Coltello
Coltello
Cronaca

Tentato omicidio a Canosa, è stato un errore di persona. Fermato un 50enne

L'uomo ha ammesso le sue responsabilità. La vittima è in prognosi riservata

La polizia di Stato ha fermato un uomo di 50 anni di Canosa di Puglia, perché ritenuto responsabile di tentato omicidio ai danni di un altro uomo di Canosa di Puglia di 54 anni. Il fermo si è verificato nel citato Comune poco prima delle ore 07:00 di ieri 15 gennaio, in una via della zona centrale.
L'ignara vittima, un uomo incensurato, mentre era nei pressi del proprio garage, è stata avvicinata dall'aggressore, giunto a bordo della propria autovettura, che lo ha colpito improvvisamente al petto con un coltello da caccia dopo un breve scambio di battute, per poi allontanarsi con la stessa auto. Nonostante la grave ferita, il malcapitato è riuscito a raggiungere il presidio medico di Canosa di Puglia dove ha ricevuto i primi soccorsi, prima di essere trasferito presso l'ospedale di Barletta e poi a Foggia.

Immediatamente sono scattate le indagini da parte della Squadra Mobile e del Commissariato di P. S. di Canosa di P. - Uffici della Questura di Barletta Andria Trani – che, in poche ore, con il coordinamento della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Trani, hanno ricostruito la dinamica dei fatti ed identificato il responsabile del grave delitto, localizzato dopo poco a Canosa di Puglia.

Quest'ultimo ha ammesso le proprie responsabilità ed ha indicato il luogo dove aveva riposto il coltello utilizzato per il tentato omicidio, rinvenuto in una campagna di sua proprietà con la lama ancora sporca di sangue. Circa il movente del feroce gesto, l'uomo era convinto che la vittima fosse un infermiere che riteneva responsabile di un errore sanitario che aveva commesso in passato e che aveva cagionato una grave malattia ad uno stretto congiunto dell'aggressore.

La ricostruzione dei fatti ha consentito di appurare che si è trattato di un errore di persona e che la vittima, che si trova in prognosi riservata, non ha nulla a che fare con la vicenda di cui ha riferito il 50enne fermato dalla polizia di Stato. L'uomo è stato condotto nelle Casa Circondariale di Trani in attesa delle determinazioni dell'Autorità Giudiziaria.
Elezioni Amministrative 2022
Candidati sindaco
Candidati al consiglio comunale
  • Canosa di Puglia
Altri contenuti a tema
Agricoltore accoltellato a Canosa, si cerca il responsabile Agricoltore accoltellato a Canosa, si cerca il responsabile Dopo un'operazione chirurgica a Barletta, il 54enne è stato trasferito a Foggia
BMTA 2016, presenti anche Barletta e Canosa di Puglia BMTA 2016, presenti anche Barletta e Canosa di Puglia Una partecipazione legata da un solo tema: il fiume Ofanto
Capi di abbigliamento contraffatti, la Finanza li devolve alla Chiesa Capi di abbigliamento contraffatti, la Finanza li devolve alla Chiesa Erano stati sequestrati ad un'azienda di Barletta
Aggredito nella notte il sindaco di Canosa Ernesto La Salvia Aggredito nella notte il sindaco di Canosa Ernesto La Salvia Cascella esprime solidarietà al primo cittadino del centro canosino
L'auto si ribalta, perde la vita il conducente L'auto si ribalta, perde la vita il conducente Il sinistro sulla A14 nei pressi del casello autostradale tra Barletta e Canosa di Puglia
Barletta-Canosa, i pendolari chiedono una linea metropolitana Barletta-Canosa, i pendolari chiedono una linea metropolitana Il trasporto su gomma "pericoloso e controproducente"
Tentata estorsione ad un agricoltore a Canosa Tentata estorsione ad un agricoltore a Canosa Intervento dei Carabinieri della Compagnia di Barletta
Due incubatrici da Canosa a Barletta, La Salvia: «Siamo alla guerra tra poveri» Due incubatrici da Canosa a Barletta, La Salvia: «Siamo alla guerra tra poveri» Il sindaco di Canosa chiede spiegazioni a Procura, Regione, e Asl
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.