Stop plastic, flash mob di Greenpeace sulla spiaggia di Barletta
Stop plastic, flash mob di Greenpeace sulla spiaggia di Barletta
Associazioni

Stop alla plastica usa e getta, ​Barletta manifesta in spiaggia

Dopo la pulizia della costa, volontari e studenti hanno disegnato sulla sabbia una balena che rigurgita plastica

Circa 350 persone, tra volontari di Greenpeace del Gruppo Locale di San Ferdinando di Puglia, studenti e docenti del plesso didattico Nervi dell'Istituto "Fermi-Nervi-Cassandro", durante il weekend si sono ritrovate sul Lungomare Pietro Mennea di Barletta per raccogliere e censire la plastica presente in spiaggia e lanciare un forte messaggio in difesa del mare e degli organismi che vi abitano.

Al termine delle operazioni di pulizia del litorale, volontari, studenti e docenti hanno disegnato sulla sabbia una gigantesca balena che rigurgita plastica usa-e-getta e hanno alzato le braccia per comporre, su una superficie di oltre tremila metri quadri, la scritta "Stop Plastic".

«Questo messaggio forte e di grande impatto visivo sottolinea la necessità di intervenire subito su una delle più grandi emergenze ambientali dei nostri tempi, l'inquinamento da plastica», dichiara Giuseppe Ungherese, responsabile campagna inquinamento di Greenpeace Italia. «Il mare e le sue creature pagano il prezzo più elevato di questa contaminazione che sta assumendo, giorno dopo giorno, proporzioni sempre più allarmanti. Da mesi chiediamo alle grandi multinazionali, responsabili della commercializzazione dei più grandi volumi di plastica usa-e-getta di assumersi le proprie responsabilità, riducendo drasticamente la produzione di plastica monouso per salvare i nostri mari», conclude Ungherese.

Ogni minuto, ventiquattro ore al giorno, l'equivalente di un camion pieno di plastica finisce nei mari del Pianeta, provocando gravi danni agli ecosistemi marini e agli animali che lo popolano come balene, tartarughe e delfini. Di tutta la plastica prodotta ogni anno, il 40 per cento viene impiegato per la produzione di contenitori e imballaggi monouso, di difficile recupero e riciclo a fine vita. Per spingere le grandi multinazionali a intervenire sul problema dell'inquinamento da plastica nei mari del Pianeta, Greenpeace nei mesi scorsi ha lanciato una petizione sottoscritta da più di tre milioni di persone in tutto il mondo, con cui chiede ai grandi marchi come Nestlè, Unilever, Coca-Cola, Pepsi, Ferrero, San Benedetto, Colgate, Danone, Johnson & Johnson e Mars di ridurre la produzione e investire in sistemi di consegna alternativi che non prevedano il ricorso a contenitori e imballaggi in plastica monouso.
5 fotoStop alla plastica usa e getta, ​Barletta manifesta in spiaggia
Stop alla plasticaStop alla plasticaStop alla plasticaStop alla plasticaStop alla plastica
  • Ambiente
Altri contenuti a tema
1 Monitoraggio ambientale, a Barletta 19 nuovi piezometri Monitoraggio ambientale, a Barletta 19 nuovi piezometri I piezometri sono dei pozzi che consentono di prelevare campioni di acqua a diverse profondità
Mille borracce ecologiche per la scuola "Fieramosca" di Barletta Mille borracce ecologiche per la scuola "Fieramosca" di Barletta L'iniziativa è stata realizzata dal Comune con il contributo della Bar.S.A.
Parte la consegna di 1600 borracce “green” nelle scuole di Barletta Parte la consegna di 1600 borracce “green” nelle scuole di Barletta Inizierà domani la promessa distribuzione delle borracce, toccando in tre giorni diversi plessi
Lapidi abbandonate ad Ariscianne, individuati e denunciati i responsabili Lapidi abbandonate ad Ariscianne, individuati e denunciati i responsabili Prescrizioni anche per azienda di Trani che provocò emissioni moleste ad agosto
A Barletta saranno piantati 15 esemplari di albero imperatrice A Barletta saranno piantati 15 esemplari di albero imperatrice Il consigliere Dileo illustra le caratteristiche della "Paulownia tomentosa"
Monitoraggio qualità aria, nuova collocazione per una centralina Monitoraggio qualità aria, nuova collocazione per una centralina I dati saranno resi noti da Arpa Puglia che elaborerà i dati rilevati in viale Leonardo Da Vinci
Nuova vita ai rifiuti, ScartOff di Barletta presenta il progetto “Loop” Nuova vita ai rifiuti, ScartOff di Barletta presenta il progetto “Loop” L'associazione culturale ScartOff parteciperà alle "Giornate Ecologiche 2019"
Barletta invasa da fumo e puzza, due incendi tra Ariscianne e Salinelle Barletta invasa da fumo e puzza, due incendi tra Ariscianne e Salinelle Numerose le lamentele dei cittadini sui social: arriva risposta ufficiale dal Comune
© 2001-2020 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.