Violenza
Violenza
Cronaca

Furti, aggressioni, vandalismo: a Barletta se non è allarme, poco ci manca

Continua incessante l’escalation di microcriminalità in città

Biciclette rubate presso la litoranea di Levante. Marmitte di automobili sapientemente asportate all'interno del parcheggio dell'ospedale Dimiccoli. Moto rubate nei pressi della zona 167. Tutti fatti recentissimi e poco edificanti segnalati alla nostra redazione che vanno ad aggiungersi alla già lunghissima lista di episodi di violenza, microcriminalità e vandalismo che da anni affliggono la nostra città.

Una triste escalation in molti casi figlia di fattori esogeni, ad esempio per quel che riguarda la piaga dei furti d'auto. Ma almeno in altrettanti casi figlia di un colpevolissimo lassismo dimostrato negli anni riguardo alle cosiddette "bravate" giovanili rigorosamente made in Barletta, laddove non pochi degli autori delle succitate "bravate" hanno nel frattempo effettuato il tanto temuto "salto di qualità", come testimoniato dai preoccupanti (quando non addirittura tragici) fatti di cronaca degli ultimi anni.

La domanda in questi casi è pressoché la solita: che fare? Le risposte? Al solito, poche e prevalentemente inutili e scontate: "dialogo", "inclusione", "aggregazione" e tante altre banalità assortite che altro non fanno se non aumentare il rassegnato senso di insicurezza dei cittadini barlettani e l'altrettanto rassegnato senso di impotenza delle istituzioni locali (di qualunque colore esse siano), le quali altro non possono fare se non continuare a pietire più attenzioni da parte dello Stato. Uno Stato che ormai da decenni (e solo quando ci scappa il morto) si limita ad aumentare di qualche unità gli organici delle forze dell'ordine, naturalmente guardandosi bene dal porre mano ad una legislazione che in materia di microcriminalità segna il passo ormai da qualche decennio.
  • Violenza
  • Aggressione
  • Criminalità
Altri contenuti a tema
Violenta rissa in via Canosa, due donne coinvolte Violenta rissa in via Canosa, due donne coinvolte Sul posto polizia di Stato, locale e 118
“Violenza tra pari online e offline, strumenti di prevenzione e di contrasto”. “Violenza tra pari online e offline, strumenti di prevenzione e di contrasto”. Appuntamento il 19 maro nella sala Rossa del Castello
Paura nel parcheggio zona Lega Navale, la denuncia social di alcune ragazze Paura nel parcheggio zona Lega Navale, la denuncia social di alcune ragazze Tam tam su instagram: le vittime sarebbero state quasi aggredite da un uomo
Ascolto e accettazione di sé: da Barletta un messaggio per le donne Ascolto e accettazione di sé: da Barletta un messaggio per le donne Successo per il talk di sei giovani professioniste al "Bahia Wellness"
La Asl Bt presenta #panchinarossa La Asl Bt presenta #panchinarossa Appuntamento domani alle 10.30 al "Mons.Dimiccoli"
Ragazzi dipingono di rosso una panchina: è dedicata a Giulia Cecchettin Ragazzi dipingono di rosso una panchina: è dedicata a Giulia Cecchettin L'iniziativa del Movimento AMICO. ha coinvolto i giovani studenti dell'Istituto Comprensivo "D'Azeglio De Nittis"
1 Ancora violenza a Barletta: pestato a sangue un quarantenne nel centro storico Ancora violenza a Barletta: pestato a sangue un quarantenne nel centro storico Tra impotenza delle istituzioni e ignavia legislativa, continuano gli episodi di (micro)criminalità in città
1 Ennesimo episodio di aggressione a Barletta Ennesimo episodio di aggressione a Barletta La denuncia di un genitore barlettano: il fatto è avvenuto in zona orto botanico
© 2001-2024 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.