Tentata rapina Bonadies
Tentata rapina Bonadies
Cronaca

Tentata rapina alla gioielleria Bonadies di Barletta, arrestato un cerignolano

Fondamentale la comparazione con il DNA del sangue trovato sulla vettura usata per la rapina

Gli agenti del Commissariato di Barletta e di Cerignola, in seguito ad una articolata attività di indagine, hanno individuato ed arrestato un pregiudicato cerignolano di 45 anni.

L'uomo è ritenuto uno dei responsabili che la sera del 11 febbraio scorso, a bordo di una vettura risultata essere compendio di furto, dopo aver installato una barra metallica, insieme ad altri complici, aveva tentato di sfondare la vetrina di una gioielleria nel pieno centro di Barletta. Il primo tentativo di rapina non andò a buon fine per il mancato funzionamento dell'improvvisato 'ariete', che aveva ceduto nell'impatto contro il muro e per il sopraggiungere di una pattuglia della Polizia Municipale.
Nel tentativo di guadagnare la fuga, il rapinatore speronò diverse autovetture parcheggiate nei pressi della gioielleria. Subito dopo, costretto ad abbandonare il veicolo, ha raggiunto una seconda vettura a bordo della quale, ad attenderlo, vi erano altri complici.

Dopo il tentativo fallito, i rapinatori hanno guadagnato la fuga anche con l'utilizzo di chiodi a tre punte che avevano causato la foratura dei pneumatici della vettura della Polizia Municipale che si era lanciata all'inseguimento dei rapinatori.

Gli agenti del Commissariato di Barletta, sul luogo della tentata rapina, recuperarono la vettura utilizzata per sfondare la vetrina e all'interno della stessa rinvennero un fucile a canne mozze, perfettamente funzionante, con relativo munizionamento.

Durante il sopralluogo, gli investigatori hanno notato numerose macchie di sangue circostanza, quest'ultima, che ha fatto ritenere che con ogni probabilità il malvivente, durante il tentativo di sfondamento della vetrata, aveva riportato qualche ferita causata dalla rottura dell'ariete. Per tale ragione, venne effettuata una ricerca presso gli ospedali della zona al fine di accertare degli accessi al pronto soccorso di utenti che presentavano verosimilmente ferite al capo o agli arti superiori.

L'accertamento presso gli ospedali della BAT non sortì l'esito sperato e pertanto l'accertamento venne esteso anche agli ospedali delle province limitrofe.

L'attenzione degli inquirenti è stata focalizzata sull'accesso di un paziente presso il Pronto Soccorso di Cerignola che si era recato presso il nosocomio, in un orario successivo alla rapina, e presentava una ferita al capo e dolori al braccio destro, ferite compatibili con la dinamica ricostruita in fase di sopralluogo. Altro dettaglio che ha richiamato l'attenzione degli inquirenti, oltre ai precedenti penali per rapina del soggetto, vi era la circostanza che lo stesso aveva dichiarato di essere stato investito mentre si trovava a bordo della bici.

Dopo quanto accertato, la vettura è stata analizzata dal personale specializzato del Gabinetto di Polizia Scientifica di Bari che è riuscito a repertare numerose tracce di sangue e ad estrapolare il profilo del DNA.

La comparazione del profilo genetico, estrapolato dalle tracce ematiche rilevate all'interno della vettura abbandonata sul luogo della rapina, e il profilo genetico dell'uomo, ha consentito di accertare senza alcuna ombra di dubbio che lo stesso era il rapinatore che si trovava alla guida della vettura utilizzata per la tentata rapina.

I gravi indizi di colpevolezza, raccolti a carico del 45enne, hanno consentito al PM titolare delle indagini di avanzare la richiesta di emissione di custodia cautelare; l'impianto accusatorio è stato pienamente condiviso dal G.I.P. del Tribunale di Trani che ha disposto la traduzione in carcere dell'uomo.

Autovettura, armi ed oggetti utilizzati sono stati sequestrati.
  • Polizia di Stato
  • Rapina
Altri contenuti a tema
Arrestato 37enne a Barletta per detenzione di ordigni esplosivi Arrestato 37enne a Barletta per detenzione di ordigni esplosivi Il materiale è stato rinvenuto dalla Polizia di Stato in una cantina
1 Rapina, lesioni personali e ricettazione: due persone fermate a Barletta dalla Polizia Rapina, lesioni personali e ricettazione: due persone fermate a Barletta dalla Polizia Entrambi i cittadini marocchini risultavano inottemperanti al decreto d’espulsione
Elezioni regionali, a Foggia la Polizia indaga su casi di corruzione elettorale Elezioni regionali, a Foggia la Polizia indaga su casi di corruzione elettorale L'indagine ha riscontrato un’illecita dazione di denaro come prova dell’avvenuto voto a favore di un candidato foggiano
Furto e ricettazione, trovata anche una moto rubata nel 2018 a Barletta Furto e ricettazione, trovata anche una moto rubata nel 2018 a Barletta Nei guai un 53enne di Cerignola: nel suo garage nascondeva diversi veicoli rubati
Violenza sessuale e lesioni, arrestato 60enne pregiudicato di Barletta Violenza sessuale e lesioni, arrestato 60enne pregiudicato di Barletta Legato al clan malavitoso Cannito-Lattanzio, era stato denunciato da una giovane nigeriana
6 Botte nella stazione di Barletta, arrestati in due per rapina aggravata Botte nella stazione di Barletta, arrestati in due per rapina aggravata Picchiarono un ragazzo con una cinghia borchiata per derubarlo
Auto rubata a Barletta nelle "grinfie" di tre ladri Auto rubata a Barletta nelle "grinfie" di tre ladri La carcassa del veicolo è stata rinvenuta dalla polizia nelle campagne di Cerignola
1 Controlli a tappeto a Ferragosto: massima attenzione per la movida Controlli a tappeto a Ferragosto: massima attenzione per la movida Si vigilerà sull’uso delle mascherine e sull’osservanza delle linee guida di settore elaborate per ciascuna tipologia di esercizio di attività economica
© 2001-2020 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.