altri sette, ha insistito, quale primo firmatario, perché all'importante Ente fosse riconosciuto rango superiore nella Provincia BT e perché no a Barletta dove più idonei locali, quelli del restaurato edificio dell'ex convento dei Celestini di proprietà dello Stato, sottoposto a vincolo di interesse culturale, stanno per diventare culla armoniosa di 40.000 documenti di interesse archivistico comprendenti atti preunitari e postunitari dal 1730 al 1975.

"Campanilista, campanilista" e giù due ore e trenta di un frullato politico contro l'ipotesi del consigliere barlettano illuso di aver compiuto il proprio dovere nell'assise del più conclamato policentrismo d'Italia. La colpa del consigliere Dipaola è stata quella di difendere l'acquisita legittimità dell'elevazione da Sezione dell'Archivio di Stato di Barletta ad Archivio di Stato, trovando conseguente e logica promozione, nella nuova Provincia BT. La legge 148 poi insedia l'Ente esclusivamente nel Capoluogo Capofila della Provincia Barletta-Andria-Trani. Ma anche se questa interpretazione non corrispondesse a capillare verità, perché la consorteria politica provinciale costringe al silenzio minoritario sempre più spesso un rappresentante barlettano per lo più conciliante? Lo ha indotto all'emendamento, alla cancellazione di gran parte del suo ordine del giorno, quella che individuava legittimità barlettana. Ma l'esproprio di idealità dell'esponente politico non è stato sufficiente a promuovere l'Ente. Affinchè almeno passasse indenne l'impegno del Presidente e di tutto il Consiglio in favore di un intervento presso il Ministero per i Beni Culturali, favorevole alla dotazione della superiore figura dell'Archivio di Stato in qualsivoglia città, ha stravolto il suo ordine del giorno che è stato comunque bocciato. Per ora le sedi, quella di Barletta e di Trani, continueranno il proprio percorso parallelo, senza priorità della prima sulla seconda e viceversa. La pilatesca pur nociva decisione del Consiglio provinciale, pronunciata, questa volta in dialetto tranese, ci può anche stare. Ma non si sottaccia la intimidazione, seppur politica, che frequentemente svantaggia un grande centro capoluogo che soffre di scarsa rappresentatività.
7 fotoIntervista al consigliere provinciale Dipaola
Intervista al consigliere provinciale DipaolaIntervista al consigliere provinciale DipaolaIntervista al consigliere provinciale DipaolaIntervista al consigliere provinciale DipaolaIntervista al consigliere provinciale DipaolaIntervista al consigliere provinciale DipaolaIntervista al consigliere provinciale Dipaola
  • Intervista
  • Giuseppe Dipaola
  • Archivio di Stato
Altri contenuti a tema
Per le Giornate Europee del Patrimonio sarà possibile visitare l'Archivio di Stato Per le Giornate Europee del Patrimonio sarà possibile visitare l'Archivio di Stato Potranno essere visitati, dietro prenotazione obbligatoria a Bari nei giorni del 24 e 25 settembre, a Barletta il 24 settembre e a Trani il 25 settembre
Il Direttore dell'Archivio di Stato Grimaldi incontra il Prefetto Riflesso Il Direttore dell'Archivio di Stato Grimaldi incontra il Prefetto Riflesso Al centro dell'incontro anche il punto sull’ex Palazzo delle Poste
«Lo sport preferito da noi barlettani è sminuire o distruggere» «Lo sport preferito da noi barlettani è sminuire o distruggere» Il direttore dell'Archivio di Stato in una riflessione nel giorno dell'anniversario della battaglia di Canne
Il Direttore dell'Archivio di Stato Grimaldi incontra il Cardinale Monterisi Il Direttore dell'Archivio di Stato Grimaldi incontra il Cardinale Monterisi Ad accoglierlo c’erano il dott. Cosimo Damiano Cannito, il Senatore di Forza Italia Dario Damiani, l’Avv.Pier Paolo Grimaldi ed il Comm. Vito Dibitonto
Stato civile e atti di nascita, excursus a cura di Michele Grimaldi Stato civile e atti di nascita, excursus a cura di Michele Grimaldi «Gli archivi sono lì. Saremo sempre lieti di accogliere tutti coloro che vorranno sapere come “effettivamente” sono andate le cose»
33 Il sindaco Cannito incontra il direttore dell'Archivio di Stato Michele Grimaldi Il sindaco Cannito incontra il direttore dell'Archivio di Stato Michele Grimaldi Il direttore Grimaldi ha sottolineato che la fine dei lavori della nuova sede della Sezione di Archivio di Stato di Barletta avverrà al termine dell'estate
Era di Barletta una delle 21 donne elette a far parte della Costituente Era di Barletta una delle 21 donne elette a far parte della Costituente La storia della Festa della Repubblica vista dalla Provincia Barletta Andria Trani, nella ricostruzione di Michele Grimaldi
Nuova speranza per l'ex Palazzo Poste: arrivano quasi 4,3 milioni dal Ministero Nuova speranza per l'ex Palazzo Poste: arrivano quasi 4,3 milioni dal Ministero Soddisfatto Michele Grimaldi, Direttore Archivio di Stato di Bari, «grave però la carenza di personale»
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.