Terremoto
Terremoto
Territorio

ANCE Puglia: «Dopo Ischia bisogna mappare gli edifici a rischio crollo»

Biancofiore: «In Puglia tantissime case sono costruite male»

«Prevenzione e formazione sono le uniche armi con le quali si può affrontare il problema sismico ed evitare che si perdano in futuro altre vite umane a causa dei terremoti; per questo chiediamo alla Regione Puglia di istituire subito un Osservatorio che individui entro 6 mesi gli edifici a rischio crollo, che si stima siano 150mila nella nostra regione, cominciando da quelli costruiti nelle zone sismiche 1 della nostra regione».

È questa la proposta lanciata dal presidente di ANCE Puglia Gerardo Biancofiore a pochi giorni di distanza dal sisma che ha colpito Ischia e provocato due vittime a causa del crollo di edifici. «Siamo disponibili a lavorare assieme a enti locali, Protezione Civile e tecnici - afferma Biancofiore - affinchè si possano individuare tutti gli edifici dei Comuni a rischio che hanno bisogno di interventi di messa in sicurezza e si possa subito agire, coinvolgendo tecnici e operai adeguatamente formati e preparati per effettuare lavori di questo tipo. Quanto purtroppo successo a Ischia deve essere un monito per non perdere ancora tempo e cadere in polemiche, come quella sull'uso dei materiali scadenti, che non servono a prevenire e a evitare che episodi del genere si ripetano in futuro».

«Purtroppo in Puglia ci sono tantissime case costruite male, 40mila solo nel Leccese. In più, dal 2003 - aggiunge Biancofiore - sappiamo che Comuni del Foggiano e del Nordbarese rientranti nelle zone a rischio sismico 1 e 2 hanno bisogno di interventi. Poco però è stato fatto per mettere in sicurezza costruzioni non in regola o edificate in aree sismiche. In attesa che il Fascicolo di fabbricato si concretizzi a livello nazionale, chiediamo che si corregga il sisma bonus previsto dalla Legge di Bilancio affinchè si permetta di rendere direttamente bancabili le detrazioni previste e di limare i requisiti necessari per usufruire del contributo, non limitandolo solo alle fasce meno abbienti della popolazione e agevolandone l'utilizzo per i lavori nei condomini».
  • Terremoto
  • Situazione di pericolo
Altri contenuti a tema
Terremoti 2016-2017, a Barletta l'encomio per 26 ingegneri Terremoti 2016-2017, a Barletta l'encomio per 26 ingegneri Cerimonia in prefettura: l'intervento di Ruggiero Mennea
Terremoto dell’Irpinia, encomio ai fratelli Lavecchia di Barletta Terremoto dell’Irpinia, encomio ai fratelli Lavecchia di Barletta I due barlettani partirono a bordo di un furgone carico di beni di prima necessità per portare soccorso agli sfollati
Forte terremoto scuote l'Albania, avvertito anche a Barletta Forte terremoto scuote l'Albania, avvertito anche a Barletta La scossa è stata percepita dal Montenegro alle coste pugliesi
Esplode un'auto in via Risorgimento, paura alla festa di Sant'Antonio Esplode un'auto in via Risorgimento, paura alla festa di Sant'Antonio Veicolo completamente carbonizzato, sul posto Polizia municipale e Vigili del Fuoco
Incendio ai vivai in via vecchia Andria, è panico Incendio ai vivai in via vecchia Andria, è panico Gente per strada: «Aria irrespirabile, bruciano gli occhi»
3 Cadono calcinacci in via Sant'Antonio Cadono calcinacci in via Sant'Antonio La denuncia di Carmine Doronzo: «Basta giocare con la pelle dei cittadini«
Anche Barletta nella rotta del satellite cinese fuori controllo Anche Barletta nella rotta del satellite cinese fuori controllo Monitorate le opzioni di rientro, in una è inclusa tutta la Bat
Fiamme alte in via Ungaretti, divampa un grosso incendio a Barletta Fiamme alte in via Ungaretti, divampa un grosso incendio a Barletta Il rogo scoppia in periferia con fumo nero molto vasto: grande preoccupazione per i residenti
© 2001-2018 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.