Associazioni

«Acquedotto pugliese pubblico, sia legge entro fine ottobre»

Il comitato Acqua bene comune scrive in Regione. Si rivendica la mancata trasformazione in legge del ddl

Il comitato pugliese Acqua bene comune ha inviato una nota rivolta all'intero consiglio regionale, all'esecutivo ed al presidente Nichi Vendola, rivendicando la mancata trasformazione in legge del disegno di legge che trasformerebbe l'Acquedotto pugliese in un soggetto di diritto pubblico gestito secondo un metodo di partecipazione sociale. Ecco il documento inviato a Bari:

«Scriviamo perché sono oramai decorsi i 100 giorni dall'inizio della nuova legislatura durante i quali l'attuale governo, nella persona del presidente Vendola e dei partiti di coalizione, aveva preso, in campagna elettorale, ufficialmente e pubblicamente (durante la conferenza stampa del 5 marzo scorso) l'impegno di trasformare in legge il disegno di legge per la trasformazione dell'Acquedotto pugliese in un soggetto di diritto pubblico. Ad oggi, non solo questo non è avvenuto, ma il disegno di legge, benché approvato nuovamente dalla giunta lo scorso 11 maggio, ci risulta non essere stato neppure inserito nel calendario dei lavori delle commissioni competenti.

Pertanto, sulla base degli impegni su richiamati assunti dal presidente e dai partiti di coalizione e della diffusa volontà dei cittadini pugliesi rispetto alla gestione pubblica e partecipativa dei servizi idrici (protagonisti di una mobilitazione straordinaria a sostegno dei referendum contro la privatizzazione dell'acqua in quasi ogni Comune della Regione e che ha portato alla raccolta di oltre 105.000 firme su 1.400.000 raccolte a livello nazionale) chiediamo di dare corso con sollecitudine agli impegni assunti dai rispettivi partiti con la cittadinanza durante la campagna elettorale mettendo all'ordine del giorno delle commissioni consiliari il disegno di legge sull'Acquedotto (stabilendo, quanto prima, le audizioni, alle quali chiediamo di partecipare) ed inoltrando e mettendo ai voti in Consiglio regionale, entro la fine del mese di ottobre, il disegno di legge nella forma in cui è stato approvato dalla giunta all'unanimità lo scorso 11 maggio affinché l'Acquedotto pugliese possa presto essere trasformato in un soggetto di diritto pubblico e gestito secondo un metodo di partecipazione sociale».
  • Regione Puglia
  • Acqua
  • Acquedotto pugliese
Altri contenuti a tema
Covid in Puglia, numeri stabili nelle ultime ore Covid in Puglia, numeri stabili nelle ultime ore Registrati 541 casi positivi
Covid, poco più di 400 i positivi ricoverati negli ospedali pugliesi Covid, poco più di 400 i positivi ricoverati negli ospedali pugliesi Secondo giorno consecutivo senza decessi registrati
Calano ancora gli attualmente positivi al Covid in Puglia Calano ancora gli attualmente positivi al Covid in Puglia Nessun decesso registrato nelle ultime ore. Tasso di positività sugli ultimi test al 17.5%
Acqua, la buona pratica quotidiana: la nuova campagna di AQP Acqua, la buona pratica quotidiana: la nuova campagna di AQP Per sensibilizzare ad un utilizzo responsabile della risorsa naturale più importante
La Regione Puglia lancia il corso online per stimolare l’innovazione e i processi di policy making La Regione Puglia lancia il corso online per stimolare l’innovazione e i processi di policy making Il corso sarà interamente in inglese, gratuito e in linea con i principi dell’open education
Pass laureati 2022 per la frequenza di master post laurea Pass laureati 2022 per la frequenza di master post laurea La prima finestra del bando ha registrato oltre 1500 istanze di candidatura
Covid in Puglia, ricoverati stabili intorno a quota 500 Covid in Puglia, ricoverati stabili intorno a quota 500 Circa 55 mila gli attualmente positivi
Covid in Puglia, netto calo degli attualmente positivi Covid in Puglia, netto calo degli attualmente positivi Dato dei ricoverati in aumento
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.