Violenza
Violenza
Servizi sociali

Violenze domestiche, l'app Youpol della Polizia si aggiorna per denunciarle

In questo periodo in cui si è costretti alla forzata permanenza in casa, potrebbe registrarsi un incremento

Da oggi Youpol, l'app realizzata dalla Polizia di Stato per segnalare episodi di spaccio e bullismo, viene estesa anche ai reati di violenza che si consumano tra le mura domestiche L'estensione dell'applicazione a questo tipo di reati è un ulteriore passo in avanti per contenere alcuni fenomeni che, in questo periodo di emergenza per il Coronavirus nel quale siamo costretti alla forzata permanenza in casa, potrebbero avere un incremento.

L'app è caratterizzata dalla possibilità di trasmettere in tempo reale messaggi ed immagini agli operatori della Polizia di Stato; le segnalazioni sono automaticamente georeferenziate, ma è possibile per l'utente modificare il luogo dove sono avvenuti i fatti. È inoltre possibile dall'app chiamare direttamente il NUE e dove non è ancora attivo risponderà la sala operativa 113 della questura. Tutte le segnalazioni vengono ricevute dalla sala operativa della questura competente per territorio. Per chi non vuole registrarsi fornendo i propri dati, è prevista la possibilità di fare segnalazioni in forma anonima.
Anche chi è stato testimone diretto o indiretto - per esempio i vicini di casa - può denunciare il fatto all'autorità di polizia, inviando un messaggio anche con foto e video.

L'applicativo, nato dalla ferma convinzione che ogni cittadino è parte responsabile e attiva nella vita democratica del Paese, si può scaricare gratuitamente ed è disponibile per dispositivi Ios e Android.

Per scaricare il file descrittivo delle nuove funzionalità basta cliccare il seguente link:
http://www.poliziadistato.tv/c_3JEW9vBa9B
  • Violenza sessuale
  • Violenza
  • violenza sui figli
Altri contenuti a tema
Oltre 50 sedie rosse in piazza Moro per ricordare le vittime delle violenze Oltre 50 sedie rosse in piazza Moro per ricordare le vittime delle violenze Anche Barletta ha aderito alla campagna "Posto occupato!"
Centri antiviolenza, in arrivo quasi 4 milioni di euro nel 2021 Centri antiviolenza, in arrivo quasi 4 milioni di euro nel 2021 I numeri e i dati forniti dalla Regione Puglia
25 novembre, Lacerenza (Cgil Bat): «Dove sono le politiche per le donne?» 25 novembre, Lacerenza (Cgil Bat): «Dove sono le politiche per le donne?» «È necessario riflettere sulla condizione delle donne ed impegnarsi per un mondo del lavoro più equo»
Gli psicologi: «Quella psicologica è una violenza invisibile» Gli psicologi: «Quella psicologica è una violenza invisibile» Secondo l'Oms, nel mondo il 35% delle donne ha subito violenza
A Barletta palloncini rossi in volo nella giornata per l'eliminazione della violenza sulle donne A Barletta palloncini rossi in volo nella giornata per l'eliminazione della violenza sulle donne Saranno lanciati questo pomeriggio dalle mamme e operatrici della comunità Lamacchia
Episodi di violenza a Barletta, l'intervento del sindaco in consiglio comunale Episodi di violenza a Barletta, l'intervento del sindaco in consiglio comunale «Da domani ci sarà un presidio della polizia locale nel centro storico»
6 Allarme baby gang a Barletta: ora la misura è davvero colma Allarme baby gang a Barletta: ora la misura è davvero colma O si reagisce come comunità o siamo al punto di non ritorno
6 Brutale aggressione tra ragazzi nel centro storico di Barletta Brutale aggressione tra ragazzi nel centro storico di Barletta I giovanissimi aggressori, tra cui anche minorenni, hanno agito in gruppo
© 2001-2020 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.