Carabinieri
Carabinieri
Cronaca

Rischio di infiltrazione mafiosa in una ditta di costruzioni di Barletta

Le indagini dei Carabinieri hanno riscontrato legami con elementi di spicco del clan “Cannito-Lattanzio”

I Carabinieri del Nucleo Investigativo del Reparto Operativo del Comando Provinciale di Bari, hanno dato esecuzione al decreto di applicazione della "Amministrazione giudiziaria dei beni connessi ad attività economiche e delle aziende" (ex art. 34 D.Lgs. n.159/2011) emesso dal Tribunale – Sezione Misure di Prevenzione di Bari nei confronti di una ditta., con sede legale a Barletta, avente ad oggetto lavori di costruzione di edifici residenziali.

Le indagini, coordinate dalla locale Direzione Distrettuale Antimafia, hanno consentito di riscontrare parentele da parte degli organi sociali con elementi di spicco del clan "Cannito-Lattanzio" di Barletta, ovvero D. S. 67enne, pluripregiudicato, già sorvegliato speciale di P.S., ritenuto da pregresse attività investigative, il cassiere del suddetto clan.

L'attività investigativa ha permesso di delineare un articolato e sintomatico quadro di situazioni fattuali, pienamente condiviso dall'A.G., che ha ritenuto concreto il rischio di infiltrazione mafiosa nella ditta barlettana ed ha ravvisato nella medesima un pericoloso veicolo di infiltrazione della criminalità organizzata nel tessuto socio economico legale.

Il patrimonio aziendale sottoposto ad amministrazione giudiziaria, composto tra l'altro, da 8 fabbricati, 8 terreni edificabili e 4 autovetture di grossa cilindrata, è stimato in circa 8 milioni di euro.

Si evidenzia come D. S., a seguito di attività investigativa del Nucleo Investigativo di Bari, sia già stato colpito il 23.09.2013 dal sequestro di prevenzione di un notevole patrimonio immobiliare e societario, stimato in € 52 milioni, emesso dal Tribunale – Sez. Misure di Prevenzione di Trani e divenuto definitivo il 15.03.2018.
  • Carabinieri
Altri contenuti a tema
2 Movida senza controllo nel centro di Barletta, intervengono i Carabinieri Movida senza controllo nel centro di Barletta, intervengono i Carabinieri Le operazioni si concludono con un arresto, denunce, due patenti ritirate e 50mila euro di sanzioni amministrative
Furgone rubato a Barletta nella centrale del riciclaggio di Cerignola Furgone rubato a Barletta nella centrale del riciclaggio di Cerignola Tre le persone in manette: il mezzo era stato cannibalizzato per i pezzi di ricambio
Rapine ai tir con metodi «violenti»: partite da Barletta le indagini Rapine ai tir con metodi «violenti»: partite da Barletta le indagini I dettagli della corposa operazione dei Carabinieri che si è conclusa oggi con otto arresti
Armi e rapine, sgominato a Barletta un gruppo criminale Armi e rapine, sgominato a Barletta un gruppo criminale In azione Carabinieri, Nucleo Cinofili e l'Elinucleo di Bari
Truffe agli anziani, i Carabinieri informano i cittadini di Barletta Truffe agli anziani, i Carabinieri informano i cittadini di Barletta Mercoledì si svolgerà una conferenza sul tema in sala rossa
Rapine ad Asti: quattro arresti, tra cui due giovani di Barletta Rapine ad Asti: quattro arresti, tra cui due giovani di Barletta A settembre due colpi in due esercizi commerciali, in azione i Carabinieri
Spaccio nei pressi della Baldacchini a Barletta, arrestato pusher incensurato Spaccio nei pressi della Baldacchini a Barletta, arrestato pusher incensurato Il 33enne cedeva una dose di cocaina a un giovane che era in autovettura
Aggredito da un pit-bull e derubato, identificato il rapinatore a Barletta Aggredito da un pit-bull e derubato, identificato il rapinatore a Barletta Si tratta di un 24enne marocchino, arrestato dai Carabinieri
© 2001-2020 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.