Violenza
Violenza
Cronaca

Ancora violenza a Barletta: pestato a sangue un quarantenne nel centro storico

Tra impotenza delle istituzioni e ignavia legislativa, continuano gli episodi di (micro)criminalità in città

Barletta, centro storico, 21 luglio 2023. Ennesima notte insonne (per i residenti). Ennesima rissa ed ennesimo ferito grave finito al pronto soccorso dell'ospedale Dimiccoli dopo essere stato pestato a sangue da un gruppo di balordi.

Abbiamo purtroppo tante volte raccontato di episodi simili accaduti nella nostra città, con una particolare enfasi sul crescente fenomeno delle baby gang, che è ormai un fenomeno comune in tutto il Paese.

A Barletta purtroppo ci è toccato abbastanza di recente raccontare anche di tre omicidi in pochi mesi, ma nulla sembra essere cambiato rispetto a quei tragici mesi.

Questa volta, giusto per provare a non annoiare chi ci segue con il solito racconto standard che si fa in questi casi, proviamo a partire dalle conclusioni: cioè dall'assunto che se non si prova una volta per tutte a porre rimedio a livello legislativo a questi fenomeni che riguardano un sempre più crescente numero di ragazzi (e sempre più spesso anche ragazze, ma anche di meno giovani), e mandare una volta per tutte in soffitta termini ormai vuoti, insignificanti e del tutto inconcludenti come "dialogo", "inclusione" e chiacchiere morte varie, si rischia di tornare a tempi molto bui che Barletta ha già conosciuto.

"Ci vogliono più controlli", dicono in tanti. Lo ha detto molto recentemente anche il sindaco Mino Cannito in una intervista rilasciata in TV, assicurando il conduttore sul fatto che i sindaci del territorio starebbero per ottenere dal Ministero un sostanziale rafforzamento degli organici delle forze dell'ordine.

Problema risolto? Difficile, molto difficile, senza un contemporaneo inasprimento delle pene riguardanti i reati riguardanti fenomeni di microdelinquenza, dato che allo stato attuale, qualche ora passata in caserma paradossalmente rappresenta per questi ragazzi quasi una medaglia al valore da esibire con orgoglio dinanzi agli amici e alla "morosa". Altro che pena rieducativa.

E poi diciamocelo francamente: sarebbe anche ora di iniziare chiederci come mai tanti ragazzi in piena età da lavoro sono in giro fino alle luci dell'alba in giornate che dovrebbero essere lavorative?

A questa domanda potrebbero (anzi dovrebbero) dare risposta solo le famiglie, astenendosi possibilmente da quel "non c'è lavoro" che era, è e resterà la più comoda delle toppe. Perché se da un lato è vero che a Barletta abbiamo vissuto tempi migliori, dall'altro è altrettanto vero che scene del tipo " 'Toc, Toc' 'Chi è?' 'Sono il lavoro' " non ne abbiamo mai viste nemmeno quando Barletta era tra le città più dinamiche ed opulente del Mezzogiorno d'Italia.
  • Violenza
Altri contenuti a tema
Violenta rissa in via Canosa, due donne coinvolte Violenta rissa in via Canosa, due donne coinvolte Sul posto polizia di Stato, locale e 118
“Violenza tra pari online e offline, strumenti di prevenzione e di contrasto”. “Violenza tra pari online e offline, strumenti di prevenzione e di contrasto”. Appuntamento il 19 maro nella sala Rossa del Castello
Ascolto e accettazione di sé: da Barletta un messaggio per le donne Ascolto e accettazione di sé: da Barletta un messaggio per le donne Successo per il talk di sei giovani professioniste al "Bahia Wellness"
La Asl Bt presenta #panchinarossa La Asl Bt presenta #panchinarossa Appuntamento domani alle 10.30 al "Mons.Dimiccoli"
Ragazzi dipingono di rosso una panchina: è dedicata a Giulia Cecchettin Ragazzi dipingono di rosso una panchina: è dedicata a Giulia Cecchettin L'iniziativa del Movimento AMICO. ha coinvolto i giovani studenti dell'Istituto Comprensivo "D'Azeglio De Nittis"
11 Furti, aggressioni, vandalismo: a Barletta se non è allarme, poco ci manca Furti, aggressioni, vandalismo: a Barletta se non è allarme, poco ci manca Continua incessante l’escalation di microcriminalità in città
1 Ennesimo episodio di aggressione a Barletta Ennesimo episodio di aggressione a Barletta La denuncia di un genitore barlettano: il fatto è avvenuto in zona orto botanico
“Libere dalla violenza”, a Barletta un percorso fotografico per sensibilizzare “Libere dalla violenza”, a Barletta un percorso fotografico per sensibilizzare L’esposizione nella galleria del Curci sarà visitabile sino al 12 giugno
© 2001-2024 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.