Associazioni

«Acquedotto pugliese pubblico, sia legge entro fine ottobre»

Il comitato Acqua bene comune scrive in Regione. Si rivendica la mancata trasformazione in legge del ddl

Il comitato pugliese Acqua bene comune ha inviato una nota rivolta all'intero consiglio regionale, all'esecutivo ed al presidente Nichi Vendola, rivendicando la mancata trasformazione in legge del disegno di legge che trasformerebbe l'Acquedotto pugliese in un soggetto di diritto pubblico gestito secondo un metodo di partecipazione sociale. Ecco il documento inviato a Bari:

«Scriviamo perché sono oramai decorsi i 100 giorni dall'inizio della nuova legislatura durante i quali l'attuale governo, nella persona del presidente Vendola e dei partiti di coalizione, aveva preso, in campagna elettorale, ufficialmente e pubblicamente (durante la conferenza stampa del 5 marzo scorso) l'impegno di trasformare in legge il disegno di legge per la trasformazione dell'Acquedotto pugliese in un soggetto di diritto pubblico. Ad oggi, non solo questo non è avvenuto, ma il disegno di legge, benché approvato nuovamente dalla giunta lo scorso 11 maggio, ci risulta non essere stato neppure inserito nel calendario dei lavori delle commissioni competenti.

Pertanto, sulla base degli impegni su richiamati assunti dal presidente e dai partiti di coalizione e della diffusa volontà dei cittadini pugliesi rispetto alla gestione pubblica e partecipativa dei servizi idrici (protagonisti di una mobilitazione straordinaria a sostegno dei referendum contro la privatizzazione dell'acqua in quasi ogni Comune della Regione e che ha portato alla raccolta di oltre 105.000 firme su 1.400.000 raccolte a livello nazionale) chiediamo di dare corso con sollecitudine agli impegni assunti dai rispettivi partiti con la cittadinanza durante la campagna elettorale mettendo all'ordine del giorno delle commissioni consiliari il disegno di legge sull'Acquedotto (stabilendo, quanto prima, le audizioni, alle quali chiediamo di partecipare) ed inoltrando e mettendo ai voti in Consiglio regionale, entro la fine del mese di ottobre, il disegno di legge nella forma in cui è stato approvato dalla giunta all'unanimità lo scorso 11 maggio affinché l'Acquedotto pugliese possa presto essere trasformato in un soggetto di diritto pubblico e gestito secondo un metodo di partecipazione sociale».
  • Regione Puglia
  • Acqua
  • Acquedotto pugliese
Altri contenuti a tema
Turismo sostenibile: il progetto per nuovi cammini in Puglia Turismo sostenibile: il progetto per nuovi cammini in Puglia «Quasi la metà degli italiani desidera vivere esperienze di turismo lento a contatto con la natura»
Riapre regolarmente Via Diaz a Barletta Riapre regolarmente Via Diaz a Barletta Sono terminati i lavori dell’Acquedotto Pugliese
Il provvedimento della Regione Puglia per le micro, piccole e medie imprese Il provvedimento della Regione Puglia per le micro, piccole e medie imprese Sospesi fino a giugno 2023 i mutui concessi su alcuni strumenti di ingegneria finanziaria
Prorogata la domanda per i Buoni servizio disabili e anziani 2022/2023 Prorogata la domanda per i Buoni servizio disabili e anziani 2022/2023 La presentazione della domanda e l’abbinamento del buono servizio si effettua esclusivamente on-line
Rilanciare le ciliegie: anche la Puglia nel programma Rilanciare le ciliegie: anche la Puglia nel programma Puglia, Emilia Romagna e Trentino Alto Adige, insieme rappresentano l’80% della produzione di ciliegie di qualità in Italia
Avviso Regione Puglia per la promozione dell'attività sportiva Avviso Regione Puglia per la promozione dell'attività sportiva Si invitano le associazioni a voler presentare la propria candidatura
2 Bonus sociale idrico 2022, al via l’erogazione del beneficio Bonus sociale idrico 2022, al via l’erogazione del beneficio Le regole e i consigli per muoversi correttamente
Covid in Puglia, quasi 9 mila decessi dall'inizio dell'emergenza Covid in Puglia, quasi 9 mila decessi dall'inizio dell'emergenza Poco più di 21 mila gli attualmente positivi
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.